Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Pro Patria

Pro Patria e Alessandria non si fanno male (0-0)

Busto Arsizio – Per la serie déjà vu e dintorni, contro l’Alessandria la Pro Patria copia e incolla lo 0-0 dell’anno passato e rimane a secco dopo 15 gare consecutive casalinghe a segno. Cioè, proprio dal match con i piemontesi del 16 dicembre. Poche (o pochissime) emozioni. Il punto è comunque grasso che cola. A dar retta alle quote, grigi favoriti e il pari era risultato meno probabile. Infatti…

FISCHIO D’INIZIO - Classica da 72 precedenti con leggera prevalenza piemontese (28 a 25 con 19 pareggi) e successo biancoblu allo “Speroni” che latita dal 3-2 del 13 gennaio 2013. Per gli ospiti una sola vittoria nelle ultime 6 (dopo averne fatte 5 consecutive nelle prime 7). Per la Pro Patria, vittoria che manca da 4 turni (5 settimane in casa) ma ultima senza reti a Busto risalente proprio allo 0-0 della stagione passata con l’Alessandria (16 dicembre). Nell’anticipo, Monza bloccato sul 2-2 al Brianteo con la Carrarese. Ne approfitta solo il Renate che passa 2-0 a Lecco.

FOTOGALLERY Pro Patria-Alessandria 14 Pro Patria-Alessandria 13 Pro Patria-Alessandria 08

 

 

 

IN CAMPOJavorcic recupera Colombo e se lo gioca dal 1′ in fascia. In avanti (anche per necessità anagrafiche), il Next Gen Kolaj surroga Le Noci. Dall’altra parte, Scazzola risponde con sovrapponibile 3-5-2 valorizzato da Eusepi (5 gol decisivi da 11 punti), giocatore più determinante del Girone A.

LA PARTITA – Primo tempo intenso ma emozioni ridotte all’osso. L’occasione grossa è biancoblu con Pedone che spara alla luna da posizione privilegiata. Nella ripresa succede ancora meno. Salvo Tornaghi reattivo su Arrighini al 38′. Pari inevitabile. Come l’anno scorso è 0-0.

LEGGI ANCHE: LA SALA STAMPALE PAGELLERISULTATI E CLASSIFICA

LA DIRETTA

SECONDO TEMPO

49′ finisce senza ulteriori sussulti: 0-0, secondo consecutivo per la Pro. L’Alessandria fallisce l’aggancio al secondo posto. Domenica biancoblu a Gozzano.

45′ ancora 4′ di recupero.

41′ altro angolo ospite (l’ottavo), sempre Arrighini alto.

38′ Cambiaso si beve Spizzichino, dentro per Arrighini, girata praticamente a colpo sicuro, provvidenziale Tornaghi. Entra Palesi per Colombo.

34′ Masetti dal limite, fuori.

32′ il pubblico dello “Speroni” ci crede. Gara comunque ingarbugliata.

29′ Bertoni sostituisce Fietta. Secondo tempo con davvero poca ciccia.

26′ primo angolo tigrotto. Finiscono a terra in 2. Galipò sorvola.

25′ comunicato il dato sugli spettatori: 999 (509 paganti e 490 abbonati) per incasso pari a 7.940 euro. Gilli prende il posto di Suljic.

20′ ambo per Scazzola. Cleur per Celia e Gerace per Chiarello.

18′ triplo cambio Javorcic. Defendi, Masetti e Spizzichino per Kolaj, Brignoli e Pedone. Galli e Colombo traslocano a mezzali.

12′ altro angolo grigio, siamo 0-7. Ma ancora nulla di fatto.

6′ ammonito Battistini, fallo su Arrighini.

5′ sponda di Colombo per Kolaj che scarica il destro, respinge Valentini.

2′ Arrighini fa venire i brividi alla difesa bustocca. Controllo di tacco e destro ad incrociare, fuori di poco.

18.29 si riparte! Puntualità fiorentina per Galipò. Nessun cambio.

PRIMO TEMPO

46′ si va al riposo dopo 1′ di recupero. Match gagliardo. Ma è 0-0! Entrambe reduci dalla Coppa Italia (Alessandria eliminata dalla Juventus U23). Vedremo se questo inciderà. Anche se mercoledì si è fatto robusto uso del turnover.

40′ sesto corner ospite. Anche questo insipido.

30′ fase di gioco meno gradevole. Sale di colpi l’Alessandria. Almeno questa è l’impressione.

24′ Arrighini in profondità. La Pro si rifugia in angolo. Partita che prosegue a fiammate.

21′ giallo a Suljic. Alessandria in difficoltà sulla sua fascia destra dove attacca Pedone. Carico, salvo in zona gol.

17′ sponda di Mastroianni per Pedone che manda altissimo da dentro l’area. Il 7 tigrotto si mette la maglia sul volto.

13′ Eusepi sugli sviluppi di un angolo spedisce fuori. Match equilibrato.

11′ prima accelerazione di Kolaj, respinge Valentini.

9′ Scazzola già costretto alla prima sostituzione. Problema per Prestia, per lui Dossena.

7′ primo angolo per l’Alessandria. Mischione e nulla di fatto.

5′ ospiti piuttosto abbottonati. La Pro Patria prova a fare la partita.

17.30 si parte! Classico duello di 3-5-2. Nella curva biancoblu viene esposto uno striscione: “Onore ai pompieri caduti“. Omaggio ai vigili del fuoco uccisi dall’esplosione dolosa dell’altro giorno nell’alessandrino.

17.20 viene ricordato Andrea Cecotti, scomparso il 14 novembre del 1987 dopo il malore accusato in campo a Treviso 6 giorni prima. Pro Patria e Alessandria sono state le ultime 2 squadre di cui ha vestito la maglia. Prima della gara, il capitano biancoblu Riccardo Colombo deporrà un mazzo di fiori vicino allo striscione dedicato allo sfortunato giocatore friulano.

Affluenza contenuta. Formazione tigrotta con Colombo sulla destra, Fietta centrale, Brignoli e Pedone mezzali. Pro in tradizionale biancoblu, Alessandria in rosso. Tifosi piemontesi (un centinaio) con la disponibilità di 2 palloni con cui si fanno un paio di calci in curva.

IL TABELLINO

Pro Patria – Alessandria 0-0

Pro Patria 3-5-2: Tornaghi; Battistini, Lombardoni, Boffelli; Colombo (38′ st Palesi), Brignoli (18′ st Masetti), Fietta (29′ st Bertoni), Pedone (18′ st Spizzichino), Galli; Kolaj (18′ st Defendi), Mastroianni. A disposizione: Mangano, Marcone, Molnar, Le Noci, Parker, Molinari, Ferri. Allenatore: Ivan Javorcic

Alessandria 3-5-2: Valentini; Sciacca, Cosenza, Prestia (9′ pt Dossena); Cambiaso, Chiarello (20′ st Gerace), Suljic (25′ st Gilli), Castellano, Celia (20′ st Cleur); Eusepi, Arrighini. A disposizione: Crisanto, Ponzio, Akammadu, Sartore, Gjura, Pandolfi, Mhamsi. Allenatore: Cristiano Scazzola

Arbitro: Simone Galipò di Firenze (Del Santo Spataru di Siena e Toce di Firenze)

NOTE: terreno in ottime condizioni. Ammoniti: Suljic (A), Battistini (PP)  Angoli: 1-8 Recupero: 1′ pt / 4′ st  Spettatori: 509 paganti e 490 abbonati per 7.940 euro di incasso

 

Giovanni Castiglioni