Non ha bisogno di grandi presentazioni. Gli appassionati di ciclismo ormai da un anno all'altro evidenziano l'8 dicembre sul calendario, per ricordarsi di presentarsi alle 10.00 in piazza a Brinzio per il via della “Pedala coi Campioni”.
La competizione a scopo benefico, nata 12 anni fa su idea dei professionisti varesini di allora, è diventata un appuntamento fisso per oltre mille ciclisti di tutte le età, che all'inizio di novembre cominciano a girare la voce tra gli amici e a darsi appuntamento per il giorno dell'Immacolata:
“Una volta molti la vedevano come un'occasione per farsi fare un autografo dal proprio idolo, o anche solo per poter dire di aver fatto una sgambata con i grandi nomi del ciclismo – spiega Stefano Zanini -, ora invece è diventato un appuntamento tra amici che, finita la stagione si ritrovano per scambiarsi opinioni e raccontare i propri successi. E' bello vedere questa carovana che, invece di sgomitare per poter pedalare al fianco dei professionisti, si incammini a gruppetti, che formano un unico plotone ordinato che ride e scherza durante tutto il tragitto.”
Oltre 1500 gli iscritti anche quest'anno, grazie ad uno zoccolo duro di appassionati, che riescono a coinvolgere amici e parenti, spiegando che il ricavato viene devoluto in beneficienza; sì perchè alla “Pedala coi Campioni” non è obbligatorio presentarsi in bicicletta, in diversi, si iscrivono ricevendo comunque il “pacco gara” con i vari gadgets, e si fermano a Brinzio in attesa del ritorno del gruppo:
“Se uno vuole partecipare – continua Stefano Zanini – noi siamo felici, ma la cosa principale è che anche coloro che non vogliono o semplicemente non possono seguirci, abbiano la possibilità di aderire a quest'iniziativa; l'iscrizione è aperta a tutti incondizionatamente”.

Passiamo ai dettagli della manifestazione: il ritrovo è come sempre presso il Municipio di Brinzio alle 8.45 e in caso qualcuno non fosse riuscito ad iscriversi, può farlo direttamente lì. La partenza ufficiale verrà data alle 10.00 ed il percorso, è il solito che, passando da Varese, porta sul lago per poi risalire da Rancio per tornare a Brinzio verso mezzogiorno (presenti un servizio medico e un pullman a seguito della carovana). Immancabile la sosta alla cappella della Madonnina, per la benedizione ed il ricordo dei ciclisti scomparsi, mentre a fine manifestazione si svolgerà la classica estrazione delle maglie dei campioni, con i tagliandi d'iscrizione: quest'anno ci sarà anche una maglia autografata, che Alberto Contador ha voluto mandare agli amici della pedalata, scusandosi per non aver potuto accettare l'invito, essendo in questi giorni già in ritiro.
Lo spagnolo non sarà al Brinzio, ma ha assicurato la sua presenza un'altra maglia iridata: è quella di Giorgia Bronzini, che assieme alle varesine Cantele e Carretta ed all'amica Elisa Longo Borghini, ricostruiranno parte della squadra azzurra che ha partecipato agli ultimi mondiali.
Assieme a loro tutti i professionisti varesini (ed ovviamente tutti gli ex, capitanati da Stefano Zanini) compreso Ivan Basso, di ritorno dal ritiro sulle Dolomiti, oltre agli immancabili Luca Paolini e Massimo Codol, tutti uniti nel ricordo dell'amico Aldo Sassi, al quale verrà dedicata quest'anno la manifestazione: infatti, i numeri d'iscrizione da attaccare al manubrio, riportano un saluto a colui che ha dato tanto al mondo delle due ruote, non solo a livello professionale, ma soprattutto sul lato umano.
Per chi volesse, a fine manifestazione, c'è la possibilità di spostarsi a Rancio Valcuvia, per pranzare coi professionisti, a disposizione ancora una cinquantina di posti, per informazioni o prenotazioni potete scrivere a [email protected] o chiedere la mattina stessa agli organizzatori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui