Moreau 8: compie parate prodigiose. Eder se lo ricorderà a lungo: la sua punizione quasi perfetta e il rigore sono stati sventati dal buon Mathieu con gran classe e, soprattutto, grande efficacia.
Pucino 6.5: altra prova senza sbavature. La sua maturità, ormai, è cosa lampante e dimostra, gara dopo gara, di meritare il posto da titolare.
Camisa 6.5: torna titolare dopo parecchio tempo e disputa un’onesta partita. Gli attaccanti della Samp sono dei colossi, e a lui capita di marcare il cugino. Già, con Pellè lo scontro è tutto in famiglia.
Terlizzi 7: arrivava da una settimana difficile, ricca di polemiche. Con la prestazione di ieri, però, ha dimostrato che è tutto alle spalle, tutto resecato in vista dei playoff. Da leader va a prendersi il pallone quando Baracani fischia il secondo rigore. E lo trasforma splendidamente.
Grillo 7: è forse il più in forma dei biancorossi. Corre, lotta, difende e attacca. Ci prova anche con un paio di bordate mancine nel primo tempo, ma la mira è da affinare.
(20′ s.t. Albertazzi 6: in realtà il presunto fallo da rigore era il suo, ma il giallo lo prende Damonte. In ogni caso Moreau fa sì che questo non pesi sul risultato finale. Per il resto grande disciplina tattica, fa il suo compito senza problemi)
Lepore 7: sarebbe mezzo punto in meno per essere obiettivi. Ma Curcio va premiato per la sua costanza e per la sua determinazione: sino a ieri aveva giocato un’oretta scarsa mettendo insieme tutti gli spezzoni, ha dimostrato il suo valore con una prova decisamente positiva.
Corti 7: è tornato il Daniele dei tempi migliori. Deve forse ritrovare un po’ di condizione, ma ha recuperato una valanga di pallone in mezzo al campo. Prezioso.
(30′ s.t. Filipe n.g.)
Damonte 7: contro la Samp è la sua partita. All’andata è stato decisivo con quel gol allo scadere, ieri ha fatto tanta legna in mezzo al campo, rispondendo presente alla chiamata di Maran.
Nadarevic 6.5: bene, ma non benissimo. Da lui ci si aspetta sempre quel qualcosina in più.
Martinetti 7: disciplinato, tecnico e freddo sul dischetto. Recupera anche qualche pallone in fase di ripiegamento.
(14′ s.t. Momentè 7.5: Magic Moment. E’ tornato, finalmente dopo un anno e mezzo lontano dal suo habitat naturale, il campo. Per lui vale lo stesso discorso fatto per Lepore. Voto lievitato leggermente per l’impegno e la forza che ci ha messo nel recuperare dal doppio intervento al ginocchio. E poi ha segnato pure il gol che ha chiuso la gara).
De Luca 7.5: fa impazzire il malcapitato Volta che non lo vede mai. Gli scappa sempre e va vicinissimo all’undicesima gioia personale, se il palo non si fosse opposto. Lui per il salto di categoria è decisamente pronto.

f.l. ([email protected])