Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Fotogallery, Intrattenimento, Sport Disabili, Varese Calcio

Al Tourlé di Marchirolo si mangia pizza e si pensa al sociale – FOTO

Ieri sera è stato inaugurato il primo playground inclusivo della nostra zona. Al Tourlè a Marchirolo (Strada Statale 233 – N. 9), che domani sera (27 giugno) aprirà ufficialmente le porte al pubblico per la prima volta, infatti, è stata realizzata un’area giochi totalmente accessibile che permette l’utilizzo e il divertimento in contemporanea tanto ai bambini normodotati quanto ai bambini con difficoltà motorie o in sedia a rotelle. Inoltre, al di fuori degli orari di utilizzo del locale, l’area bimbi potrà diventare il luogo ideale per le feste di compleanno ed essere utilizzato da scuole ed associazioni per lo svolgimento di attività didattiche.

L’idea, innovativa e che guarda finalmente a tutti, è venuta ad Andrea Impastato, socio di maggioranza del locale Tourlè di Marchirolo insieme ai fratelli Salvatore e Giuseppe e a Claudia Michelini e amico fraterno di Luca Alfano, grande tifoso del Varese Calcio. “La vicenda personale di Luca mi ha coinvolto e ho voluto realizzare qualcosa per aiutare le persone meno fortunate di me. Il nostro binomio si è rivelato vincente e ora siamo pronti ad ospitare tanti bambini insieme ai loro genitori”.
Un emozionato e orgoglioso Luca Alfano ha proseguito: “In Andrea ho trovato un amico e una persona sensibile che ha voluto fare un grande gesto per gli altri. Era una sfida e ce l’abbiamo fatta. Per me è un sogno che si realizza“.
A progettare il playground inclusivo è stato Luigi Ferrari, titolare della Ludotek: “Due anni fa ho vissuto una scena che mi ha colpito in un parco giochi: ho visto un bambino in sedia a rotelle guardare gli altri giocare. Volevo fare qualcosa in questo senso e sono orgoglioso di aver potuto costruire quest’area gioco. Ringrazio il Tourlé, che ha avuto il coraggio di investire in tutto ciò“.
Un ringraziamento a lui e ai soci parte anche dall’altra socia, Claudia Michelini: “Siamo felici di avere un’area dove tutti i bambini potranno giocare insieme. Grazie a tutti voi che siete intervenuti, alle associazioni, ai consiglieri regionali, al sindaco e al parroco di Marchirolo”.

Molte autorità del territorio e altrettanti amici sono intervenuti numerosi all’inaugurazione, moderata dal nostro direttore Michele Marocco. Non potevano mancare, ad esempio, Maura Aimini di “Cuore sulle ali”, Chiara Terziroli della Fondazione Giacomo Ascoli e Francesco Marcello, vicepresidente dell’associazione Articolo 3 di Varese, che si è presentato così: “Siamo una associazione giovane e siamo nati nemmeno quattro anni fa. Emanuela Romeo, la nostra presidente, ha una figlia autistica e il nostro obiettivo è l’inclusione, rendere normale la disabilità. Per questo scopo raccogliamo fondi che diamo ad altre associazioni, ad esempio, per avvicinare allo sport i bambini disabili oppure per dare un aiuto alle famiglie con ragazzi con difficoltà. Regione Lombardia ci ha sempre supportato e ora abbiamo il piacere di conoscere Andrea e Claudia che hanno avuto questa splendida idea”.
Hanno portato un saluto anche i consiglieri regionali Emanuele Monti e Giacomo Cosentino nonché Roberto Bof, giornalista da sempre vicino a queste tematiche: “Chi apre un locale ha molti pensieri e problemi e se a questi si aggiunge un progetto inclusivo di questo tipo vuol dire che c’è tanta attenzione verso gli altri. Sul territorio sono nati e stanno nascendo altri parchi inclusivi, penso a Varese, Malnate, Induno Olona. Insomma, è un virus benefico che si sta diffondendo“.

[email protected]
(foto di Ugo Danesi)