Grande successo per l’All Star Game 2012 che è andato in scena a Biella nella giornata di ieri.
La giovane selezione italiana ha proseguito la striscia vincente degli ultimi anni che ha visto gli azzurri imporsi contro le migliori stelle straniere del campionato. Mentre Polonara non è stato nemmeno utilizzato, il giovane biancorosso è stata vittima di un risentimento muscolare ad un polpaccio in mattinata che ha convinto lo staff medico azzurro a non rischiarlo, De Nicolao (nella foto a sinistra) e Dunston hanno fatto la loro buona figura senza strafare, come giusto che sia, ma adeguandosi al clima gioviale e di spettacolo imposto dalla manifestazione.
Il risultato finale di 107-92 è figlio di una partita senza grossi temi tattici, con difese molto rilassate e attacchi straripanti; in evidenza il casertano Stefano Gentile, nominato MVP della gara, ma anche i milanesi Alessandro Gentile e Nicolò Melli autori entrambi di 18 punti.
Di grande impatto anche le tradizionale gare dei tiri da tre e delle schiacciate; Nel Bon Prix Three Point Contest, che vedeva il ritorno in campo di due leggende del basket italiano come Antonello Riva e Carlton Myers, quest’ultimo si è imposto in finale contro l’azzurro Gigi Datome, mentre nel Nikon Slam Dunk Contest trionfo dell’idolo di casa Tommaso Raspino, che si è imposto con un’ultima spettacolare schiacciata sul romano Aleksander Czyz. Spettacolo puro sotto ogni punto di vista, soprattutto quando Dominic James (nella foto a destra) ha chiesto la mano della fidanzata Angela Phillips, presente in tribuna, offrendole in ginocchio in mezzo al campo il tradizionale anello di fidanzamento nel migliore stile americano possibile.

MG ([email protected])
(foto da www.legabasket.it)