In un momento difficile per l’attività sportiva e per il ciclismo, dove la carenza di sostenitori si fa sempre più sentire e l’annullamento di manifestazioni ad ogni livello è all’ordine del giorno, c’è anche un gradito ritorno. Si tratta della Piccola Tre Valli Varesine, manifestazione ora riservata alla categoria Juniores voluta dalla Società Ciclistica Alfredo Binda che ha nel suo albo d’oro alcuni nomi importanti come quelli di Claudio Chiappucci, Guido Bontempi, Paolo Rosola, fino al vincitore della prima edizione corsa nel 1967: Roberto Sorlini.
Quella in calendario il prossimo 10 giugno, che si correrà in Valceresio, sarà l’edizione numero trentasei. “In Valceresio abbiamo trovato grande entusiasmo per questa manifestazione – afferma Renzo Oldani presidente della S.C. Binda – quegli stimoli che ci hanno indotto a riproporre questa gara che ha fatto la storia del ciclismo giovanile”.
Non mancano nemmeno le novità: “La prima sarà la sede di presentazione, sul battello a Porto Ceresio, poi la formula della gara: una competizione in linea di circa cento chilometri nella mattinata del 10 giugno e una cronometro di sei chilometri nel pomeriggio con partenza da Bisuschio ed arrivo a Cavagnano”.
La gara ha già riscosso unanimi consensi e da ogni parte del Nord Italia sono giunte richieste di partecipazione tanto che tutto lascia pensare che i concorrenti al via supereranno le 150 unità. Il circuito della corsa in linea vedrà prima uno svolgimento pianeggiante, tra Bisuschio ed Arcisate, poi una seconda parte disegnata dai biancorossi della “Binda” passando ancora da Bisuschio, Porto Ceresio, Cuasso al Piano per poi risalire a Bisuschio dove, a fianco della Villa Cicogna, sarà posto lo striscione di arrivo.

[email protected]