Appassionati, curiosi e parenti.
Colorito il numeroso pubblico presente agli Europei di canottaggio a Varese che non si sono voluti perdere l’occasione di godere di un weekend diverso dal solito.
Tanti pareri, ma tutti con un grande e unico motivo di soddisfazione per una manifestazione piena di successo che ha saputo trasmettere voglia di conoscere uno sport come il canottaggio che sa primeggiare a Varese.
“Celebriamo uno sport sano -riferisce una famiglia che si gode le gare dalla spiaggetta al fianco delle tribune- E’ un evento che fa bene alla città organizzata molto bene. Inoltre è un punto di ritrovo; nel corso della giornata abbiamo avuto modo di incontrare amici che non vedevamo da tanto tempo, ed è bello vedere che siamo tutti uniti per questa manifestazione internazionale. Unico neo? Pochi atleti alla cerimonia di apertura”.
“E’ un grande evento che mette in evidenza le potenzialità di un territorio che ha molto da offrire -raccontano un padre e un figlio poco distante- Abbiamo laghi, montagne e molto altro in questo piccolo ma fruttuoso paese. E’ giusto che tutta Europa si accorga di Varese. Noi non siamo per nulla esperti di canottaggio, ma non volevamo perderci queste giornate perché sono bei momenti di unione. La fortuna è che il tempo ha riservato solo belle sorprese, regalando alla manifestazione un aspetto migliore”.
Anche tre donne in tribuna elogiano la grandezza di una manifestazione ben organizzata che ha saputo infondere entusiasmo nell’animo delle persone. “Viene voglia di mettersi in forma vedendo tutti questi atleti -afferma il padre di una famiglia che fatìca a tenere a bada l’entusiasmo del figlioletto- Tutto bello, dalle tribune al villaggio allestito all’entrata. Una grossa opportunità che spero possa avere un seguito”.
Anche i genitori di Matteo Baluganti, atleta italiano del 4 di coppia, si godono la città anche se “purtroppo non abbiamo ancora avuto modo di visitarla perché siamo arrivati ieri in tarda serata. Noi, ovviamente, siamo abbastanza esperti; abbiamo partecipato a diverse manifestazioni in giro per tutto il mondo come ad Amsterdam o in Repubblica Ceca e a livello organizzativo dobbiamo ammettere che non c’è paragone. Qua a Varese si respira l’entusiasmo puro per lo sport e si tocca con mano la meticolosità del lavoro che c’è dietro. Grande soddisfazione”.
E Varese ringrazia.

m.g.([email protected])