Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Rugby

Amatori Tradate, nuova sfida per De Vita: “Felice e onorato della panchina”

Continua il percorso che ci porta alla scoperta dei nuovi protagonisti che si daranno battaglia nel campionato di serie C2. Questa volta andremo a conoscere più da vicino Giancarlo De Vita, nuovo head coach dell’Amatori Tradate Rugby.
Giocatore del Tradate dal ’95 (anno di fondazione del club), De Vita ha conquistato ben 295 presenze con i colori giallo e blu e, dopo una lunga carriera da atleta, ha scelto di passare a bordo campo per allenare. Negli ultimi sei anni Giancarlo si è dato da fare nei settori giovanili del Tradate allenando le categorie under 14,16 e 18 e adesso, dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, è arrivata questa nuova sfida, subito colta al volo dal neo tecnico.

giancarlo de vita rugby tradate“Ovviamente sono felice e onorato di poter allenare la squadra in cui ho giocato sempre – esordisce De Vita – e voglio quindi ringraziare le persone che hanno riposto la loro fiducia su di me. Conosco bene il gruppo di giocatori. Con metà di questi ho giocato insieme per anni mentre i giovani in rosa li ho allenati negli anni scorsi. A livello di gruppo l’obiettivo è quello di riuscire ad unire tutti il più possibile, unire veterani e giovani diciottenni pronti a fare la loro parte. Il team building quest’anno sarà fondamentale. È un bel gruppo, dovremo gestire al meglio gli allenamenti e crescere nelle partite. Punto a far giocare tanto i giovani in modo da farli abituare alla categoria fin da subito e so che i veterani del gruppo mi daranno una mano in questo. Le basi per lavorar bene ci sono. Il primo settembre ci incontreremo tutti insieme per la presentazione della stagione, del progetto tecnico e degli obbiettivi del club”.

Il neo allenatore, alla domanda sull’obittivo della squadra per la stagione, risponde in maniera breve e decisa: “Il nostro traguardo è quello di fare meglio degli ultimi anni, puntiamo quindi i primi due posti della classifica“.
Stefano Sessarego