Il Varese ha grinta, la Real Sociedad è cinica: 2-4 il risultato finale

0
11

Alla presenza di 1200 tifosi, il Varese ha fatto il suo esordio estivo tra le mura amiche nell’amichevole di lusso contro la Real Sociedad, la squadra basca che il 19 agosto esordirà in campionato contro i campionissimi del Barcellona al Camp Nou.
Un test importante dunque per i biancorossi, che dopo aver sofferto nei primi 45 minuti sono riusciti a dimostrare la loro grinta e il loro valore accorciando le distanze fino al definitivo 2 a 4, grazie alla doppietta di un incontenibile Momentè, già in forma campionato.
La banda di Castori era partita meglio, sfiorando la rete in due occasioni, entrambe su calcio d’angolo per la testa di Martinetti; nella prima, la palla, deviata dalla difesa basca, termina di poco a lato. Sugli sviluppi del corner successivo, lo stesso numero 9 biancorosso svetta sopra tutti, mandando però il pallone alto di poco sopra la traversa.
Al 3′ Varese ancora pericoloso dalla bandierina: il fatato tiro di Zecchin termina sulla testa di Carrieri, la cui incornata è ben controllata da Enrike. Alla prima occasione, però, la Real Sociedad passa in vantaggio: al 7′ Griezmann dai 25 metri lascia partire un pregevole tiro a giro di sinistro che si insacca alle spalle dell’incolpevole Bressan.
Ci impiega poco il Varese a riaffacciarsi dalle parti della difesa basca: al 12′ Kink, oggi in attacco, conquista palla a centrocampo salta Bergara in velocità arriva davanti al portiere spagnolo ma manda la palla di poco a lato alla destra di Enrike. Dopo aver sfiorato il raddoppio con le punizioni di Ifran e Pardo, la Real Sociedad si porta sul 2 a 0; il tiro di Agirretxe è miracolosamente ribattuto sulla traversa da Bressan che nulla può sul tap-in vincente ancora di Griezmann. Lo stesso numero 7 basco sei minuti più tardi è protagonista con l’assist del 3 a 0 ad Agirretxe, che a porta vuota non sbaglia.
Il secondo tempo si apre all’insegna del Varese: al 10′ Momentè accorcia le distanze con un perentorio colpo di testa su calcio d’angolo di Nadarevic; lo stesso attaccante neo entrato con il numero 20, un minuto dopo, impegna il portiere basco con una sassata da fuori area che termina di poco a lato. Dopo 5 minuti è Pucino a provare la botta che, però, è controllata in due tempi da Enrike. Il momento di gloria del Varese termina al 20′, quando una palla morta sulla trequarti biancorossa viene raccolta da Zurutuza che scarica un violento destro che si infila alle spalle del neo entrato Bastianoni. Al 32′ rigore per il Varese: sugli sviluppi dell’ennesimo calcio d’angolo la palla finisce tra i piedi di Miracoli che viene agganciato da dietro da Ros; Momentè, a tu per tu con il portiere spagnolo, non sbaglia. Il Varese termna la gara davanti, con un tiro di Damonte che sfiora il palo e si perde sul fondo.

VARESE – REAL SOCIEDAD: 2-4 (0-3)
Varese (4-4-2): Bressan (Bastianoni dal 17′ s.t.); Pucino (Fiamozzi dal 14′ s.t.), Troest, Carrieri, Grillo (Lazaar dal 14′ s.t.); Zecchin (Tripoli dal 14′ s.t.), Filipe (Wagner dal 22′ s.t.), Corti (Damonte dal 1′ s.t.), Nadarevic (Miracoli dal 26′ s.t.); Martinetti (Eusepi dal 1′ s.t.), Kink (Momentè dal 1′ s.t.). Allenatore: Fabrizio Castori.
Real Sociedad (4-3-3): Enrike; Estrada (Martinez dal 1′ s.t.), Mikel (Ansotegi dal 1′ s.t.), Cadamuro, De la Bella (Jose Angel dal 1′ s.t.); Zurutuza (Illaramendi dal 26′ s.t.), Bergara (Ros dal 1′ s.t.), Pardo (Elustondo dal 26′ s.t.); Ifran (Chory dal 17′ s.t.), Agirretxe (Sarpong dal 1′ s.t.), Griezmann (Vela dal 1′ s.t.). Allenatore: Philippe Montanier
Arbitro: Emilio Ostinelli di Como (Vivenzi, Ranghetti)
Marcatori: Griezmann (RS) al 7′ e al 29′ p.t., Agirretxe (RS) al 35’p.t.; Momentè (VA) al 10′ e al 32′ su rigore s.t., Zurutuza (RS) al 20′ s.t.
Note: terreno in perfette condizioni. Serata afosa. Spettatori 1200. Ammoniti: Carrieri al 30′ p.t..

Marco Gandini