Da un lato l’amarezza per i risultati. Dall’altro la grandissima felicità per aver vissuto un momento irripetibile. In casa Pro Patria Basket Busto Arsizio l’avventura alle Finali Nazionali Under 15 disputate nei giorni scorsi tra Vasto e Termoli si è chiusa mandando in archivio stati d’animo decisamente contrapposti.
“C’è una sana dose di delusione per aver raccolto risultati inferiori alle aspettative perché – dice Andrea Rossini, direttore sportivo e responsabile organizzativo del settore giovanile biancoblu -, nel nostro clan si covava la speranza di passare un turno e approdare ai quarti. Purtroppo le condizioni fisiche approssimative di Re Cecconi e Rossini, le due leader della squadra – ragazze che all’Interzona di Latina avevano incantato per capacità di costruire e finalizzare il gioco -, hanno rappresentato un ostacolo imprevisto piazzato in mezzo al cammino di un gruppo che, più di tutto, ha pagato un’acuta sterilità offensiva realizzando solo 80 punti in tre partite: un dato che si commenta da solo”.
Prive, là davanti, del consueto apporto garantito dalla coppia citata (circa 40 punti fatturati in media nel corso della stagione), alle “tigrottine” non sono bastate le buone prestazioni del trio Castiglioni (MVP della spedizione Pro), Ardito, Bernasconi. Le bvstocche si sono così arenate davanti al larghissimo uso di difese a zona di avversarie che, “fisicate” oltre ogni immaginazione, vedi le umbre Cubaj e Ndwoie 191 e 187 cm, la ligure Tosi (188), la bergamasca Degortes (190), hanno eretto un muro invalicabile per la Pro Patria che, senza le qualità fisiche indispensabili per sviluppare un efficace gioco interno, si è giocoforza affidata al tiro perimetrale. Una variabile che nelle tre giornate di gare è letteralmente impazzita con statistiche globali assolutamente insufficienti. Emblematico, in questo senso, l’8/52 dal campo (pur con tantissimi tiri aperti) totalizzato in gara 3 contro Bergamo.
“Resta, tuttavia – riprende Rossini -, l’enorme soddisfazione per aver concluso al meglio un percorso di crescita costante negli anni: vice campionesse Under 13 nel 2010, campionesse U 14 nel 2011 e, oggi, nelle top-16 d’Italia tra le Under 15. Non saranno certo le ultime tre partite “sfortunate” ad alterare il giudizio complessivo o inquinare un’esperienza triennale che, a tutti – giocatrici, dirigenti, staff tecnico -, ha regalato solo momenti positivi e bellissimi”.

Risultati
1° Giornata Pink Panther Terni – Ceriani Group Pro Patria 50-31
2° giornata Basket Savonese – Ceriani Group Pro Patria 51-29
3° giornata: Lussana Bergamo – Ceriani Group Pro Patria 45-20

[email protected]