Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Prima Categoria girone A

30^ giornata – Il Cas fa festa, Valceresio addio playoff, San Marco e Brebbia ai playout

VERDETTIDopo la vittoria del Cas maturata con una giornata di anticipo, ecco che gli ultimi novanta minuti della regular season hanno consegnato i verdetti della stagione. E la stagione continua per Gorla Maggiore, Aurora Cantalupo, Valceresio e Folgore Legnano. Nello specifico le semifinali playoff in programma domenica 5 maggio alle ore 16 vedranno opposte Gorla Maggiore – Vanzaghellese e Aurora Cantalupo – Folgore Legnano. Si giocherà in casa delle meglio classificate ovvero Gorla Maggiore e Aurora Cantalupo, le quali avranno a loro disposizione per il passaggio del turno anche il pareggio. Protagonisti di questi match anche i candidati al Pallone d’Oro di prima categoria firmato Varese Sport (clicca QUI per votare).
La bagarre salvezza vedrà opposte invece Brebbia e San Marco. L’andata playout sarà in casa dei bustocchi sempre domenica 5 maggio ore 16, il ritorno sul terreno di gioco dei gialloblù, andrà in scena domenica 12 maggio sempre alle ore 16.

VERDETTI:
Promosso in Promozione: Cas Sacconago
Playoff: Gorla Maggiore – Vanzaghellese, Aurora Cantalupo – Folgore Legnano
Retrocedono in Seconda Categoria: Union Tre Valli, Luino Maccagno
Playout: San Marco-Brebbia

RISULTATI E CLASSIFICA

________________________________________________________________________

BUSTO ARSIZIO – Festeggiare la promozione sotto gli occhi del proprio pubblico, dimostrare di non essere da meno e salire sulla prima classe del treno playoff: sono questi i rispettivi obiettivi di Cas Sacconago e Aurora Cantalupo che si apprestano così a vivere a mille gli ultimi novanta minuti della stagione. Bombr Ruggeri non perdona, l’Aurora si prende vittoria e playoff ma la festa vera è tutta per il Cas che con un folto pubblico di congeda con il sorriso dalla prima categoria ed è pronta a vivere una nuova avventura in promozione.

Cas SacconagoPRIMO TEMPO – Si parte in una meravigliosa cornice di pubblico con i ragazzi che entrano in campo per mano al settore giovanile del Cas. I bustocchi, oggi in maglia verde, giocano con buona attenzione fin dalle prime battute, l’Aurora risponde con grande intraprendenza. La prima conclusione è di Vernocchi da punizione, la manona di Ferni manda in corner, mentre il primo pericolo dei locali arriva dall’incornata di Oldani che trova la traversa alta. Al 15′ è ottimo il sinistro di Simone da fuori area alla ricerca del palo lungo, ma ottima è anche la risposta del numero uno di casa che si allunga e devia in angolo. La gara è viva, la velocità di Caccia è sempre una bella arma in favore dei bustocchi, tant’è che quando riceve palla e la mette in mezzo tesa per Negri, sarebbe solo da spingere in porta ma l’attaccante, da poco rientrato dopo un lungo infortunio, non impatta come dovrebbe. Il calcio d’angolo di Nardone prova ad imbeccare Turconi che con coraggio la tenta di destro al volo, sfera non troppo lontana dalla traversa. Al 30′ è da applausi il fraseggio D’Ascanio – Ruggeri – D’Ascanio con quest’ultimo che prova il destro ad incrociare da posizione favorevolissima, palla a lato per questione di centimetri. L’Aurora Cantalupo ha voglia di sbloccarla e ci prova ancora una volta con un’altra bella manovra conclusa da Ruggeri con un potente destro ma anche in questo caso la risposta di Ferni c’è. Negri potrebbe sfruttare meglio un contropiede fulmineo, D’Ascanio sistema la mira ma stampa sul palo una conclusione da fuori. Mentre i ragazzi di Senziani macinano gioco, il Cas dimostra di avere sempre il colpo in canna per colpire, come nel caso del destro da notevole distanza di Nardone che sta per terminare la sua corsa nel sette se non fosse che Pansera ci arriva con la punta delle dita, quanto basta per negargli la gioia dell’eurogol. Altra chance per l’Aurora che continua nelle azioni palla a terra ed in rapidità, ma Ruggeri non arriva alla deviazione vincente.

Aurora Cerro CantalupoSECONDO TEMPO – Si riparte senza cambi. Il primo squillo della ripresa è dei padroni di casa che con Caccia, scattato forse poco oltre la linea difensiva, si presentano a tu per tu con Pansera, perfetto il tempismo dell’estremo difensore in uscita che col corpo gli chiude lo specchio. All’8′ Berton prova ad inventarsi un gol dei suoi di esterno destro al volo e per poco non regala l’ennesima gioia di questa stagione ai suoi. I ragazzi di Senziani sembrano aver abbassato un po’ il baricentro in questo prima parte di ripresa, i biancoverdi dal canto loro, senza strafare, non mostrano un atteggiamento rinunciatario. I ritmi alti del primo tempo hanno lasciato posto ad una sfida più tattica, ci vorrebbe un episodio o una giocata, e la giocata arriva al 23′ quando Vernocchi tenta il destro da fuori, chiude troppo lo specchio, non trova la porta ma trova Ruggeri che ha il tempo di stoppare e calciare regalando lo 0 a 1 ai suoi. Ora i blucerchiati cercano il colpo del ko e provano ad insistere guadagnando un paio di corner che però si concludono tutti con un nulla di fatto. Nulla di fatto anche il contropiede dove proprio l’autore del gol Ruggeri pecca di altruismo e anzichè cercare il tentativo a rete cerca, ma non trova, D’Ascanio. Il numero dieci decide allora di fare tutto da sè dopo una schema da punizione ma il suo mancino prelibato prende il palo interno, viaggia sulla linea e trova alla fine la presa di Ferni. I locali non ci stanno, vogliono regalare al proprio pubblico almeno un pareggio, la più ghiotta occasione è sulla testa di Oldani che di testa da zero metri la stampa incredibilmente sulla traversa. Ma i legni non mancano nemmeno suk fronto opposto dove la battuta a botta sicura di Ruggeri fa di nuovo traversa e riga, palla sul piede di D’Ascanio ma l’attaccante non impatta come dovrebbe e la palla è facile preda di Ferni. Mentre Ruggeri si diverte a colpire traverse, il Cas tenta gli ultimi assalti ma il risultato non cambia più: al triplice fischio è 0 a 1.

I MIGLIORI
Turconi 6.5 – Amici dello Sport: il solito sacrificio, la solita volontà, questo Cas, oggi sconfitto, ha saputo fare dell’umiltà una delle sue armi migliori.
Ruggeri  7– Aurora Cantalupo: l’ennesimo centro di una stagione infinita e ricca di gol, stagione che non avrà ancora fine per l’Aurora Cantalupo. Giustiziere.

Amici dello Sport – Aurora Cantalupo 0-1 (0-0)
Amici dello Sport: Ferni 7, Tirelli 6.5 (dal 23′ st Iorfida) 6.5, Vacirca 6 (dal 26′ st Bolognini), Turconi 6.5, Panarese 6, Oldani 6.5, Berton 6.5, Caccia 6, Negri 6, Nardone 6.5 (dal 36′ st Oprandi sv), Cavaleri 6 (dal 18′ st Azimonti 6). A disposizione: Heinzl, Castiglioni L., Oprandi, Castiglioni F., Macchi, Alessi, Iorfida, Bolognini, Azimonti. Allenatore: Cau
Aurora Cantalupo: Pansera 6.5, Moneta 6.5, Villacis 6.5 (dal 40′ st Pasotti sv), Vernocchi 7, Castelli 6.5, Bortignon 6.5, Tapinetto 6.5 (dal 44′ st Mencarelli sv), Simone 6.5 (dal 39′ st Busatto), Ruggeri 7, D’Ascanio 7 (dal 45′ st Gilardengo sv), Luraghi 7. A disposizione: Spirito, Mpongui, Gariboldi, Pasotti, Busatto, Gioeli, Gilardengo, Mencarelli. Allenatore: Senziani.
Arbitro: Geminiani di Sesto San Giovanni
Marcatori: st: 23′ Ruggeri (A),
Note: Giornata soleggiata, terreno in buone condizioni, spettatori 200 circa. Ammoniti: Ruggeri (A). Angoli: 4-3 Recupero: 1’+2′.

Inviata Mariella Lamonica

__________________________________________________________________________

TRADATE – Ultima giornata del campionato di Prima Categoria, si affrontano Tradate e Valceresio Audax. Se i primi hanno portato a termine un campionato tranquillo, raggiungendo la salvezza; i secondi, cercano i tre punti per essere sicuri di poter affrontare i play off. Ma soprattutto per lasciare indietro la Vanzaghellese che insegue dalla breve distanza.

TradatePRIMO TEMPO – La prima frazione di gioco è molto aggressiva con entrambe le squadre che non danno nulla per scontato, nonostante il vento renda il tutto molto difficoltoso. Al 13’, punizione dalla sinistra di Bosio che viene deviata in angolo. Il Tradate diventa pericoloso al 20’, quando Marco Galluzzo tira una punizione dalla distanza: Dicara para in due tempi, ma non trattiene, ma Rossato non è abbastanza lesto per insaccare e la palla viene allontanata dalla difesa ospite. Al 34’, punizione dalla distanza di Marco Galluzzo, che viene deviata in angolo. Pericolosissima la Valceresio al 38’, quando Ambrosoli lasciato tutto solo tira dalla distanza. Pochi secondi dopo, Giugliano atterra in area Ambrosoli e per lui è espulsione diretta, e calcio di rigore per gli ospiti. Dal dischetto Piccinotti tira altissimo sopra la traversa, sprecando l’occasione per lo 0 a 1. Il Tradate in 10 deve fare il doppio della fatica per non soccombere all’aggressività della Valceresio.

ValceresioSECONDO TEMPO – Nella ripresa, la Valceresio mette la quinta e vuole il gol a tutti i costi, ma i padroni di casa, nonostante siano in 10 uomini, riescono a essere superiori. Il Tradate è il primo a venir fuori, però, al 22’ con Knouzi che tira dalla distanza. Al 25’, Knouzi viene atterrato in area da Soave: calcio di rigore. Sul dischetto si presenta lo stesso Knouzi che realizza. Nei minuti finali pressing della Valceresio che cerca il pareggio a tutti i costi

I MIGLIORI IN CAMPO
M. Galluzzo (Tradate) 7,5 – L’esperienza del capitano si fa sempre sentire. Decisivo in diverse occasioni.
Ambrosoli (Valceresio Audax) 8 – Sempre presente al momento giusto, si procura il rigore poi sbagliato dal compagno di squadra, ma prodigo di azioni.

IL TABELLINO
Tradate – Valceresio Audax 1-0 (0-0)
Tradate: Giugliano 4,5, Crivellari 6, Traore 7,5, Verna 6, Moretti 6, D. Galluzzo 6, Dama 5,5 (1’s.t. Knouzi 6,5), M. Galluzzo 7,5, Camara 6,5 (47’ s.t. Sala sv), Re (13’s.t. Oliverio 6), Rossato sv (34’p.t. Drago 6).  A disposizione: Gaddour, Molteni, Sala. Allenatore: Garantola.
Valceresio Audax: Dicara 6, Di Carluccio 6,5 (28’ Puka sv), Dell’Orto 6, Iori 6 (19’ s.t. Coccioli 6,5), Soave 6, Carini 6,5, Rigoni 6,5 (7’ s.t. Premoli 6), Ndzie 6,5, Ambrosoli 8, Piccinotti 7, Bosio 6,5 (38’ s.t. Barozzi sv). A disposizione: Valvassori, Rania, Giardino, Puka, Barozzi, Visconti. Allenatore: Marchesi.
Arbitro: Colombo di Varese 4.
Marcatori: 25’s.t. Knouzi (T) rig.
Note - Giornata molto ventosa, campo in discrete condizioni. Spettatori: 100 circa. Espulso: Giugliano al 34’ per gioco scorretto. Ammoniti: Soave, Ambrosoli, Coccioli (V); D.Galluzzo, Camara (T). Angoli: 5 a 2 per la Valceresio Audax. Recupero: 1’+6’.

Inviata Silvia Galli

___________________________________________________________________________

ISPRA – Ultimi novanta minuti per delineare la classifica di questa stagione, ma per Ispra e Cantello Belfortese le sorti sono già scritte e oggi scenderanno in campo per concludere nei migliori dei modi.
Partita tutt’altro che senza emozioni quella che le due squadre hanno messo in scena oggi. Finisce 3 a 3 al Comunale di Ispra.

IspraPRIMO TEMPO – Primo sussulto al 6’ della squadra ospite con Calemme che in area viene servito dai suoi ma l’uscita provvidenziale del numero uno avversario ferma tutto. Poco dopo altra occasione per il Cantello, oggi con i colori sociali, con il dieci Markaj ma Gaballo interviene e respinge evitando il peggio.
Al 14’ Arena dalla distanza, tenta la conclusione individuale con un tiro potente che va di poco oltre i pali.
Bello scambio che vede protagonisti Ba Elhadji che recupera palla e l’appoggia a Verde S., quest’ultimo la passa a Dardha che vede Golisciano libero e lo serve. Il numero dieci tira ma la palla non c’entra la rete.
Fallo su Lazzarini commesso da Dardha al limite dell’area di rigore al 21’. La punizione viene tirata da Golisciano, il tiro non trova il giusto giro e rimane alto.
E’ passata la prima metà di gioco e ancora l’Ispra ci prova: Golisciano salta l’uomo e la passa a Ba Elhadji che si presenta in area ma la difesa ospite respinge in angolo.
Poco dopo la mezz’ora si fa vedere di nuovo Golisciano che trova un varco e serve Ba Elhadji, la palla è un po’ lunga e non riesce ad arrivarci in tempo.
Altro bello scambio tra il dieci e l’undici di casa, che non riesce però a concretizzarsi. Rigore al 37’ concesso dall’arbitro per un fallo commesso su Dardha. Sul dischetto si presenta Golisciano che non sbaglia, il portiere non può far nulla, vantaggio Ispra.
L’arbitro finiti i 45 minuti regolamentari non concede recupero e manda le squadre negli spogliatoi.

Cantello BelforteseSECONDO TEMPO – Ripresa che inizia nei peggiori dei modi per la squadra di casa: dopo soli tre minuti Gaballo, sulla linea di porta prova a respingere il tiro, ma finisce per mandarla in rete e segna il goal del pareggio.
Contatto sospetto su Gaballo al 5’, i ragazzi ospiti reclamano il rigore ma il direttore di gara giudica il fallo fuori dall’area e assegna solo una punizione battuta da Markaj che non trova le misure e la palla finisce fuori.
Al 9’ punizione tirata da Ossola, i suoi piedi trovano un tiro potente e leggermente largo.
Azione rocambolesca della compagine ospite: al 10’ Markaj mette a segno il raddoppio dopo una serie di passaggi e tiri respinti dalla difesa rossa.
Tiro velleitario di Verde S. che al 17’ prova a pareggiare i conti.
Animi accesi in campo tra i giocatori e l’arbitro è chiamato a calmare la situazione.
Goal da cineteca di Modde al 26’, fuori dall’area spiazza il portiere con una conclusione potente e dritta nell’angolino. Ci mette anche la sua firma Ba Elhadji che di testa la infila e gonfia la rete dopo neanche un minuto dal pareggio.
Solo Ispra in campo in questo momento: il neo entrato Sottocorna si trova davanti al portiere ma non trova bene l’appoggio e non galvanizza il tutto.
Spazio anche per il secondo portiere del Cantello Airoldi che al 39’ prende il posto del numero uno.
Cantello che ancora non demorde e sta avendo molte occasioni ma sembra che la palla non voglia più entrare. Eccolo il tanto cercato goal che arriva allo scadere dei 45 minuti regolamentari con Markas che la infila e gonfia la rete.
Finisce così l’incontro e questa stagione.

I MIGLIORI IN CAMPO
Golisciano (Ispra) 7 –
Anche se oggi in diversi hanno giocato bene è ancora lui il protagonista, trova dei buoni scambi con i suoi compagni e nelle azioni che contano si fa vedere.
Markaj (Cantello Belfortese) 6.5 – Buona prestazione, sempre lì davanti per cercare la rete

COMMENTI
Pasetti (allenatore Ispra)
: da quando sono arrivato io ci sono stati diversi problemi, ci è stato un momento di stallo. Il girone di ritorno è andato bene e abbiamo fatto tanti punti. Abbiamo messo in campo anche diversi giovani e tre/quattro ragazzi del 2000. Tutto sommato una buona stagione e siamo arrivati ad un pelo dai playoff.
Criscimanni (allenatore Cantello Belfortese): non soddisfacente della stagione. Purtroppo mancavano le punte e nella arco della stagione abbiamo sprecato qualcosa, ormai è andata cosi.

IL TABELLINO
Ispra – Cantello Belfortese 3-3 (1-0)
Ispra: Tenti 5.5, Pomi 6.5 (dal st 1’ Cialona 6), Verde F. 6.5, Becerri 6, Modde 6.5, Gaballo 6, Dardha 6.5, Magistri 6 (dal st 1’ Sottocorna 6.5), Verde S. 7, Golisciano 7, Ba Elhadji 7 A disposizione: Sabatino, Cerutti, Bouraya, Piras, Lamorte, Cialona, Sottocorna Allenatore: Pasetti
Cantello Belfortese: Boschini 6 (dal st 38’ Airoldi), Motta 6, Adamo 6, Mariano 6.5 (dal st 16’ Magnoni), Pantelis 6, Ossola 6.5, Lazzarini 6.5 (dal st 23’ Valenti), Italiano 6.5 (dal st 31’ Bianchi), Arena F. 6.5 (dal st 43’ Arena Y.), Markaj 6.5, Calemme 6.5 A disposizione: Airoldi, Di Bari, Dapos, Arena, Bianchi, Fontana, Magnoni, Valenti Allenatore: Criscimanni
Arbitro: Stabilini di Legnano
Marcatori: pt: 37’ Golisciano (I) st: 3’ aut. Gaballo (I), 10’ 45′ Markaj (C), 26’ Modde (I), 27’ Ba Elhadji (I).
Note: Giornata serena, terreno in buone condizioni, spettatori 50 circa. Ammoniti: st: 4’ Italiano (C), 9’ Ba Elhdaji (I), 33’ Arena (C) Angoli: 4-8 Recupero: 0’+3’

Inviata Roberta Sgarriglia

_________________________________________________________________

LE ALTRE PARTITE

FOLGORE LEGNANO – SOLBIATESE INSUBRIA 3-1 (2-1)
Folgore Legnano: Bertuola, Panozzo (dal 45’ st Gadda), Castellotti, Ristori, Monti, Cattaneo, Brun (dal 47’ st Giglio), Russo (dal 47’ st Chiodini), Gazzardi, Moretta (dal 34’ st Scandroglio), Bertola. A disposizione: Colombo A., Catalano, Avella, Re, Colombo F.. Allenatore: Colombo
Solbiatese Insubria: Policastro, Ferrenti, Cosenza, Bossi A., Cafaro, Monticelli (dal 17’ st Libralon), Bellumore (dal 25’ st Castelli), Bossi L. (dal 15’ st Lo Presti), Ventura (dal 19’ st Mattiuz), Lo Giudice, Ana Petre (dal 21’ st Cerutti). A disposizione: Bottani, Accetta, Manfredi, Visentin . Allenatore: Castiglioni
Arbitro: Greco di Seregno
Marcatori: pt: 7′ rig. Moretta (F), 11′ Ana Petre (S), 36′ Cattaneo (F); st: 30′ rig. Moretta (F)
La Folgore aveva l’imperativo di vincere per avere la certezza dei playoff e i tre punti sono arrivati a seguito di una prestazione sontuosa dei ragazzi di Colombo che piegano 3-1 la Solbiatese. Apre le danze Moretta al 7’ trasformando il rigore guadagnato da Bertola, ma gli ospiti non ci stanno e all’11’ trovano il gol del pari con la fucilata di Ana Petre sul primo palo. La Folgore non si scompone e torna a fare la partita trovando il 2-1 al 36’ con l’inzuccata di Cattaneo su angolo battuto da Moretta. Nella ripresa i padroni di casa cercano in ogni modo di chiudere la partita, ma la porta sembra stregata e né i tentativi di Gazzardi né quelli di Bertola si rivelano fruttuosi, anche per colpa di un Policastro in giornata sì. La parola fine la scrive Moretta, di nuovo su rigore questa volta guadagnato da Gazzardi, che al 75’ sigla il definitivo 3-1. La Fologre Legnano guadagna così i playoff, dove se la vedrà al primo turno con l’Aurora Cantalupo.

_________________________________________________________________

ANTONIANA – SAN MARCO 2-1 (0-1)
Antoniana: Paroni, Venturelli, Venturelli, Badji (dal 32’ st Zaroli), Negri, Ranieri, Macchi (dal 44’ st Tirdea), Santaniello, Mileo (dal 18’ st Maglio), Corbetta (dal 1’ st Ranieri), Mantovan (dal 18’ st Sorrentino). A disposizione: Rossi, Maneggia. Allenatore: Pavone
San Marco: Pitaro, Bellin, Landonio (dal 41’ st Comentale), Gallarati, Principato, Salmoiraghi (dal 44’ st Quatraro), Vergari (dal 20 st’ Gallo), Possoni, Andreolli (dal 18’ st Carraro), Lambertini, Cortellaro. A disposizione: Polimeni, Primi, Roncato, Petenà, Inzaghi. Allenatore: Torretta
Arbitro: Colombo di Legnano
Marcatori: pt: 17’ Vergari (S); st: 20’ Venturelli (A), 43’ Ranieri (A)
L’Antoniana fa suo il derby bustocco ribaltando il match, ma soprattutto evitando l’inghippo playout. La San Marco, che si giocherà col Brebbia la permanenza in categoria, passa in vantaggio al 17’ con un gol in mischia di Vergari, ma non riesce ad amministrare il risultato venendo rimontata nella ripresa. Prima l’inzuccata di Venturelli, pescato ottimamente da Maglio, e poi il diagonale di Ranieri fanno festeggiare l’Antoniana.

_______________________________________________________________

GORLA MAGGIORE – ARSAGHESE 1-0 (0-0)
Gorla Maggiore: Galizia, Antonini (dal 7’ st Bene), Bernasconi, Di Simone, Caristina, Bahamad (dal 5’ st Ruggia), Hushi, Puricelli, Morelli, Ippolito (dal 34’ st Mahracha), Falsaperna (dal 39’ st Toutcha). A disposizione: Betti, Savastano, Pietroboni, Deservi. Allenatore: Contaldo
Arsaghese: Cosentino, Guidali (Dal 34’ st Guei), D’Aloia (dal 26’ st Caprioli), Diedhiou, Bernasconi, Nebuloni, Fontana C., Gjini (dal 28’ st Busin), Fontana M. (dal 30’ st Collenghi), Palese, Gueye (dal 37’ st Marchioni). A disposizione: Franishta, Caprioli, Agrini, Diakhate. Allenatore: Marsich
Arbitro: Rota di Como
Marcatori: st: 15’ Bernasconi (G)
Bastava un punto al Gorla per assicurarsi il secondo posto, ma gli uomini di Contaldo hanno ottenuto il massimo risultato con il minimo sforzo, superando l’Arsaghese per 1-0. A decidere un match sottotono da ambo le parti ci pensa Bernasconi al 15’ della ripresa scaraventando in rete la respinta corta di Cosentino proprio sul suo colpo di testa. Cosentino comunque protagonista sia nel primo tempo sia nel secondo opponendosi in tutti i modi ai vari tentativi di Ippolito e Falsaperna. L’unico brivido per i padroni di casa arriva sul finire di primo tempo a seguito della sbavatura di Caristina, ma Galizia abbassa la saracinesca. All’87’ espulso Morelli per un fallo di reazione.

_________________________________________________________________

VANZAGHELLESE – BREBBIA 2-1 (0-0)
Vanzaghellese: Rogora, Pisoni Simone, Moro (dal 1’ st Vago), Lo Piccolo, Daggiano (dal 30’ st Bonina), Villa, Spadaccino (dal 35’ st Mombrini), Suman, Izzo, Pisoni Stefano (dal 15’ st Bellin), Colombo (dal 40’ st Stefanazzi). A disposizione: Urso, Quaini, Milani, Ferioli. Allenatore: Trubia
Brebbia: Oltolini, Ventura, Louraini, Ruffo, Frattini, Galbignani, Daverio, Squizzato, Quadrelli, Mirabella, Reggiori. A disposizione: Mattioni, Stefanelli, Traorè, Milano. Allenatore: Pizzuti
Arbitro: Doronzo di Lomellina
Marcatori: st: 6’ Izzo (V), 31’ rig. Lo Piccolo (V), 45’ Milano (B)
La Vanzaghellese domina il match e, complice il regalo del Tradate, approda ai playoff. Primo tempo che si conclude sullo 0-0 nonostante parecchie occasioni per i padroni di casa, su tutte il gol sbagliato da Izzo al 10’. Nella ripresa la Vanzaghellese mette le cose in chiaro fin da subito quando Pisoni recupera una palla vagante sulla trequarti, serve largo Spadaccino che confeziona un facile gol per Izzo. Alla mezzora Bellin si guadagna un rigore che Lo Piccolo trasforma, ed è lo stesso Bellin che potrebbe definitivamente chiudere i conti al 35’, ma prima colpisce il palo e sul tap-in si divora un gol incredibile. Nel finale i padroni di casa si fanno trovare scoperti e il Brebbia accorcia le distanze con Milano, ma non basta agli uomini di Pizzuti per evitare i playout.

In redazione Matteo Carraro