Il Monday Night col Grosseto, oltre alla sconfitta beffarda ed immeritata, ha lasciato in eredità al Varese anche l’infortunio piuttosto serio di Fabrizio Grillo. Il terzino mancino biancorosso, costretto ad uscire anzitempo dalla gara, si è sottoposto ieri a tutti gli esami del caso che hanno evidenziato un trauma distorsivo-contusivo al suo ginocchio destro. Ciò significa che Grillo non potrà essere a disposizione di Rolly Maran nei prossimi due impegni ravvicinati: sabato a Cittadella e martedì contro la Nocerina.
Al suo posto, dunque, dovrebbe giocare Cacciatore, con Pucino confermato sulla fascia destra e Damonte a fare compagnia a Kurtic in mezzo al campo. Già, perché al “Tombolato” non ci sarà nemmeno Filipe Gomes ancora alle prese col suo problema alla caviglia. Anche Neto non sarà della sfida e pare che il suo guaio possa protrarsi sino almeno alla sfida contro i campani di martedì. Ieri anch Terlizzi ha effettuato un’ecografia dopo una botta patita lunedì contro i maremmani: gli esami hanno, fortunatamente, escluso fratture e quindi il forte difensore biancorosso dovrebbe essere regolarmente a disposizione per sabato. Lavorano costantemente in gruppo anche Daniele Corti e il ritrovato Matteo Momentè: per loro c’è da recuperare la forma fisica e atletica ideale, ma pare che possano essere tenuti in considerazione per la sfida ai padovani.

IL POSTICIPO –
Cittadella che ieri ha vinto nel posticipo sul campo del Livorno con il punteggio finale fissato sul 2-1. Il Livorno, dunque, non riesce nell’intento di dedicare a Piermario Morosini una vittoria nel giorno del ritorno in campo dopo la tragica scomparsa del venticinquenne centrocampista: allo Stadio Picchi finisce 2-1 per il Cittadella in virtù delle reti messe a segno da Dionisi, Di Nardo e Job. Espulsi Knezevic tra le fila toscane e Marchesan per il Cittadella: il centrocampista così non sarà della sfida sabato contro il Varese. Questo pomeriggio, alle 14.30, in campo Torino e Reggina per il recupero del secondo tempo della sfida interrotta per maltempo lo scorso 6 aprile sul vantaggio dei padroni per una rete a zero.

f.l. ([email protected])