Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Prima Categoria girone A

29^ giornata – Cas, è qui la festa: vince a Luino e vola in Promozione! Quasi definita la griglia playoff

cas festa promozione 1LUINO – Il sogno è realtà! Il Cas si impone per 3 a 1 a Luino e vince il campionato e può godersi i festeggiamenti per l’approdo in Promozione.

PRIMO TEMPO – Aggressivi sin da subito i ragazzi di mister Cau, Cavaleri al 6’ si gira, ma i suoi piedi trovano solo una palla alta.
Bel giro palla di entrambe le squadre. Al 16’ la squadra di casa si procura una punizione dal limite grazie ad una bella azione tra Righetto e Lucanto. Proprio quest’ultimo calcia ma la palla finisce sulla barriera.
Un minuto dopo l’arbitro ammonisce per simulazione Cavaleri per un contatto in area con Iozzino.
Vicino al vantaggio il Cas con Azimonti al 24’ con un rasoterra che non c’entra di poco la rete. Altro brivido creato dalla compagine ospite, provvidenziale intervento del portiere.
Ancora protagonista la squadra ospite con il numero 8 Azimonti, su mischia in area riesce a mettere il piede e a calciare senza trovare la rete. Sponda di Caccia per Azimonti che ancora  una volta manca l’appuntamento con il goal.
CasOccasione per il Luino con Lucanto che serve una bella palla a Pizio che in area non riesce a indirizzarla.
Calcio di rigore concesso al Cas al 39’ per un fallo su Berton commesso da Arioli. Sul dischetto si presenta proprio l’interessato che non sbaglia e con precisione chirurgica la mette nell’angolino.
Non molla di un centimetro il Luino e poco dopo Testa sfiora il pareggio.
L’arbitro concede due minuti di recupero e manda le squadre negli spogliatoi. Buon primo tempo dei padroni di casa che non si sono dati per vinti e daranno il tutto per tutto anche nel finale.

LuinoSECONDO TEMPO – Ripresa che riprende con gli stessi 22 scesi in campo nel primo tempo. Dopo 7 minuti dall’inizio della ripresa Lucanto riesce a smarcarsi e a calcaiare, il suo tiro si spegne di poco fuori.
Altro calcio di rigore concesso al Cas al 7’ battuto da Agrello che non sbaglia e firma così il raddoppio per i suoi.
Allo scoccare del quarto d’ora Nardone tenta la conclusione ma il numero 1 avversario in allungo la respinge in angolo. Ancora maglia blu protagonista con Testa che riceve palla, la stoppa ma sbaglia a calcolare la misura e manda alto.
Arriva il terzo goal al 23’ con Cavaleri che di testa non sbaglia.
Lucanto ci mette il suo al 37’ con una rete che lascia fermo il portiere.
Secondo parziale non troppo acceso e senza particolari occasioni a parte le reti segnate.
Triplice fischio dell’arbitro e impazza la festa per i ragazzi di mister Cau che si godono la vittoria del campionato tra la gioia dei tifosi accorsi qui per l’occasione.

I MIGLIORI IN CAMPO
Lucanto (Luino Maccagno) 6.5
– è sempre presente su ogni occasione di valore, è il suo l’unico goal per i suoi
Berton (Cas) 6.5 – si fa vedere anche oggi il bomber, si procura il rigore e lo segna

IL TABELLINO
Luino Maccagno – Cas 1-3
(0-1)
Luino Maccagno:
Braccio 6.5 (dal st 28’ Ferni), Scaglioni 6 (dal st 7’ Parietti 6), Testa 6.5, Granai 6 (dal st 20’ Bianchi), Iozzino 6, Arioli 6.5, Righetto 6.5, Bellini 6.5 (dal st 29’ Rudi), Lucanto 6.5, Pezzi, Pizio 6.5 (dal st 20’ Pizzuti) A disposizione: Passera, Bocci, Pizzuti, Bianchi, Silipo,Cracas, Matranga, Rudi, Parietti Allenatore: Cracas
Cas: Heinzl 6, Tirelli 6.5 (dal st 23’ Bolognini), Vacirca 6, Nardone 6, Panarese 6.5, Oldani 6.5 (dal st 12’ Iorfida), Caccia 6.5 (dal st 27’ Macchi), Azimonti 6.5, Berton 6.5 (dal st 21’ Castiglioni), Agrello 6.5, Cavaleri 6.5 A disposizione: Ferni, Castiglioni L., Oprandi, Castiglioni F., Macchi, Alessi, Iorfida Allenatore: Cau
Arbitro: Barlocco
Marcatori: pt: 39’ Berton (C) st: 7’ Agrello (C), 23’ Cavaleri (C), 37’ Lucanto (L)
Note: Giornata serena, terreno in buone condizioni, spettatori 50 circa. Ammoniti: pt:17’ Cavaleri (C), 48’ Righetto (L) st: 2’ Panarese (C) Angoli: 3-4 Recupero: 2’+4’

Inviata Roberta Sgarriglia

FOTOGALLERY Luino-Cas 08 Luino-Cas 05 Luino-Cas 17

————————————————————————————————————————————————————

ARCISATE – Il Valceresio vince con merito e scala la classifica verso la zona playoff a una giornata dal termine del campionato. A segno Ambrosoli e Robustellini per i padroni di casa, mentre per l’Ispira c’è da sottolineare il rigore trasformato da Golisciano.

Valceresio PRIMO TEMPO – Inizio nervoso di entrambe le squadre, con l’arbitro costretto a estrarre in soli 16’ già tre cartellini gialli. Un po’ meglio il Valceresio, il quale costruisce occasioni potenzialmente pericolose, ma che alla fine si sciolgono in un nulla di fatto. La prima vera emozione si ha al 26’, con Sottocorna che prova una girata in rovesciata. Dicara blocca, ma il gesto tecnico è da applausi. Match combattuto a centrocampo, caratterizzato da molti errori tecnici dati anche da dal campo in non perfette condizioni vista la pioggia caduta nelle scorse ore. Al 39’ Ambrosoli chiede un calcio di rigore per l’intervento in scivolata di Magistri ma l’arbitro, con qualche dubbio, lascia correre. Occasione colossale per i padroni di casa al 44’: Piccinotti imbuca bene Ambrosoli, il quale si trova da solo davanti al portiere. Miracoloso in ritorno in scivolata di Gaballo che riesce a salvare la propria squadra.

IspraSECONDO TEMPO – La ripresa si apre con un buon Valceresio, più determinato rispetto ai primi 45’. Al 5’ Piccinotti aggancia un buon cross di Cinieri in piena area di rigore, ma poi scivola e permette aal’Ispra di rinviare. Altro rigore richiesto dal Valceresio, stavolta da Piccinotti, ma anche stavolta l’arbitro lascia correre. Al 14’ il Valceresio si divora letteralmente il vantaggio. Ambrosoli gioca in mezzo in area per Cinieri, il quale è lucidissimo a giocarla di prima a Bosio che però, tutto solo, si addormenta sul dischetto e si lascia rimontare. Al 18’, però, arriva il meritato vantaggio dei padroni di casa: ottimo cross basso di Cinieri che pesca tutto solo Bosio. Il numero 11 liscia ancora una volta la palla, ma sulla palla vagante si fionda Ambrosoli che insacca facilmente. Mister Pasetti cambia e fa entrare il giovane classe 2000 Lamorte, il quale si mette subito in luce al 25’ con una rasoiata di sinistro che costringe Dicara a una gran parata. Al 35’ il Valceresio la chiude. Dagli sviluppi di una punizione scodellata in mezzo Robustellini piazza la zampata vincente. Al 46’ partita riaperta per un calcio di rigore trasformato da Golisciano.

I MIGLIORI IN CAMPO
Cinieri (Valceresio) 6,5 –
Parte male con un giallo dopo appena 7’, ma con il passare dei minuti cresce e gioca una gran partita. Prezioso anche nell’occasione del vantaggio firmato Ambrosoli.
Lamorte (Ispra) 6 – Entra solo nel secondo tempo, ma è l’unico a rendersi davvero pericoloso con una bellissima conclusione di sinistro

I COMMENTI
D’Onofrio (All. Valceresio
) – “Non era assolutamente semplice vincere con una squadra che ha fatto un grande girone di ritorno. Sono soddisfatto perché abbiamo creato tanto e concesso solo negli ultimi 5’. Ripeto, sono contento perché giocare con squadre spensierate non è mai facile. Ora ci aspetta l’ultima partita, con la speranza di rimanere in zona playoff”
Pasetti (All. Ispra) – “Sono soddisfatto soprattutto del primo tempo. Nella ripresa abbiamo commesso un paio di ingenuità che ci sono costate caro. Buona reazione per una squadra che non ha più nulla da chiedere al campionato”

IL TABELLINO
Valceresio-Ispra 2-1 (0-0)
Valceresio (4-4-2):
Dicara; Di Carluccio, Soave, Carini, Dell’Orto; Cinieri (27’ st Barozzi), Robustellini, Ndzie, Piccinotti (39’ st Iori); Ambrosoli (30’ st Ponti), Bosio (32’ st Puka). A disposizione: Monceri, Giardino, Rania, Coccioli, Rigoni. All.: Basso D’Onofrio
Ispra (4-2-3-1): Sabatino; Cerutti, Becerri, Gaballo, Verde F.; Magistri, Verde S.; Ba Elhadji, Golisciano, Dardha; Sottocorna (20’ st Lamorte). A disposizione: Tenti, Pomi, Binda, Antonetti, Cialona. All.: Fabio Pasetti
Arbitro: Iacchetti di Lecco
Marcatori: st: Ambrosoli (V) al 18’, Robustellini (V) al 35’, Golisciano (I) al 45+1’ su rig.
Note – Nuvoloso ma senza pioggia. Presenti circa 150 spettatori. Ammonizioni: Becerri (I) al 3’ pt, Cinieri (V) al 7’ pt, Sottocorna (I) al 16’ pt, Robustellini (V) al 20’ st, Dardha (I) al 31’ st, Cerutti (I) al 34’ st, Gaballo (I) al 42’ st, Ponti (V) al 45+12’. Calci d’angolo: 5-4. Recupero: +1;+3

 Inviato Simone Calabrese

______________________________________________________________________________

CANTELLO – Il fascino di una sfida che saprà sempre prevalere su numeri e classifica, il fascino dato da rose di valore ed incontri storici che nelle utime stagioni hanno sempre deliziato il pubblico, certo è che se a questo aggiungi una squadra ospite con nel cuore le speranze di un titolo un po’ sfuocato ma non inarrivabile, ed una compagine ricca di orgoglio e di volontà nel chiudere bene un’annata storta, allora sai che ti ritrovi a che fare con una partita che non può essere una partita qualunque. Cantello Belfortese – Gorla Maggiore si presenta così e non ha bisogno di altri aggettivi per essere descritta se non quelli che emergeranno da questi novanta minuti.
Intensità, qualità, agonismo in una gara più che accesa: ecco cosa emerge. Ai varesini non basta la bella reazione nella ripresa per ribaltare l’1 a 0 firmato Falsaperna frutto di un’ottima partenza gorlese. Il Cas si aggiudica il titolo ma il Gorla si tiene stretta la seconda piazza.

IMG-20190414-WA0043PRIMO TEMPO – Ci mette quattro minuti il Gorla Maggiore per sbloccare la gara. Ippolito scippa un pallone ad Italiano e si invola sulla destra, alza la testa e pesca sul secondo palo Falsaperna che deve solo spingerla in porta. 0 a 1.  La risposta dei padroni di casa arriva con un’azione insistita di Lazzarini bravo a destreggiarsi in mezzo a tre avversari ma poi vede respinta la sua conclusione. I ragazzi di Contaldo, oggi in maglia biancorossa, non hanno nessuna intenzione di alzare il piede dall’acceleratore ed infatti creano un paio di palle pericolosissime in area Cantello, che a sua volta, grazie soprattutto ai lanci di Pantelis e alla verve di Italiano e Lazzarini non ha nessuna intenzione di rendere vita facile agli avversari. Si gioca davvero a viso aperto. I locali peccano un po’ nell’ultimo passaggio, Ippolito scatenato crea una serpentina pericolosissima, su assist di tacco di Falsaperna, da cui guadagna solo corner. Al 26′ Savastano accusa un infortunio e lascia il campo, al suo posto c’è Galizia. Alla mezz’ora bella combinazione Fontana – Lazzarini, il numero undici ci prova di prima intenzione da distanza assiderale manda oltre la traversa. La gara si frammenta un po’, il caldo pubblico si fa sentire nonostante la temperatura sia tutt’altro che primaverile, fioccano un paio di cartellini ed il Cantello cerca di farsi trovare pronto con un paio di calci da fermo e con un tentativo da fuori di Arena ma la palla sorvola la traversa. Non succede nient’altro esi va al riposo.

IMG-20190414-WA0042SECONDO TEMPO – Si riparte con una punizione di Pantelis ribattuta dalla difesa e con i gialloblù decisamente più convinti. Ippolito tenta di sorprendere Boschini dai trentacinque metri, il suo destro termina incredibilmente sulla traversa. All’undicesimo è ingenuo Voltan che commette fallo di mano e rimedia il secondo giallo, Gorla in dieci per oltre mezz’ora. I locali reclamano un calcio di rigore quando Lazzarini viene fermato da Di Simone, per l’arbitro è tutto regolare, il contatto però pare esserci. A questo punto i Criscimanni boys si scatenano ed iniziano l’assedio. Ci prova prima Pantelis che però manda alto. Risposta gorlese con il solito Falsaperna che raggira il proprio avversario e poi prova a sorprendere Boschini sul primo palo, risponde presente l’estremo difensore. I gialloblù ci riprovano e lo fanno soprattutto con le forze fresche subentrate dalla panchina. Markaj tenta una rovesciata con poco fortuna, Martini si fa respingere di piede un tiro ad incrociare e guadagna solo corner. Il Cantello potrebbe far male con i calci da fermo ma la punizione di Markaj dal limite non va a bersaglio. Decisamente positivo l’impatto di di Veronesi al match: è lui a cercare più volte l’imbucata e a d offrire pigli interessanti. Nonostante tutto, però, la difesa biancorossa regge fino alla fine, Galizia è reattivo nella uscite, il Cantello non demorde ma non riesce a pareggiare i conti, nemmeno nei quattro minuti di extratime. Al triplice fischio vince il Gorla Maggiore 0 a 1.

I Migliori
Lazzarini 7 – Cantello Belfortese: è il più pimpante dei suoi fin dalle prime battute, ci mette testa e personalità.
Hushi 7 – Gorla Maggiore: giusto parlare del giustiziere Falsaperna, giusto dare i meriti a capitan Ippolito, ma la presenza di questo ragazzo tutto fare, instancabile e di qualità è sempre fondamentale per questa squadra, oggi compreso.

I commenti
Criscimanni (allenatore Cantello Belfortese):Ci tenevamo a far bene, a non perdere, a chiudere l’annata casalinga in maniera diversa ed invece è stata una stagione davvero rocambolesca, speriamo che l’anno prossimo sarà un campionato diverso per noi, quanto a oggi non posso rimproverare nulla ai ragazzi, hanno dato tutto, onestamente penso meritassimo anche qualcosa in più, forse c’era un rigore per noi, l’arbitro ha giudicato in maniera diversa, è andata così pazienza“.
Contaldo (allenatore Gorla Maggiore):Il nostro obiettivo era arrivare primi, volevamo vincere il campionato, la prima cosa da fare è capire dove ho sbagliato per non ripetere gli stessi errori ai playoff, abbiamo un piccolo vantaggio si chi insegue, cercheremo di tenercelo stretto a di tuffarci in questa seconda parte di campionato perché faremo di tutto per vincere i playoff, ci davano per spacciati, ci davano fuori, ed invece li abbiamo conquistati già domenica scorsa. Ci tengo a fare i complimenti al Cas e a mister Cau, meritano questa vittoria perché sono una società seria, è stato un onore lottare con loro“.

Cantello Belfortese – Gorla Maggiore 0-1 (0-1)
Cantello Belfortese: Boschini 6, Motta 6.5, Adamo 6.5, Arena F. 6.5, Da Pos 6, Di Bari 6, Lazzarini 7 (dal 32′ st Martini 6.5), Italiano 6 (dal 26′ st Michelotti 6.5), Giacopinelli 6 (dal 5′ st Markaj 5.5), Pantelis 6.5, Fontana 5.5 (dal 32′ st Veronesi 7).A disposizione: Airoldi, Ossola, mariano, Arena Y., Bianchi, Veronesi, Markaj, Michelotti, Martini.Allenatore: Criscimanni
Gorla Maggiore: Savastano 6 (dal 26′ pt Galizia 6.5), Pietroboni 6.5 (dal 33′ st Toutcha 6), Antonini 7, Bernasconi 6.5, Di Simone 6, Voltan 5.5, Ruggia 6 (dal 1′ st Deservi 6), Hushi 7, Puricelli 7, Ippolito 7 (dal 43′ st Morelli sv), Falsaperna 7 (dal 46′ st Mahracha sv). A disposizione: Galizia, Toutcha, Caristina, Deservi, Bene, Morelli, Mahracha. Allenatore: Contaldo.
Arbitro: Savarese di Saronno
Marcatori: pt: 4′ Falsaperna (G).
Note: Giornata piovosa, terreno in buone condizioni, spettatori 70 circa. Espulso: Voltan (G) Ammoniti: Fontana (C), Voltan (G), Pantelis (C), Angoli: 7-6. Recupero: 2’+4’.

Inviata Mariella Lamonica

 

RISULTATI E CLASSIFICA

San Marco – Folgore Legnano 1-1 (1-0)
San Marco: Pitaro, Bellin, Principato, Gallarati, Primi, Roncato, Vendemmiati (dal 33′ st Napolitano), Possoni (dal 47′ st Passafiume), Andreolli (dal 21′ st Carraro), Lambertini, Gallo (dal 14′ st Vergari)A disposizione: Polimeni, Landonio, Vergari, Passafiume, Migliore, Kuklev, Napolitano, Petenà, Carraro. Allenatore: Torretta
Folgore Legnano: Colombo, Panozzo, Gagliardi (dal 11′ st Castellotti), Ristori (dal 11′ st Moretta), Monti, Cattaneo, Ciocia, Russo, Gazzardi  Bertola (dal 47′ st Brun), Favareto (dal 35′ st Corizzo).A disposizione: Monzani, Castellotti, Chiodini, Maggio, Moretta, Corizzo, Brun, Scandroglio. Allenatore: Colombo
Arbitro: Monti di Como
Marcatori: pt: 38′ Andreolli (S); st: 45′ Moretta (F)
L’acciuffa allo scadere la Folgore Legnano al cospetto di una San Marco che ancora una volta paga dazio nei minuti di recupero.
A sbloccare la gara nel primo tempo è Andreolli che sfrutta un errato disimpegno di Cattaneo e di testa insacca. I padroni di casa avrebbero qualche altra chance per finalizzare ma non ci riescono, Gazzardi invece si fa respingere una conclusione a tu per tu con Pitaro.
Nella ripresa è ancora Pitaro che dice di no al colpo di testa di Gazzardi, ma a raddrizzare una domenica storta è Moretta che subentrato dalla panchina trova allo scadere una punizione che si infila all’incrocio dei pali. 1 a 1.

Aurora Cantalupo – Tradate 2-2 (2-1)
Aurora Cantalupo: Pansera, Pasotti (dal 10′ st Moneta), Villacis (dal 28′  st Castelli), Vernocchi, Banfi, Bortignon, Luraghi, Busatto, Ruggeri, D’Ascanio, Mencarelli (dal 13′ st Tapinetto). A disposizione: Roveda, Progress, Castelli, Moneta, Mpongui, Serighelli, El Atrouchi, Gioeli, Tapinetto. Allenatore: Senziani
Tradate: Drago, Verna, Crivellari (dal 15′ st Guerrini), Galluzzo D., Moretti, Akpolat (dal 5′ st Oliverio), Camara, Galluzzo M., Knouzi (dal 28′ st Rossato), Re (dal 48′ st Simone), Traore. A disposizione: Giugliano, Simone, Guerrini, Panuccio, Rossato, Sala, Oliverio, Sava.Allenatore: Garantola
Arbitro: Pinci di Gallarate
Marcatori: pt: 16′ D’Ascanio (A), 30′ rig. Galluzzo M (T), 35′ Banfi (A); st: 9′ Re (T)
Pari e patta tra Aurora Cantalupo e Tradate.
La prima zampata vincente è quella di D’Ascanio che già al 16′ del primo tempo trova l’1 a 0. Alla mezz’ora però fallo in area del Cerro, per l’arbitro è calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Galluzzo M. che non sbaglia e pareggia i conti. Prima del duplice fischio, però, Banfi si fa perdonare per il penalty concesso e riporta la squadra in avanti, 2 a 1.
Nella ripresa sala di tono Re che con la sua velocità crea qualche grattapaco agli avversari. Il primo lo si registra al 9′ quando trova il 2 a 2 , grazie anche alla complicità di Camara, realizzando in contropiede. L’Aurora ci prova ancora ma Drago si fa trovare pronto, al novantesimo è 2 a 2.

Arsaghese – Vanzaghellese 0-1 (0-1)
Arsaghese: Franishta, Guidali (dal 36′ st Guei), D’Aloia, Gueye (dal 25′ st Gjini), Bernasconi, Nebuloni, Caimano, Lo Bello (dal 45′ st Collenghi), Fontana M. (dal 38′ st Pedrocchi), Gandolfo (dal 10′ st Diedhiou), Fontana C.A disposizione: Cosentino, Busin, Gjini, Diakhate, Pedrocchi, Diedhiou, Collenghi, Guei. Allenatore: Marsich
Vanzaghellese: Rogora, Grassi (dal 46′ st Moro), Pisoni Simone, Lo PIccolo, Daggiano, Vago, Bellin (dal 10′ st Stefanazzi), Suman, Izzo, Pisoni Stefano (dal 35′ st Mombrini), Colombo (dal 46′ st Bonina). A disposizione: Bonini, Moro, Cobianchi, Mombrini, Spadaccino, Stefanazzi, Quaini, Bonina, Ferioli. Allenatore: Trubia
Arbitro: Scialpi di Legnano
Marcatori: pt: 1′ Pisoni Simone (V)
La Vanzaghellese sbanca Arsago e resta ad un punto dal treno playoff.
La sfida si mette subito bene per i ragazzi di Trubia che dopo sessanta secondi passano in vantaggio grazie ad un tiro-cross di Suman. Il resto della gara si sviluppa prevalentemente a centrocampo, con la squadra di casa che non impensierisce mai Rogora e la Vanzaghellese che amministra.
Nella ripresa Marsich dà spazio anche alla giovane panchina e tenta la mossa Nebuloni centravanti alla ricerca di un pareggio che farebbe comodissimo nel discorso salvezza, ma la chance più ghiotta la fa registrare Stefanazzi quando in contropiede si presenta davant a Franishta e la stampa sul palo. Il risultato non cambia più, gli ospiti possono continuare a sperare nella post season, l’Arsaghese grazie al pareggio del Brebbia in extremis è salva.

Brebbia – Antoniana 1-1 (0-0)
Brebbia:Ottolini, Stigliani, Marchesotti, Ruffo, Lombardo, Squizzato, Louaraini, Frattini, Quadrelli (dal 26′ st Ventura), Reggiori, Daverio (dal 15′ st Milano). A disposizione: Mattioni, Traore, Ventura, Galbignani, Milano. Allenatore: Pizzuti
Antoniana: Paroni, Negri (dal 19′ st Maneggia) Venturelli,  Badji, Larocca, Ranieri S., Macchi , Santaniello, Ranieri A. (dal 26′ st Mileo), Corbetta (dal 30′ st Sorrentino), Mantovan (dal 26′ st Maglio). A disposizione: Rossi, Maneggia, Zaroli, Maglio, Tirdea, Sorrentino, Mileo.Allenatore: Visentin
Arbitro: Zanichelli di Legnano
Marcatori: st: 35′ Macchi (A), 51′ Ventura (B)
Beffa in extremis per l’Antoniana che nello scontro salvezza non riesce a strappare i tanto ambiti tre punti.
Gli ospiti colpiscono pali e traverse con Ranieri Andrea, Macchi, Corbetta e Mileo, sembra l’ennesima giornata storta fin quando ci pensa Macchi con una fucilata dal limite su assist di Badji a siglare l’1 a 0. Nonostante il dominio bustocco, il Brebbia raccoglie le forze e si getta in avanti alla caccia del pareggio, pareggio che arriva nei minuti di recupero quando il neo entrato Ventura è il più lesto di tutti a ribadire in rete una palla smanaciata da Paroni. Gli ospiti reclamano anche un fuorigioco ma per il direttore di gara è tutto regolare. Brebbia – Antoniana finisce 1 a 1, la corsa alla salvezza continua per entrambe.

SolbiateseInsubria – Union Tre Valli 4-0

In redazione Mariella Lamonica