BARI – Il Varese si impone sul Bari con un gran gol di Pucino in apertura di gara. Per la squadra di Castori si tratta di tre punti importantissimi considerando anche la sconfitta del Verona nel derby contro il Vicenza. Il Varese dunque resta quarto in classifica e si porta a -5 dai veronesi. Corti e compagni affrontano l’emergenza assenze, con le aggiunte di Zecchin, destinato in tribuna, Neto Pereira, stiramento a fine primo tempo e Damonte, espulso a inizio ripresa, con carattere e portano a casa una vittoria stringendo i denti fino all’ultimo.
Veniamo alla partita. Castori che all’ultimo ha dovuto rinunciare anche a Zecchin per un problema all’adduttore. In tribuna anche gli acciaccati Fiamozzi e Martinetti. Cambio di formazione dunque con Lazaar che si sposta sulla fascia sinistra di centrocampo completato da Oduamadi, dal lato opposto, e la coppia Damonte-Filipe in mediana. In difesa spazio dunque a Franco, esterno sinistro, Corti e Troest in mezzo con Pucino a destra. In attacco confermati Neto Pereira ed Ebagua. Il Bari risponde con il 3-4-3 con l’ex Dos Santos in mezzo alla difesa con la fascia di capitano e il rientrante Ghezzal in attacco che ha archiviato l’infortunio. Varese subito pericolo al 3′ su corner: Filipe dalla bandierina pesca Damonte che tenta il colpo di testa non inquadrando la porta. Altro angolo degli ospiti al 5′ con Damonte che questa volta ci prova di piede. Il Varese sblocca la partita al 12′ con un gran gol di Pucino che trova la porta con un preciso destro da lontanissimo sulla respinta di Lamanna al corner di Filipe, una botta al volo che finisce dritta sotto la traversa. Per il difensore si tratta del secondo gol nella serie cadetta dopo quello all’esordio nella scorsa stagione. Pericolo nell’area del Varese al 24′ con Bressan che intercetta il pallone in due tempi. Il Bari ci prova con Ghezzal che spara alto di testa su punizione di Bellomo (28′). Subito dopo Ebagua ha l’occasione per raddoppiare, a tu per tu con Lamanna, fa partire il sinistro che il portiere riesce a deviare. Neto Pereira abbandona il campo in barella per un infortunio muscolare, al suo posto entra Juan Antonio. Punizione allo scadere dal limite dell’area di Ghezzal: Bressan fa suo il pallone in tuffo. Il primo tempo termina 1-0 per il Varese.
La ripresa inizia con il Bari in avanti: al 5′ Tallo scarta Corti e spedisce a lato del secondo palo. All’8′ il Varese resta in dieci per il doppio giallo a Damonte che commette fallo sul neoentrato Fedato. Palla-gol del Varese al 13′: punizione di Filipe dal vertice sinistro dell’area e colpo di testa di Ebagua fuori di poco. Bari pericoloso in due occasioni al 21′: prima Tallo serve Ghezzal con Corti che devia in angolo la sua conlusione. Dal corner arriva la conclusione di Ceppitelli che finisce fuori. Il tecnico Castori rimpolpa la difesa con Carrozzieri che prende il posto di Oduamadi. Bressan salva la porta deviando in corner di tuffo la conclusione di Rossi sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Ultima occasione per il Bari al 47′: punizione di Bellomo per la conclusione di testa di Ceppitelli che finisce sul palo dopo il tocco di Bressan. L’arbitro espelle Sciaudone che commette fallo su Corti e poi fischia la fine. Il Varese porta a casa tre punti pesantissimi.
I COMMENTI DEL POSTPARTITA

IL TABELLINO
Bari 3-4-3: Lamanna; Ceppitelli, Dos Santos (dal 9′ st Iunco), Polenta, Sabelli, Sciaudone, Bellomo Rossi; Galano (dal 7′ st Fedato), Tallo, Ghezzal. A dispozione: Rena, Ristovski, Defendi, Altobello, Defalco. All. Torrente.
Varese 4-4-2: Bressan; Pucino, Corti, Troest, Franco; Oduamadi (dal 23′ st Carrozzieri), Filipe, Damonte, Lazaar (dal 36′ st Struna); Neto Pereira (dal 37′ pt Juan Antonio), Ebagua. A disposizione: Bastianoni, Scapuzzi, Tripoli, Kone. All. Castori.
Arbitro: Cervellara di Taranto.
Marcatori: p.t.: 12′ Pucino (V).
Note – Espulsi: Damonte all’8 del st per doppia ammonizione; Clerici (medico sociale Varese) per proteste, Sciaudone (B) al 48′ st per doppia ammonizione. Ammoniti: Oduamadi, Bressan, Sciaudone, Polenta. Angoli: 8-3.

e.c. ([email protected])