Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Pallavolo, UYBA Volley

Coronavirus, la pallavolo si ferma fino al 1° marzo. Saltano due gare della UYBA

Il mondo della pallavolo di qualsiasi categoria si ferma a livello nazionale fino a domenica 1° marzo. E’ questa la decisione presa dalla Federazione Italiana Pallavolo a seguito dei provvedimenti diramati da alcune regioni d’Italia, Lombardia compresa, per arginare la diffusione del Coronavirus. Stop, quindi, a tutte le partite in programma in questa settimana.

In Serie A1, ad esempio, salterà il turno infrasettimanale di mercoledì 26 febbraio che avrebbe visto la UYBA impegnata a Cuneo per la 21^ di campionato. Rinviata in blocco anche tutta la successiva giornata (n° 22) e, dunque, pure il big match del Palayamamay di sabato 29 febbraio contro Scandicci (Firenze e Scandicci sono state le uniche due squadre a scendere in campo ieri e, nel derby tutto toscano, ha avuto ragione Scandicci per 3-1).
In Serie A2 fermata anche la Futura Volley che ieri ha giocato a Martignacco, in Friuli Venezia Giulia, rimediando un ko al tie-break. Le giocatrici di coach Lucchini salteranno la trasferta di domenica 1° marzo a Soverato (4^ giornata della Pool Promozione).
Anche la Serie B e, via via a scendere, tutte le categorie minori rimarranno ferme almeno per tutta questa settimana non solo per le gare in programma ma anche per gli allenamenti.

Di seguito il comunicato della Lega Volley Femminile:

La Federazione Italiana Pallavolo, congiuntamente alle due Leghe di Serie A Maschile e Femminile, rendono noto di aver deciso di sospendere l’intera attività pallavolistica nazionalea tutti livelli fino al 1 marzo compreso.

La decisione è stata assunta al termine di una riunione d’urgenza tenutasi ieri a Bologna in conseguenza dei diversi provvedimenti che si stanno assumendo in ambito governativo- istituzionale quali le decisioni adottate dai Presidenti delle Regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna alle quali si è aggiunta la Regione Friuli Venezia Giulia e la Provincia autonoma di Trento.

I tre organismi, con la suddetta decisione, intendono porre la massima attenzione alla salvaguardia della salute comune e si impegnano a monitorare costantemente la situazione, riservandosi di prendere ulteriori decisioni dandone tempestiva comunicazione.

Contemporaneamente la FIPAV invierà una lettera al Ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora e al CONI per chiedere quali le possibili soluzioni per garantire l’eventuale continuazione delle attività agonistiche ivi compreso lo svolgimento degli allenamenti.

Sarà cura della Federazione anche inviare una lettera al presidente della CEV Aleksandar Boricic relativamente alla partecipazione delle squadre italiane impegnate nelle Coppe Europee.


- LE PAROLE DEL PRESIDENTE DELLA LEGA VOLLEY FEMMINILE

L.P.
(foto di Alessandra Molinari)