canottieri varese 2Una giornata di festa quella di sabato per la Canottieri Varese. Più di 200 persone si sono radunate sulle rive della spiaggia per “Boat passion”, cerimonia di varo di “Eolo” e “Federico”, il doppio e il quattro del cantiere Filippi recentemente acquistati dalla società bosina.

Il ds della Canottieri Varese e cerimoniere della manifestazione, Luca Broggini, ha iniziato introducendo il concetto di passione, filo conduttore dell’evento: la passione è infatti il sentimento degli atleti, dei tecnici, degli organizzatori, dei volontari, ma anche dei main sponsor (Viar Spa, Elmec Informatica Spa e Benedetti Costruzioni Srl). Presenti le autorità: il sindaco di Varese Attilio Fontana, l’assessore allo sport e alle politiche giovanili del comune di Varese Maria Ida Piazza, la direttrice dell’Agenzia del Turismo della Provincia di Varese Paola della Chiesa e il presidente del CONI della provincia di Varese Stefano Ferrario, hanno salutato il pubblico della Schiranna.

canottieri vareseCon la musica dal vivo di Sofia Ghezzo e Candela in sottofondo, i 42 ragazzi dell’agonismo giovanile hanno fatto la prima fiaccolata della storia del canottaggio italiano, che è partita dai pontili di sbarco/imbarco e si è conclusa sulla spiaggia.

Con il ricordo dell’amico Federico Benedetti, atleta giallo-azzurro scomparso lo scorso anno cui è stato intitolato il doppio, si è entrati nel vivo della cerimonia. Prima della benedizione e delle parole di don Mauro, della parrocchia di Masnago, Calcinate e Lissago, la soprano Annalisa Paroni ha cantato l’Ave Maria di Bach-Gounod. Quindi sei atleti della squadra agonistica della Canottieri Varese hanno fatto fare ad “Eolo” e a “Federico” il primo giro in acqua.

[email protected]