Dusan Sakota 6: da 3 è un cecchino. Deve ancora crescere definitivamente per mostrare tutto il suo valore; la strada è quella giusta.
Adrian Banks 7,5: a volte è imperfetto, ma quando parte in velocità non lo prende nessuno. Trascinatore nel terzo quarto, dove recita anche la parte di agitatore dei tifosi. Se gli fosse entrato l’alley-oop assistito da un no-look di Mike Green, sarebbe crollato il PalaWhirpool.
Erik Rush 5,5: ancora indietro rispetto ai compagni; ha tanti margini di miglioramento.
Janar Talts: s.v.
Andrea De Nicolao 7: non fa mai nulla di banale; i cinque punti di fila all’inizio dell’ultimo quarto sono tanto utili quanto importanti.
Mike Green 8,5: una sola parola: eroico. Non doveva giocare e sfodera una prestazione con i fiocchi abbellita da 16 punti, 8 assist, 5 rimbalzi e 23 di valutazione totale; glaciale nei liberi finali che scacciano il ritorno di Siena. Serve altro?
Ebi Ere 7,5: preciso, utile e ancora una volta miglior marcatore di serata. Altri schiaffi a chi ne aveva criticato l’acquisto.
Achille Polonara 6,5: pochi canestri, ma una prestazione difensiva devastante con tre stoppatoni da urlo.
Bryant Dunston 8: semplicemente devastante. Erano anni che non si vedeva un giocatore come lui al PalaWhirlpool; tanto lavoro sporco nel contenere il ritorno di Siena verso la fine della partita.

m.g.([email protected])