Polha Varese in cabina di regia per i campionati italiani giovanili di nuoto paralimpico, in programma domenica 21 aprile.
Su Sesto Calende sventolerà il Tricolore domenica, quando la piscina Wave ospiterà i campionati italiani giovanili di nuoto paralimpico.  Una kermesse targata Polha Varese e organizzata in collaborazione con Finp (Federazione Italiana Nuoto Paralimpico), Comune, Provincia e Panathlon.
In rappresentanza di 29 società, in arrivo da tutto lo Stivale, gareggeranno 78 atleti, disabili fisici e non vedenti nati tra il 1991 e 2003. Non mancheranno le stelle e in particolare i due maggiori esponenti del movimento varesino, Federico Morlacchi e Fabrizio Sottile (che difenderà i colori delle Fiamme Gialle). Due talenti già affermati, reduci dalle Paralimpiadi di Londra, ma ancora in età per partecipare all’evento. La polisportiva diretta da Daniela ColonnaPreti sarà in acqua anche con Arianna Talamona, Andrea Colombo, Davide Cesarano e con le new entry Alessandro Andreoni e Lorenzo Zeni.
L’obiettivo per tutti sarà quello di migliorare i propri tempi. Per i nuotatori più in vista, si tratterà di un’importante tappa di avvicinamento ad altri appuntamenti clou della stagione, come la sfida internazionale open di Berlino, in calendario a fine maggio.
Domenica, il programma prevede l’inizio delle operazioni di riscaldamento alle 8:30 e le sfide tricolori dalle 9 alle 13. Intorno a metà mattina, verrà dato spazio anche a una batteria dimostrativa di principianti, nuove leve tra i 7 e i 12 anni, provenienti quasi interamente dal Centro di Avviamento allo Sport della Polha.
L’ingresso all’impianto sportivo sarà gratuito.
Siamo orgogliosi di organizzare un evento nazionale dedicato agli atleti in erba – commenta Daniela Colonna-Preti -. Deve passare il messaggio che lo sport paralimpico è giovane. Prima si comincia a praticarlo e meglio è, sia sul piano dell’integrazione, sia sul piano del benessere che su quello dei risultati, più facili da conseguire per chi inizia in tenera età. E a tal proposito, ci tengo a ringraziare la Provincia di Varese, rappresentata dall’assessore allo sport Giuseppe De Bernardi Martignoni, la cui attività sta giungendo al capolinea. La collaborazione dell’ente di Villa Recalcati è stata fondamentale all’interno del programma ‘Sport si Può’, che dal 1997 ha dato la possibilità a tantissimi studenti disabili di imparare a nuotare”.
Per la società bosina si tratterà del debutto in cabina di regia per un campionato italiano di nuoto. Debutto anche per l’impianto ospitante, ovvero la piscina Wave, i cui gestori hanno dimostrato grande disponibilità e sensibilità. La speranza è che un evento del genere possa fare da volano per l’avvio di un corso di nuoto a Sesto Calende. Le basi del progetto sono già state gettate.

[email protected]