La Massa Sollevamenti Cassano Magnago alza bandiera bianca in gara-2 della finale e abdica al sogno promozione in C1. I ragazzi di coach Crugnola ieri sera al Pala Tacca di Cassano hanno ceduto per 69-62 contro Calolziocorte.
La partita rimane in equilibrio per due quarti e il palazzetto gremito è riscaldato dall’avvincente duello tra Mapelli e Corbetta. Calolziocorte limita le bocche di fuoco varesine (Gandolfi, Beretta e Mapelli), ma in attacco soffre una difesa altrettanto tenace specie sugli esterni.
Nell’ultimo quarto Cassano cambia passo, ma gli ospiti sono sempre pronti a farsi sotto; la stanchezza e la frustrazione cominciano a mordere Mapelli, che smette di segnare e nel finale di partita commette rapidamente il quarto e quinto fallo. Psicologicamente è una botta importante, perché da quel momento è Cassano a dover rincorrere. Dopo una “guerra di time-out” tra i due coach, è il lecchese Paduano dalla lunetta a piazzare glacialmente il fatale doppio possesso di vantaggio (59-63 al 26″ dalla fine); Beretta trova con gran classe l’ultima tripla e riporta sotto i suoi, ma Calolziocorte continua a non sbagliare dalla lunetta.
Parte così la festa ospite, mentre in casa Cassano Magnago è grande la delusione per essere arrivati ad un passo dalla C1.

[email protected]
(foto http://www.carpediembasket.com