Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Mercato, Pro Patria

Pro Patria scatenata, tre colpi dei tigrotti

Boom Boom Turotti. Il mercoledì del biellese batte tre colpi sulla strada dell’imminente raduno biancoblu. Nello specifico, la conferma del prestito di Andrea Boffelli dall’Atalanta e due nuovi arrivi (entrambi l’anno scorso al Cuneo): l’esterno destro (acquisito a titolo definitivo dalla Lazio) Giorgio Spizzichino e l’attaccante Edoardo Defendi.

Ma andiamo per ordine. Boffelli (unico mancino della difesa bustocca) torna a disposizione di Javorcic dopo la convincente stagione passata. Il sarnicense (97) ha fatturato 25 presenze in campionato (17 dal 1’) e una rete da tre punti contro la Juventus U23. Difficile non pensare a lui come titolare dello spot di sinistra della difesa a 3 dello spalatino.

Spizzichino (20 anni il prossimo 10 agosto) si somma a Cottarelli come specialista del binario di destra. Romano, fitta trafila nel settore giovanile laziale, ha esordito in Serie A il 28 maggio 2017: 11’ per Wallace a Crotone nel 3-1 calabrese che regalò la clamorosa salvezza alla formazione di Davide Nicola. Con il Cuneo 14 presenze (la metà da titolare), interpretate sia come terzino nella linea a 4 che come esterno in mediana.

Infine Edo Defendi, attaccante fatto e finito (91), già compagno di squadra di Beppe Le Noci al Como nel biennio 2013/2015. Originario di Trescore Balneario, 42 reti in carriera (32 tra i professionisti) in 194 presenze complessive tra Cuneo (22 timbrate più 4 gol), Lumezzane (primato personale con 10 centri), Santarcangelo, Melfi, Arezzo, Como, San Marino e FeralpiSalò, il neo tigrotto si unisce a Mastroianni, Parker e (appunto), Le Noci nel rinnovato reparto offensivo biancoblu.

Adunata allo “Speronilunedì 15 alle 10. A seguire conferenza stampa fissata al termine della prima sgambata (ore 12.15). Al tavolo Patrizia Testa, Sandro Turotti, Ivan Javorcic e i nuovi alfieri della Pro Patria 2019/2020. Martedì partenza per il ritiro di Sondalo.

Giovanni Castiglioni