Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Prima Categoria girone A

25^ giornata – SolbiateInsubria a valanga, tris Folgore Legnano. Cas ko, accorciano Gorla e Aurora

GAZZADA SCHIANNO – Gioca a tennis la Solbiatese Insubria contro il Luino Maccagno. Nei primi minuti del primo tempo le squadre si studiano e sono attente a chiudere bene gli spazi, poco alla volta i padroni di casa iniziano a venir fuori e a creare occasioni. Dopo il primo gol di Lo Giudice la partite è in discesa per la Solbiatese che inizia a controllare la partita e a concretizzare gli spazi e le occasioni che concede un Luino che non rinuncia a cercare il gol. Nel secondo tempo la musica non cambia, il Luino non riesce a costruire azione realmente pericolose mentre i padroni di casa hanno buon gioco e sono cinici nella finalizzazione. La Solbiatese si porta a casa tre punti e cinque gol, per il Luino una prestazione purtroppo scoraggiante

SolbiatesePRIMO TEMPO – I padroni di casa si schierano con un 4-3-3 mentre gli ospiti scendono in campo con un classico 4-4-2nei primi minuti le squadre sono attente nelle marcatura e a coprire gli spazi. Gli ospiti provano l’offensiva, punizione dalla tre quarti di Bellini ma il muro giallo-blu intercetta al 9′. Il Luino cerca spazi da sfruttare ma la Solbiatese copre bene l’azione in fase difensiva. Sono i padroni di casa ad avere la prima occazione, al 16′ Cerutti raccoglie una palla sporza al limite dell’aria e non ci pensa due volte a lasciar partire la conclusione, bravo Bracolo a smanacciare. Errore in uscita del Luino che perde palla da rimessa laterale, scambio Figliolia Lo giudice che messo davanti al portiere non sbaglia, Vantaggio Solbiatese al 18′. I padroni di casa crescono in sicurezza, i rosso-blu riescono a impensierire si calcio da fermo, al 26 Dozzio calcio alto non di molto. Ancora pericolosi i rossoblu con Tansini che su azione centrale risce a trovare lo spazio per calciare in porta, attento Policastro a respingere. Al 33′ punizione dalla trequarti per la Solbiatese, svetta lo giudice che di testa la mette dentro per il due a zero e per la doppietta personale. Pochi minuti dopo la Solbiatese è brava a prendere in controtempo gli avversari, che si fermano per chiedere un fallo, Lo giudice prende campo sulla destra che serve al centro Cerutti tutto solo che firma un facile tre a zero. Non ci sono altre occasioni e si và negli spogliatoi sul 3 – 0 per padroni di casa

LuinoSECONDO TEMPO – Nella ripresa le squadre entrano in campo con nuova carica, al 2′ punizione dal limite di Lucanzo che calcia di potenza ma il tiro è alto. Occasione per la Solbiatese tre minuti dopo con esito differente, palla da sinistra di Cafaro, Ventura si fa trovare pronto sul secondo palo e non sbaglia il quattro a zero. Ancora i giallo-verde su ripartenza da destra Lo Giudice per Cerutti, Bracolo in uscita ci arriva. Le squadre sono lunghe e le occasioni abbondano, la solbiatese in ripartenza con Ferrenti sulla fascia destra, trova Lo Giudice che cerca di piazzarla, Bracolo è attento e blocca. Ancora i giallo-verdi, azione centrali di Cerutti che vede l’inserimento di Lo Giudice e lo serve di tacco, l’attaccante è lucidissimo davanti al portiere e fa tripletta portando la sua squadra sul cinque a zero al 18′. Gli ospiti sono in confusione e dà azione sulla destra Iozzino devia e fa una sfortunata autorete al 28′. Gli ospiti sono generosi ma non riescono a costruire azioni incisive, molte imprecisioni in fase di possesso e di trasmissione, mentre gli uomini di Castiglioni occupano meglio il campo e gestiscono meglio il pallone. Ormai si attende solo il fischio dell’arbitro che arriva dopo un minuto di recupero, la gara si conclude con il risultato di 5 – 0

I MIGLIORI IN CAMPO
Lo Giudice (Solbiatese Insubria) 7 –
Bravo o liberarsi dalla marcatura, dà profondità e finalizza.
Bellini (Luino Maccagno) 6,5 – Grinta e buona regia, cerca di dare più determinazione e qualità alla squadra.

I COMMENTI
Ferrenti Giuseppe (Vice capitano Solbiatese):
“Siamo stati bravi a rimanere concentrati e a non staccare mai la testa dalla partita, dobbiamo continuare così fino alla fine del campionato. La salvezza è più vicina ma non è ancora raggiunta”
Granai Patrizio (Allenatore Luino): “Abbiamo iniziato bene la gara ma poi abbiamo fatto fatica a restare motivati, non appena siamo andati sotto abbiamo perso la concertazione. Nelle ultime gare abbiamo perso dei giocatori importanti, ora stiamo dando minuti a dei giocatori giovani, anche per valutarli per l’anno prossimo quindi adesso non pensiamo tanto al risultato ma alla crescita di questi ragazzi”.

IL TABELLINO
Solbiatese Insubria – Luino 6 – 0 (3-0)
Solbiatese Insubria:
Policastro 6, Ferrenti 6,5, Cosenza 6, Castelli 6,5, Cafaro 6,5, Bellumore 6 (dal 28′ st Accetta), Ventura 6 (dal 20′ st Manfredi), Monticelli (dal 28′ st Gobbato), Lo giudice, Figliolia 6,5, Cerutti 6,5. A disposizione: Riva, Lo presti, Ana petre, Gobbato, Accetta, Libralon, Manfredi, Mattiuz. Allenatore: Castiglioni Piero
Luino: Bracolo 5,5, Ghelfi 5,5 (dal 28′ st Parietti), Testa 6, Bellini 6,5, Iozzino 5, Dozzio 5,5, Belkhadir 5, Bianchi 5, Lucanto 5,5, Tansini,6 Matranga. A disposizione: Calderaro, Parietti, Pizzuti, Granai, Silipo, Gracas
Allenatore: Granai Fabrizio
Arbitro: Colombo (Varese)
Marcatori: Lo Giudice 18′ (S), Lo Giudice 33′ (S), Cerutti 36′ (S), Ventura 5′ (S), Lo Giudice 18′ st (S) Iozzino 28′ (Autorete)
NOTE: Giornata nuvolosa .Terreno in erba. Spettatori circa 40. Ammoniti: Castelli 25′ (S), Bellini 45′ (L). Recupero 0 + 1. Angoli 6 – 3

 Inviato Antonio La Montagna

————————————————————————————————————————————————————

CANTELLO –  Al termine di una partita equilibrata e giocata a buon ritmo da entrambe le squadre sono i padroni di casa del Cantello Belfortese a imporsi per 3-2. Nella prima frazione, all’iniziale vantaggio ospite con Grosset, risponde Pantelis con una punizione da manuale. Nella ripresa i padroni di casa vanno a segno ancora con Giacopinelli, ben assistito da Motta, e una sfortuna autorete di Gilardi. Per gli ospiti Pastorelli con un tiro dalla lunga distanza segna la seconda rete ospite.

Tre ValliPRIMO TEMPO –  I padroni di casa iniziano la partita cercando di imporre il proprio gioco all’Union Tre Valli che attende sulla trequarti. Al 3’ Veronesi, poco fuori dall’area, si gira bene e lascia partire un destro con palla che finisce a lato di poco. La formazione ospite con il passare dei minuti prende le misure, il gioco staziona a centrocampo, cresce il nervosismo in campo. Il match si accende nella parte finale. Sono gli ospiti a passare in vantaggio, Touili riceve da rimessa laterale, palla sopra la linea difensiva per il taglio di Grosset, splendido aggancio al volo del numero sette neroverde che con freddezza fa sedere Boschini e lo batte con un facile interno destro. Il Cantello Belfortese fatica a sviluppare il gioco mostrato nelle prime battute di gioco, ma riesce a trovare il pareggio grazie a una perfetta punizione di Pantelis dai venti metri con palla che passa sopra la barriera e finisce in fondo al sacco.

CantelloSECONDO TEMPO – Nella ripresa  sono i padroni di casa a prendere in mano il pallino del gioco, con gli ospiti che si chiudono e si affidano a veloci ripartenze. Al 12’ vantaggio dei padroni di casa, Motta guadagna il fondo, palla in mezzo sul secondo palo dove arriva Giacopinelli che si allunga e riesce a battere Zullo con un tocco sottomisura. Il match rimane equilibrato e combattuto, gli ospiti vanno pericolosamente al tiro con Pastorelli E., il suo destro teso dalla lunga distanza finisce  fuori di poco. La formazione di casa fa tris al 26’ con Motta abile a rientrare sul destro, lasciare partire un radente che trova la sfortuna e decisiva deviazione di Gilardi nella propria porta. Padroni di casa ancora pericolosi con Giacopinelli che lascia partite un destro violento che Zullo respinge a mani aperte. Sul ribaltamento di situazione, la formazione di Vincenzi accorcia le distanze con un tiro dalla lunga distanza Pastorelli E. che assume una parabola a scendere che si insacca all’incrocio dei pali. Nel finale gli ospiti ci provano affidandosi a lanci lunghi e attacco della palla. Gli avanti biancorossi non approfittano degli ampi spazi e la partita rimane in bilico fino all’ultimo. Al triplice fischio sono i padroni di casa a festeggiare.

I MIGLIORI IN CAMPO
GIACOPINELLI 7.5  CANTELLO BELFORTESE
: “entra nella ripresa e cambia marcia all’attacco biancorosso. Segna va al tiro e difende palla: centravanti”.
GROSSET 6.5  UNION TRE VALLI: “segna una rete da applausi, sempre pronto ad attaccare la profondità  ”.

I COMMENTI
Criscimanni (allenatore Cantello Belfortese):
“Partita combattuta. Loro sono una buona squadra, noi abbiamo fatto una bella prestazione”.
Vincenzi (allenatore Union Tre Valli): “I ragazzi ce l’hanno messa tutta. Raccogliamo meno di quanto meritiamo”.

IL TABELLINO
Cantello Belfortese
-Union Tre Valli 3-2  (1-1)
Cantello Belfortese
: Boschini 6, Di Bari 6, Mariano 6, Da Pos 6, Pantelis 6, Arena F. 6 (dal 18’ st Arena J. 6), Bianchi 7, Italiano 6, Veronesi 6 (dal 8’ st Giacopinelli 7.5), Markaj 6 (dal 35’ st Fontana 6), Motta 7.5. A disposizione:Pucci, Adamo, Arena J., Calemme, Candiloro, Martini. All. Criscimanni.
Union Tre Valli:
Zullo 6, Coppola 6, Martini 6 (dal 28’ st De Maria 6), Touili 6.5, De Maddalena 6.5, Gilardi 6, Grosset 6.5, Pastorelli E. 6.5, Binda 5, Londino 6, Harabi 5.5 (Pastorelli N. 6). A disposizione:  Paglieri, Nicola, Borella. All. Vincenzi
Arbitro:
Sig. Loris Saraci di Lecco
Marcatori:  pt: 36’ Grosset (U), 45’ Pantelis (Cb); st: 12’ Giacopinelli (Cb), 26’ Gilardi aut. (Cb), 30’ Pastorelli E. (U).
Note: Spettatori 100 circa. Ammoniti:Londino (U).Espulsi: Criscimmani per proteste. Angoli: 4-4. Recupero: 1+3.

Inviato Marco Gasparotto

RISULTATI E CLASSIFICA

Le altre partite

Gorla Maggiore – Antoniana 1-0 (0-0)
Gorla Maggiore: Galizia, Antonini, Pietroboni, Bernasconi, Caristina, Bahamad, Voltan, Deservi (dal 1’ st Morelli), Puricelli, Ippolito, Falsaperna. A disposizione: Savastano, Toutcha, De Simone, Ruggia, Bene, Morelli, Mahracha. Allenatore: Contaldo
Antoniana: Paroni, Venturelli, Muggeri, Badji, Larocca, Negri, Macchi (dal 32’ pt Macretti), Santaniello (dal 12’ st Ranieri A.), Sorrentino, Mantovan (dal 28’ st Corbetta), Venturelli. A disposizione: Melchiorre, Maneggia, Ranieri S, Corbetta, Zaroli, Tirdea, Macretti, Ranieri A, Maglio. Allenatore: Pavone
Arbitro: Olla di Milano
Marcatori: st: 5’ Puricelli (G)
Vittoria di misura per il Gorla Maggiore che deve dire grazie al mancino di Puricelli, abile a regalargli l’1 a 0.
Nel primo tempo poche occasioni da ambo i lati, il solo Ippolito ci prova con un paio di conclusioni che non creano grattacapi a Paroni.
Nella ripresa la sblocca subito Puricelli con una punizione che termina la sua corsa nell’angolino basso. L’Antoniana tenta l’arrembaggio, la gara si accende nei minuti finali: al 90’ va a segno l’ex di turno Andrea Ranieri ma il direttore di gara annulla per un fallo su Caristina, proteste veementi degli ospiti che rimediano due rossi nei minuti di recupero. Prima Sorrentino dice qualche parolina di troppo al direttore gara, nel mentre ci pensa Macretti a completare la frittata perché strappa dalle mani dell’arbitro il cartellino rosso e lo getta a terra, a quel punto anche lui finisce anzitempo sotto la doccia. Al triplice fischio è il Gorla ad esultare.

Arsaghese – Amici dello Sport 1-0 (0-0)
Arsaghese:
Franishta, Ricci, Castoldi, Carnaghi, Mai (dal 21′ pt D’Aloia), Nebuloni, Fontana C. (dal 22′ st Bernasconi), Lo Bello, Fontana M., Caimano (dal 9′ st Gandolfo), Caprioli (dal 13′ st Gueye). A disposizione: Cosentino, Bernasconi, D’Aloia, Gueye, Gjini, Diakate, Gandolfo. Allenatore: Marsich
Amici dello Sport: Heinzl, Tirelli, Vacirca (dal 36′ st Negri), Turconi, Panarese, Oldani, Caccia, Nardone (dal 30′ st Castiglioni F.), Berton, Agrello (dal 19′ st Azimonti), Cavaleri. A disposizione: Ferni, Castiglioni L, Oprandi, Castiglioni F, Macchi, Gamaa, Iorfida, Negri, Azimonti. Allenatore: Cau
Arbitro: Doronzo di Lomellina
Marcatori: pt: 36’ Caimano (A)
La capolista cade in cade di un’Arsaghese mai doma che grazie a Caimano riesce ad aggiudicarsi l’intera posta in palio.
Nel primo tempo arriva al 36’ il gol di Caimano che dai venticinque metri trova un diagonale su cui non è perfetto Heinzl. 1 a 0.
Nella ripresa il Cas ci prova un po’ timidamente, le chance più ghiotte sono sul piede di Fontana che però spreca clamorosamente. Al 21’ la squadra di casa resta anche in dieci per espulsione di Nebuloni (fallo da ultimo uomo su Cavaleri) ma non si scompone troppo, i bustocchi collezionano solo punizioni sterili che non sfruttano al meglio. L’ultimo sussulto capita sui piedi del rientrante Negri servito da corner manda alto da posizione favorevolissima. Triplice fischio. L’Arsaghese, come all’andata, castiga la capolista, le inseguitrici ringraziano.

Vanzaghellese – Valceresio 2-1 (1-1)
Vanzaghellese:
Rogora, Cobianchi, Pisoni Simone, Lo Piccolo, Daggiano (dal 7’ st Moro), Vago, Colombo, Suman, Quaini (dal 20’ st Spadaccino), Pisoni Stefano, Stefanazzi. A disposizione: Urso, Moro, Spadaccino, Gadj, Bonina, Bellin, Marnati, Ferioli. Allenatore: Trubia
Valceresio: Dicara, Di Carluccio, Robustellini, Iori (dal 42’ st Fontanelli), Soave, Dell’Orto (dal 46’ st Rigoni), Coccioli (dal 27’ st Ponti), Ndzie, Bosio (dal 37’ st Premoli), Piccinotti, Cinieri (dal 32’ st Barozzi). A disposizione: Valvassori, Rania, Giardino, Barozzi, Premoli, Rizzo, Rigoni, Fontanelli, Ponti. Allenatore: D’Onofrio
Arbitro: Cavenaghi di Lecco
Marcatori: pt: 30’ Pisoni Stefano (Van), 45’ Robustellini (Val); st: 40’ rig. Lo Piccolo (Van)
È della Vanzaghellese il big match di questa domenica, big match che sul fronte opposto vedeva una Valceresio in cerca di riscatto.
Nel primo tempo si supera Dicara quando dice di no a Stefanazzi su colpo di testa nell’area piccola. Al 30’ però non può nulla quando Stefanazzi sforna il cross per Pisoni Stefano ed il numero dieci di piattone anticipa il diretto avversario. 1 a 0. Prima del duplice fischio ci pensa Robustellini a rimettere tutto in equilibrio con uno stacco imperioso da corner che vale l’1 a 1.
Nella ripresa i ragazzi di Arcisate fanno più possesso ma non affondano il colpo. E così al 40’ tocca a Spadaccino trovare un episodio chiave: tiro di prima intenzione, mano di Soave in area. L’arbitro concede il penalty, Lo Piccolo lo trasforma. Assalto Valceresio ora alla ricerca del pari e se il pari non arriva i meriti sono tutti di Rogora bravissimo a sventare sia la conclusione di Piccinotti sia quella di Ponti.

San Marco – Aurora Cantalupo 0-2 (0-0)
San Marco:
Pitaro, Bellin, Cortellaro, Salmoiraghi (dal 35’ st Carraro), Primi, Roncato, Napolitano (dal 18’ st Migliore), Gallarati, Gallo (dal 27’ st Andreolli), Possoni (dal 14’ st Lambertini), Vendemmiati. A disposizione: Polimeni, Vergari, Principato, Landonio, Lambertini, Petenà, Migliore, Carraro, Andreolli. Allenatore: Marchiorato
Aurora Cantalupo:
Pansera, Moneta, Villacis (dal 1’ st Tapinetto), Vernocchi, Banfi, Bortignon, Luraghi (dal 20’ st Busatto), Moretta, Gioeli (dal 6’ st Ruggeri), D’Ascanio (dal 46’ st Thoilard), Simone. A disposizione: Spirito, Mpongui, Mencarelli, Busatto, Tapinetto, Thoilard, El Atrouchi, Ruggeri, Serighelli. Allenatore: Senziani
Arbitro: Targa di Como
Marcatori: st: 38’ Ruggeri (A), 47’ Tapinetto (A)
Bastano sette minuti all’Aurora per mettersi in tasca tre punti preziossimi in casa San Marco, e sono esattamente gli ultimi sette minuti del match.
Nel primo tempo si combatte molto in mezzo al campo, ecco perché si contano poche occasioni da gol.
Nella ripresa si mette in luce Pansera con un paio di uscite tempestive su Vendemmiati e Migliore, poi è sempre il numero uno ospite a chiudere lo specchio su una scivolata di Roncari. Al 38’ arriva la zampata di Ruggeri che beffa Pitaro con un tocco sotto d’esterno. Grandi proteste dei padroni di casa per un presunto fuorigioco. A questo punto la San Marco a trazione anteriore si riserva in avanti ma non riesce a trovare il guizzo, e viene così punito su un contropiede fulmineo in cui Tapinetto aggira prima Roncari e poi l’estremo difensore di casa, chiudendo i conti sullo 0 a 2.

Ispra – Folgore Legnano 1-3 (0-1)
Ispra:
Sabatino, Cerutti, Cialona, Modde, Battiston (dal 38’ st Antonetti), Gaballo, Bouraya (dal 12’ st Marzetta), Dardha, Verde S. (dal 12’ st Sottocorna), Golisciano, Ba. A disposizione: Tenti, Pomi, Marzetta, Lamorte, Sottocorna, Antonetti. Allenatore: Pasetti
Folgore Legnano
: Bertuola, Panozzo, Favareto (dal 29’ st Scandroglio), Ristori, Monti, Corizzo, Brun, Chiodini, Gazzardi, Bertola, Catalano (dal 47’ st Castellotti). A disposizione: Colombo, Gagliardi, Maggio, Castellotti, Scandroglio, Giglio, Moretta. Allenatore: Colombo
Arbitro: Geminiani di Sesto San Giovanni
Marcatori: pt: 14’ Gazzardi (F); st: 13’ Sottocorna (I), 16’ 26’ Gazzardi (F)
Torna a vincere la Folgore Legnano e lo fa sul difficile campo dell’Ispra.
La gara la sblocca Gazzardi al 14’ quando riceve palla in profondità da Ristori e beffa Sabatino nell’uno contro uno.
Per il pareggio bisogna attendere il secondo tempo quando il neo entrato Sottocorna con uno stacco imperioso trova il colpo di testa che vale l’1 a 1. Tre minuti più tardi la risposta del bomber legnanese: traversone di Panozzo, sponda di Catalano, zampata di Gazzardi. 1 a 2. Ma non è tutto perché dieci minuti più tardi è ancora Gazzardi a completare la sua giornata di grazia: manovra di prima la Folgore con Catalano e Ristori, quest’ultimo mette in mezzo per il compagno che con un piazzato sul palo lungo fa tris. La situazione per i padroni di casa si complica al 32’ quando Modde riceve il secondo giallo e lascia i suoi in dieci (nel recupero poi espulso anche Cialona), non si registrano altri sussulti fino al 90’.

Brebbia – Tradate 1-2 (1-1)
Brebbia:
Mattioni, Louraini, Lombardo, Ruffo, Marchesotti, Reggiori, Galbignani, Squizzato, Mirabella, Quadrelli, Cizzico. A disposizione: Stefanelli, Stigliani, Traore, Mazzotta. Allenatore: Mazzotta
Tradate:
Drago, Akpolat, Aresi, Galluzzo D., Verna, Guerrini, Galluzzo M., Moretti, Panuccio, Dama, Rossato. A disposizione: Giugliano, Calderaro, Molteni. Allenatore: Garantola
Arbitro: Stabilini di Legnano
Marcatori: pt: 7’ Dama (T), 23’ Quadrelli (B); st: 25’ Dama (T)

 

 

In redazione Mariella Lamonica