Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Pallavolo

Memorial De Bernardi – La Pro Patria arriva al tie-break

Una bella giornata di volley per ricordare una persona che amava il volley, tanto da farne il suo hobby principale.
Si può riassumere così quanto visto sabato 5 gennaio 2019 durante il “2° Memorial Vittorio De Bernardi”, quadrangolare tra squadre di Serie C femminile organizzato dalla Pro Patria Pallavolo di Busto Arsizio per ricordare lo storico dirigente e fondatore della società bustocca.

Già al mattino si è vista giocare una buona pallavolo in entrambe le palestre che ospitavano la manifestazione.

Il livello e la qualità del gioco si sono ulteriormente alzati al pomeriggio, a partire dalla finale 3°-4° posto disputata da Gonzaga Milano e Team Volley Brianza (finalina vinta da quest’ultima squadra), per raggiungere il suo apice durante la finale, giocata da Argentia Pallavolo Gorgonzola e Pro Patria Busto.

Sulla carta una finale dal risultato pressoché già scritto, con l’Argentia Pallavolo (squadra solida e con giocatrici di grande esperienza, attuale capolista del proprio girone e principale candidata alla promozione) decisamente favorita sulla Pro Patria (squadra neopromossa e composta da giocatrici molto giovani, nate dal 1999 al 2004).

Invece è stata partita vera, equilibrata, intensa ed emozionante, perché le giovani tigrotte hanno sfoderato gli artigli, disputando una prestazione di grande qualità tecnica ed intensità agonistica, giocando alla pari con le più quotate avversarie.

Il primo set è andato alle bustocche, poi Gorgonzola ha ribaltato il risultato e si è portata sul 2-1, ma la Pro Patria ha alzato ulteriormente la qualità di gioco, vincendo il quarto set e restando nel match fino al 12 pari del tie-break, risolto solo da alcune pregevoli giocate della squadra ospite.

In casa bustocca resta un pizzico di rammarico, unito però alla consapevolezza di poter giocare ad alto livello, così come successo sabato, così come avrebbe apprezzato il “nostro” Vittorio.

[email protected]