Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Pro Patria

La Pro a Pontedera, Javorcic: “Abbiamo un gioco maturo”. Novità in formazione

Sempre per la serie, i numeri vorranno pur dire qualcosa? Tenetevi forte, da quando Ivan Javorcic è sulla panchina biancoblu in 15 gare giocate in infrasettimanale (mercoledì o giovedì) contabilizzate 10 vittorie, 4 pareggi ed una sola sconfitta (a Siena il 23 gennaio scorso). In C (8 partite) 6 successi, un pari e la sconfitta di cui sopra. Fuori casa (7 gare), 6 vittorie più il solito 1-0 del “Franchi”.
Insomma, toccarsi non è bene, ma farlo è forse meglio. A poco più di 24 ore dalla trasferta di
Pontedera (ore 18.30, stadio “Mannucci”), lo spalatino si tiene lontano da gesti apotropaici: “Beh, se è così, possiamo anche chiudere qua la conferenza stampa…(sorriso, ndr). In realtà, non posso dire se ci sono delle spiegazioni a questi numeri. Certo è sintomo della maturità del gruppo visto che spesso abbiamo cambiato molto nella gara in infrasettimanale”. 

Avversario di livello che alza il peso specifico della sfida: “Per noi significa tanto. Per le nostre dinamiche interne e per le soluzioni che vogliamo testare. E’ una bella opportunità contro una squadra che è quarta in classifica e che ha numeri importanti. Mi aspetto un confronto molto simile a quelli giocati con loro l’anno passato”. Pensiero a domani con inevitabile passo indietro all’1-1 di sabato: “Rimango alla sintesi fatta a caldo: pareggio giusto, prestazione non eccelsa ma gol annullato assolutamente regolare. C’è un po’ di rammarico, avremmo potuto vincere. Al di là dei meriti. Il calcio è anche questo”.         

Out Fietta per squalifica e ancora fuori Defendi per il problema al piede, la cattiva notizia di giornata è lo stop (presumibilmente lungo) di Cottarelli. Per il bronese, possibile frattura alle costole con robusta convalescenza. Ironia della sorte, infortunio maturato in un contrasto in cui l’ex Alessandria ha anche rimediato il giallo. Undici sbirciato durante la rifinitura ad alto tasso di novità.
Nel dettaglio, probabile 3-5-2 interpretato da Tornaghi in porta; Molnar, Battistini e Marcone (o Boffelli) in difesa; Spizzichino, Palesi, Bertoni, Pedone e Masetti in mediana; Kolaj e Parker in attacco. Ivan Drago (che ha appena perso a Coverciano il compagno di classe Thiago Motta con destinazione Genoa), sdogana il turnover: “Non penso alla gara di domenica. Kolaj e Parker sono una soluzione interessante. Senza far diventare questa eventuale scelta un esame definitivo. In attacco stiamo portando avanti un lavoro importante avendo mandato in rete 10 diversi giocatori. D’altra parte dobbiamo surrogare le 16 reti che mancano rispetto all’anno scorso (in particolare, le 10 di Gucci, ndr)”. Con quella statistica sulle gare infrasettimanali da tenere sempre presente. Con le mani ben in vista, s’intende.

I 21 convocati per il match di domani (ore 18.30, stadio “Ettore Mannucci”) con il Pontedera (tra parentesi i numeri di maglia):
Portieri: Mangano (12), Tornaghi (1)
Difensori: Battistini (4), Boffelli (3), Lombardoni (19), Marcone (2), Molinari (24), Molnar (5)
Centrocampisti: Bertoni (14), Brignoli (8), Colombo (21), Galli (15) Ghioldi (23), Masetti (26), Palesi (6), Pedone (7), Spizzichino (17)
Attaccanti: Kolaj (27), Le Noci (10), Mastroianni (9), Parker (11)

- PROGRAMMA E CLASSIFICA

Giovanni Castiglioni