Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Pallacanestro Varese

Varese crolla negli ultimi 10′, Brescia sorride 91-74

Brescia – Riparte dal PalaLeonessa la marcia di Varese in questo campionato e l’ostacolo non è certo dei più semplici. Il primo pensiero è, ovviamente, per Tyler Cain e quel duello sotto i cristalli con il suo erede Simmons: da qui passeranno molte delle fortune dell’OJM in questa sfida. Poi sarà fondamentale la difesa per limitare le bocche da fuoco bresciane con Lansdowne e Abass su tutti. Una gara in cui Varese ha pagato da subito la marcatura asfissiante riservata a Mayo con Moss partito su di lui e poi i vari Abass e Vitali a togliere lucidità al regista bosino. Senza le invenzioni del folletto biancorosso, è tutta la manovra a risentirne con una OJM che non trova alternative al tiro pesante: 25 tiri da 2 contro i ben 36 da 3. Se a ciò aggiungiamo i problemi di falli che hanno fermato l’unico elemento veramente in palla, ovvero Peak, oltre alla messe di liberi concessa a Brescia – 35 col 94% di realizzazione – si capisce come sia diventato impossibile violare il PalaLeonessa col passare dei minuti.

LA DIRETTA

Primo quarto
Dopo un paio di errori da ambo le parti, ci pensa Peak a sbloccare dall’angolo la gara: bomba e 0-3 al 1′. Gara che si infiamma: Lansdowne segna da fuori, Vene gli replica dal palleggio da posizione centrale: 4-6 al 3′. Mayo elude la staffetta Moss Vitali e segna in allontamento, il play italiano senga dall’arco, poi Peak ancora a segno dai 6,75: 7-11 al 4′. E’ un festival del tiro da 3: tanto spazio e realizzazioni super con Brescia 3/3 e Varese 4/5 con la seconda di Vene l’OJM è avanti 10-14 al 5′. Peak spende in maniera ingenua il suo secondo fallo a metà campo su Vitali, poi l’ala si riscatta con una gran penetrazione di forza sul fondo: 0/2 e 14-16 al 7’30″. Difese che salgono di livello, poi Mayo passa dietro sul blocco e dai 7 metri abbondanti spara il 14-19 del 9′.

Secondo quarto
OJM che costruisce anche buone azioni in avvio di frazione, ma uno spuntato Jakovics non converte i palloni in punti: 18-21 all’11′. Vitali batte il difensore dal palleggio ed elude l’aiuto di Ferrero, poi Peak riesce a togliere il domopak dal canestro: terza bomba per lui e 20-24 al 13′. Arriva una brutta tegola per Varese: Peak spende in rapida successione il suo terzo e quarto fallo e Caja deve mettere in panchina l’ala sul 23-24 del 14′. Anche Clark arriva già a quota 3 falli spesi in soli 5′ sul parquet e arriva il primo sorpasso di Brescia con Horton dalla lunetta: 26-24. OJM che continua a perdere pezzi: in uno scontro con Cain è Simmons ad avere la peggio uscendo dal campo. Moss segna da rimbalzo offensivo, Laquintana fa punti in lunetta: 30-26 al 16′. Simmons rientra, Jakovics si sblocca dai 6,75, ma Brescia tiene le redini della gara: 34-29 al 18′. Brescia ha pazienza nell’attaccare la difesa bosina: palla che arriva in angolo a Lansdowne e bomba del +8 al 19′. Laquintana fa toccare il +11 ad una Brescia in ampio controllo in questo finale di periodo, poi Jakovics suona la sveglia prima dell’intervallo con un’altra bomba: 43-35 al 20′.

Terzo quarto
Inizio falloso da ambo le parti con Brescia che si annoda a Mayo impedendo praticamente di respirare al play biancorosso, Caja prova a togliere il folletto e Abass batte Natali e va a schiacciare il 45-35 del 22′. OJM in rottura e Laquintana mette sale sulla ferita: riceve da Sacchetti sul lato debole e segna il 47-35 con time out varesino. Varese trova solo una penetrazione di forza del rientrato Peak, ma fatica a costruire qualcosa in alternativa alle soluzioni individuali: 49-37 al 24′. Jakovics prova a tenere in piedi l’OJM che perde un evanescente Clark autore del quarto fallo: 51-39 al 25′. E’ il duo Peak Jakovics a tenere in vita Varese: bomba del lettone e 55-44 al 27′. Fiammata di Mayo che porta Varese sul 58-50 poi, sull’azione successiva Peak spende il suo quinto fallo e saluta la gara: 60-50 al 28′. OJM che fatica a trovare alternative al tiro da fuori salvo una penetrazione di Mayo a -39″ che vale il 64-54.

Quarto quarto
Lansdowne ne mette 5 in fila, ma Tambone e Natali gli rispondono pan per focaccia: 71-59 al 32′. Uno due di Mayo dalla linea dei 3 punti non più da creatore di gioco, ma solo da ricettore di palloni: 75-65 al 33′. OJM che fa girare di più il pallone e maggior circolazione coincide con una migliore qualità dei tiri presi, ma non riesce a fare un parziale in difesa: 77-67 con due liberi di Horton al 35′. Rimasta sempre aggrappata con le unghie alla gara, Varese subisce i colpi decisivi al 36′: bomba di Moss seguita dai liberi di Lansdowne per l’82-67 che suona già come una condanna. Epitaffio al 37′: Abass riceve profondo in area, si gira e segna cogliendo anche il quinto fallo di Clark per l’85-67 che chiude i conti. Finisce 91-74 con Varese che subisce un altro stop dopo quello di domenica scorsa a Milano.

Tabellino
Germani Basket Brescia – Openjobmetis Varese 91-74 (18-21, 43-35, 66-54)
Brescia: Dalcò, Zerini 8 (2/2), Warner 2 (1/2), Abass 19 (5/7, 0/4), Cain 4 (1/3), Vitali 7 (1/1, 1/3), Laquintana 11 (3/3, 0/3), Lansdowne 18 (2/5, 4/7), Guariglia, Horton 10 (1/3, 0/1), Moss 12 (4/4, 1/2), Sacchetti(0/1 da 3). Allenatore: Esposito.
Varese: Peak 11 (1/2, 3/4), Clark 2 (1/3, 0/2), De Vita ne, Jakovics 14 (1/1, 3/9), Natali 3 (0/1, 1/4), Vene 11 (0/2, 3/5), Simmons 8 (2/2), Seck ne, Mayo 21 (4/8, 3/8), Tambone 2 (1/3, 0/2), Gandini, Ferrero 2 (1/3, 0/2). Allenatore: Caja.
Arbitri: Rossi, Perciavalle,Belfiore.

Matteo Gallo

- LE PAGELLE

- SALA STAMPA

- RISULTATI E CLASSIFICA