Verbano, avanti tutta!

0
33

Con un'altra grande partita il Verbano vince anche sul campo dell'Aurora Travagliato e accede alla finalissima dei playoff nazionali. Punteggio finale di 3 a 1 con le reti dei soliti Anzano, Gasparri e Beretta. Per il tridente delle meraviglie i gol stagionali salgono a quota 56, mentre Alessandro Anzano raggiunge un nuovo record firmando la sua ventisettesima gioia personale. Davanti ad un pubblico numeroso e rumoroso, raro da trovare in Eccellenza, il primo tempo si è chiuso sullo zero a zero ma con un Verbano che ha dominato in lungo e in largo a dispetto del risultato d'andata che avrebbe invogliato chiunque ad aspettare l'avversario per colpirlo in ripartenza. Chiudersi in difesa, però, sarebbe stato un errore troppo grave e non appartiene alla squadra di Roncari abituata ad imporre il proprio gioco senza subire quello degli avversari.
Ad inizio ripresa Alessandro Anzano di testa mette il pallone in fondo al sacco sfruttando, da uomo d'area, un cross perfetto del neo entrato Corrado. Dopo il gol del vantaggio, un momento di calo di attenzione permette al Travagliato, anche in 10 per l'espulsione di Salomoni (brutto fallo in mezzo al campo su Anzano), di agguantare il pareggio. Discesa sulla sinistra di More' e cross teso sul secondo palo per Salvi che insacca alle spalle di Vasku. Dieci minuti più tardi, però, è Gasparri a mettere la parola fine sulla gara e sulle residue speranze di rimonta delle Furie Rosse. Ancora Corrado sulla fascia destra offre il pallone in mezzo all'area per Beretta, appena entrato al posto di Anzano, che protegge la sfera e la porge al numero 7 che con un preciso destro beffa ancora Frusconi. E a tempo scaduto ecco anche il timbro del “Cobra” Beretta: cross di Galli dalla sinistra e colpo di testa vincente.
Tanta gioia ma la concentrazione resta altissima: mercoledì Verbano di nuovo in campo, e di nuovo in trasferta, sul campo della Pro Imperia. Appuntamento alle ore 16, mentre il ritorno è in programma per la stessa ora domenica prossima alla Bombonera di Besozzo.

Ufficio Stampa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here