Sconfitta in casa contro L’Aquila per i Wild Boars Varese con il risultato di 1-4 (0-2, 1-1, 0-1 i parziali).  I Wild Boars arrivano al match contro la forte formazione aquilana senza Saaksvuori, Tamborini e Parisi ma recuperano per l’occasione Bizzozero che si conferma uomo molto utile grazie alla sua fisicità.
A causa delle assenze coach Ceccutto sposta Volpe a metà campo con Tieppo mentre Molinari agisce da punta. In difesa lo stesso Ceccutto e Ghislanzoni. L’altra linea è invece composta da Macchi e Ossola in difesa, Fasolo e Bizzozero in mediana e Prandi in attacco.
Il match è molto equilibrato con difese attente e poche occasioni da rete su entrambi i lati. Sul finire del primo periodo però Placidi punisce una delle rare disattenzioni difensive varesine e insacca alle spalle di Sartori. A questo punto gli arbitri comminano una penalità di due minuti a Prandi e gli aquilani segnano ancora in power play con Fischione.
Nel secondo periodo i “cinghiali” pressano maggiormente: Molinari si procura un rigore e poi lo realizza per il momentaneo 2-1. Un Prandi molto nervoso si fa punire con altri due minuti e poco dopo anche Volpe finisce sulla panca dei puniti per una distanza sul rilancio del portiere fischiata in maniera molto fiscale. In box play Varese subisce il terzo gol ad opera del solito Placidi.
Nel terzo periodo gli sforzi varesini sono vani e Iezzi segna il quarto gol aquilano. Nell’occasione grande ingenuità dei padroni di casa che, pur in superiorità numerica, si lasciano sorprendere in contropiede dal capitano abruzzese.
Nel complesso una discreta prestazione per i rossoneri con sensibili miglioramenti in fase difensiva ma con grossi limiti in fase offensiva. L’azione d’attacco ha mostrato poca fluidità con troppe iniziative personali e poche azioni costruite.
Prossimo appuntamento per i cinghiali è a febbraio con gli impegni contro Vipiteno e Fbc Bozen in Alto Adige.

[email protected]