Cimberio Varese, il cuore non basta. Siena vince 65-77

0
19
In un PalaWhirpool che, nonostante l'occasione, non si presenta con il tutto esaurito, ha inizio la settantesima gara in assoluto tra Varese e la corazzata Siena di coach Pianigiani, che da anni sta dettando legge in Italia asfaltando tutte le dirette avversarie.
L'ex NBA Andersen inaugura la serata ben servito sotto canestro da Stonerook; lo stesso numero 20 dei campioni d'Italia in meno di un minuto realizza il 4 a 0.
Dopo oltre tre minuti di errori ed imprecisioni dei biancorossi, è Stipcevic a svegliare i suoi con una bomba dalla distanza; sempre il folletto biancorosso, evidentemente in serata, riporta i padroni di casa sul -1 (5-6) subito vanificato, però, da Rakocevic che infila due schiacciate e riporta in avanti i toscani.
Dopo cinque minuti si sveglia anche il francese Diawara, che esalta il pubblico di casa con una delle sue schiacciate da urlo; i ragazzi di coach Pianigiani hanno, però, un altro passo, e Varese, d'altra parte, non fa nulla per aiutarsi, commettendo una serie di falli ed errori in sequenza da indurre Recalcati a chiamare il primo timeout. 
Al ritorno sul parquet, le cose non migliorano e alla prima sirena lo svantaggio per i biancorossi è di 9 punti: 13-22.
In apertura di secondo quarto Talts si prende e realizza due liberi che danno aria alla Cimberio, seguito a ruota dalla splendida tripla di capitan Rannikko che fa urlare di gioia l'intero palazzetto; il buon momento biancorosso viene interrotto dal saggio timeout di Pianigiani.
Subito dopo Siena, riprende la sua corsa, portando a canestro anche Lechthaler e Zisis che va a segno con un pregevole tiro in sospensione.
Ma è ancora Stipcevic a tenere a galla i suoi, portando Varese sul -4 (22-26); Aradori, però, spegne l'entusiasmo del PalaWhirpool con una tripla dai 7 metri e due liberi conquistati. In casa Cimberio solo Rannikko si fa notare per l'infallibilità dai liberi, oltre ad essere il più combattivo dei suoi.
E' proprio una tripla del capitano, seguito a ruota da una bomba di Diawara e una di Kangur, a svegliare i padroni di casa che si riportano a -2 (37-39) a un minuto dalla fine del secondo quarto.
Dopo una schiacciata di Rakocevic, l'ennesima, è Ganeto a far impazzire il palazzetto con una bomba da 3 sulla sirena che riduce lo svantaggio biancorosso ad un solo punto: 42-43 a metà gara, in una partita che, fino ad ora, Varese sta giocando da grande squadra.
Al ritorno sul parquet, Andersen sale in cattedra, realizzando 6 punti uno dietro l'altro; per i padroni di casa, non certo reattivi e combattenti come nel secondo quarto, il solo Weeden si distingue con una tripla e ottime chiusure sulle incursioni avversarie.
In meno di cinque minuti però, lo svantaggio biancorosso cresce vertiginosamente, raggiungendo addirittura i 15 punti (45-60).
La squadra biancorossa, che sembra essere rimasta negli spogliatoi, prova però una flebile reazione con una tripla di Stipcevic e i liberi del capitano Teemu Rannikko, riuscendo a portarsi sul -12 con un minuto ancora da giocare; al termine del terzo tempo, la differenza è ancora tanta: 53-67.
L'ultimo quarto si apre con una tripla di Ganeto che dona nuova linfa ai suoi, che accorciano ulteriormente con una schiacciata di Reati “alla Diawara” che fa scoppiare il PalaWhirpool; ma è la serata di Ganeto, che da tre partite si sta esprimendo ad altissimi livelli, a suonare la carica per i biancorossi realizzando altri tre punti con una bomba dalla distanza.
Siena non ci sta, e con immediatezza allunga ulteriormente con Andersen e McCalebb riportandosi sul +12 (63-75) con oltre 3 minuti da giocare.
La differenza di punti rimane invariata fino alla fine.
Alla fine Siena batte Varese 65-77.



CIMBERIO VARESE – MONTEPASCHI SIENA: 65-77 (13-22; 42-43; 53-67)

Cimberio Varese: Demartini, Stipcevic 10, Rannikko 15, Talts 4, Diawara 9, Reati 2, Garri 2, Kangur 3, Ganeto 9, Fajardo 6, Weeden 5, Bertoglio 

Montepaschi Siena: McCalebb 18, Zisis 2, Andersen 17, Rakocevic 13, Carraretto, Thornton 4, Ress 3, Michelori, Lechthaler 2, Stonerook 4, Aradori 8, Moss 6

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here