Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Altri Sport

Regionale invernale di Fossa Olimpica, Belvedere Uboldo in testa

Il campionato regionale invernale lombardo di Fossa Olimpica, in questo intenso fine settimana di inizio anno, si è fatto letteralmente in 4, con 2 prove sul versante Est e altrettante ad Ovest.

Tra conferme e novità che non ti aspetti, sotto l’occhio esperto ed attento del responsabile regionale della specialità Santo Falanga, ecco quindi partito a velocità supersonica questo torneo che si preannuncia fin d’ora a di poco effervescente. Invariati i 50 lanci per ciascuna gara mentre, tra le novità di quest’anno, l’assegnazione del doppi titoli regionali (zona Est e zona Ovest) per ciascuna categoria e qualifica e quelli assoluti che, i due numeri uno, si contenderanno nella finalissima, sulla distanza di ulteriori 25 piattelli, nella gara conclusiva del 24 febbraio al Concaverde di Lonato del Garda.

A precedere la finale nella struttura internazionale del Concaverde, il circuito, nel mese di gennaio, coinvolgerà i centri del Bettolino di Trenzano (11/12/13) e il Tav pavese Accademia Lombarda di Battuda, il 18/19/20 quelli di Bonate Sotto e il Campanile di Mesero per passare poi, il 25/26/27, ai Tav Bergamo e Fagnano. Prime tappe di Febbraio, l’1, il 2 e il 3, la competizione approda nel mantovano al Tav Mattarona e, per la zona Ovest, al Tav Arluno prima di spostarsi, il 10 febbraio, sulle pedane bergamasche del Tav Cieli Aperti e su quelle dell’Accademia Lombarda. A precedere il gran finale di domenica 24 alla “Scala” del tiro a volo del basso Garda del Concaverde, ad ospitare le fasi conclusive delle prove di qualificazione saranno il rinato bel centro bresciano delle Rondinelle Azzurre di Gambara (15/16/17) e l’altra perla del tiro a volo internazionale, il Tav varesino Belvedere di Uboldo.

Lo scorso fine settimana caratterizzato da un freddo secco e un cielo terso che hanno “giocato” a favore dei tiratori che hanno risposto con risultati, in taluni casi assai rilevanti e… fuori stagione. Per quanto concerne la zona Est, dove il dream team del Trap Pezzaioli (553/600) mantiene un risicato vantaggio sulle “Frecce verde oro” del Trap Concaverde (550/600), la piacevole sorpresa di questo avvio del 2019 è l’avvio bruciante della compagine bergamasca del Tav Bonate Sopra, che si piazza al terzo posto provvisorio con il brillantissimo score di 547/600. Nella zona Ovest, i varesini di Uboldo detengono attualmente la leadership, incalzati dai pavesi del Tav Accademia Lombarda, dalla squadra dell’Arlunese, dal team pavese di Trovo dell’ Eurotrap e dal Tav Fagnano Valle Olona.
A livello individuale, a mettersi in bella mostra con in punteggi più alti, sono stati i 49/50 di Mauro Ferri e di Antonio Ansalone, nella prova di Uboldo con 141 partecipanti e di Lorenzo Ferrari al Concaverde, su un lotto di 279 tiratori, ovvero 15 in più della passata edizione.
Numerosi anche i pregevolissimi, soprattutto per il periodo, 48/50 che portano la firma di Alberto Brambati e Giovanni Pellicelli nella prima prova del San Fruttuoso con 264 tiratori allo start, di Pierantonio Venturini, Fabrizio Governini e Roberto Zucchetti a Uboldo.

Per la cronaca, è doveroso rammentare che per qualificarsi alla finale, i tiratori dovranno partecipare a non meno di 6 prove sulle 8 programmate, ridotte a 4 per i tiratori del Para Trap mentre, le società, non godranno di nessuno sconto sul computo totale delle prove. Sono previsti inoltre alcuni “bonus” (1 punto per ciascuna delle 2 gare da sommare al punteggio della finale) per i tiratori che prenderanno parte a tutte le 8 gare del circuito regionale.

[email protected]