Settimana intensa a Galliate Novarese, sede dei Campionati Italiani Assoluti di Boxe riservati agli Elite I/II serie vincitori dei rispettivi campionati Regionali, per il Panthers Lauri erano presenti il medio Igor Sevostianov, eliminato nei quarti da un verdetto di 2 a 1 con il nazionale Ranno della Sicilia, che ha perso in finale dal campano Munno anche lui nel giro della nazionale.
Per l’altro portacolori del club varesino Iuliano Gallo la scalata alla finale è stata condotta con parsimonia e sicurezza: al primo turno ha eliminato Esposito delle Marche, poi in semifinale ha avuto la meglio sul forte De Filippo della Puglia ed in finale si è ritrovato di fronte D’Andrea del Gruppo Sportivo Forestale, che lo aveva battuto sempre in finale l’anno scorso. Quest’anno la sicurezza dell’atleta varesino, dopo le belle vittorie nelle fasi eliminatorie, lo ha portato ha una gara più equilibrata. Dopo aver carburato nella prima ripresa lasciandola di un pelo al rivale, nella seconda ripresa ha aumentato il ritmo andando ripetutamente a segno con dei bellissimi colpi. A metà della seconda, con una testata, D’Andrea ha provocato una ferita in testa a Gallo che comunque si porta a casa la seconda ripresa. Gallo si esibisce in un splendida terza ripresa sciorinando un ottimo repertorio mettendo sotto il quotato avversario. Il club di Varese era pronto ad esultare per il titolo, ma un verdetto alquanto insolito lo ha dato perdente.
Insoddisfazione naturalmente in casa Panthers: “Non stiamo qui a recriminare o a piangere su latte versato – dicono dal club -, ma ci domandiamo se gli arbitri abbiano capito che il pugilato ha subito una metamorfosi- Forse sono ancora rimasti al punto colpo, non premiando l’estro e la capacità individuali. Analizzando quasi tutti gli altri incontri di finale, dove la rissa e la bagarre hanno avuto il sopravvento, forse la prestazione di Gallo è risultata troppo bella da essere presa in considerazione o politicamente scomoda”.

[email protected]