Michael Bresciani vince il “23° Trofeo Buso Legnami”

0
11

Dopo una gara affrontata in modo perfetto, Michael Bresciani si aggiudica il 23° Trofeo Buso Legnami, battendo in volata personaggi del calibro di Mattia Biasiolo e Francesco Rosa. Una corsa da applausi quella organizzata dal Gruppo Sportivo Cimbro, che come sempre, registra un numero altissimo di iscritti ed un altrettanto interessante numero di atleti alla partenza: infatti, erano in 161 i ragazzi della categoria juniores al via questa mattina, tutti decisi a festeggiare Ferragosto con una vittoria importante. Due circuiti disegnati sulle strade di Cimbro, Vergiate e Casale Litta, da affrontare più volte, con un continuo cambio di pendenze che rende il Trofeo Buso Legnami, uno dei più impegnativi dell’estate della categoria regina del ciclismo giovanile: questa è una delle più importanti motivazioni, che spinge molte squadre, tra cui una corazzata come il Team Giorgi del vincitore di quest’anno, a partecipare dando il massimo per raggiungere il successo. La cronaca parla di una serie di tentativi di fuga che hanno spinto il plotone ad alzare continuamente l’andatura per portare i propri capitani alla volata finale, rendendola così, una vera e propria “corsa ad eliminazione”; infatti, solo i più forti o per lo meno i più in forma, sono riusciti a percorrere ben 113km, sfiorando i 42km/h di media per presentarsi al traguardo a giocarsi la vittoria, Tra questi non poteva mancare uno dei protagonisti dell’intera stagione, Michael Bresciani, che senza commettere il minimo errore ha aggiunto un altro importante trofeo alla sua personale collezione.

ORDINE D’ARRIVO DEL 23° TROFEO BUSO LEGNAMI
1- Michael Bresciani (Team Giorgi) 112,8km, in 2h44′, media 41,268km/h; 2 – Mattia Biasiolo (Contri); 3 – Francesco Rosa (Montecorona); 4 – Daniele Arnaboldi (Canturino); 5 – Daniele Mossini (GB Junior); 6 – Simone Benedetti (Mazzano); 7 – Michele Trinca (Massi’ Supermercati); 8 – Fabio Tuzi (Rapagnanese); 9 – Edward Ravasi (Bustese); 10 – Michael Abitante (Team Aurea Zanica).

Alessandra Conti