Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Promozione girone A

17^ giornata – Stop Rhodense, aggancio Morazzone in vetta. Vergiatese corsara a Solaro, Gavirate ko

FAGNANO – Dopo il pareggio con il Muggiò, in questa seconda giornata del girone di ritorno il Fagnano ospita la Base 96 Seveso, reduci anche loro da un pareggio contro il Cob91. Il primo tempo si conclude sull’1-0. Al triplice fischio il risultato non cambia: il Fagnano si conquista 3 punti importantissimi.

FagnanoPRIMO TEMPO –  I padroni di casa scendono in campo con un 4-3-1-2, con Garri a sostegno di Ingribelli e Denis Manuzzato. Gli ospiti rispondono con un 4-3-2-1 con Tagliabue sostenuto da Pozzi e Panin. La partita è abbastanza accesa sin dai primi minuti di gioco, tant’è che il direttore di gara Saffioti deve subito estrarre il cartellino giallo. Proprio da un fallo a limite dell’area si crea una potenziale occasione pericolosa per il Fagnano. Siamo al 14’ quando Ingribelli va al tiro. Calcia di potenza ma la sua conclusione viene intercettata dalla barriera, che blocca anche la sua ribattuta. In questa prima fase di gioco è il Fagnano a mantenere il possesso palla, proponendosi ripetutamente nell’altra metà campo, dove gli avversari sono bravi a non lasciarsi sorprendere. Arriva, però, un primo errore lampante al 26’, quando un buco nella difesa apre un corridoio per Manuzzato. L’attaccante, tuttavia, non ne approfitta e invece di prepararsi al tiro si defila troppo sulla sinistra, dando così il tempo agli uomini del Seveso di fermare la sua corsa. Il Fagnano reclama un rigore al 28’, ma l’arbitro lascia correre. Arriva dopo pochi minuti un altro episodio dubbio. Un leggero tocco di testa su una punizione di Ingribelli mette il pallone in rete, ma il goal viene annullato per una spinta in area. Il Seveso cerca di ricostruire, ma manca di concretezza in area. Ci prova dalla distanza Cicola, ma la sua conclusione finisce molto alta sopra la traversa. I padroni di casa continuano a insistere e Mastromarino da centrocampo trova Denis Manuzzato con un’ottima verticalizzazione. L’attaccante colpisce di prima e spiazza Frontino. Il risultato si sblocca al 36’: 1-0 meritato a Fagnano. Negli ultimi dieci minuti di gioco gli uomini di Raza difendono efficacemente il vantaggio, senza concedere nulla agli avversari.

Base 96 SevesoSECONDO TEMPO – Stessa formazione per il Fagnano in questo inizio di secondo tempo, mentre Mister Castellazzi effettua un cambio, facendo entrare Giglio per Carraro. I padroni di casa riprendono le redini della partita con la stessa grinta del primo tempo. Grazie a una buona incursione in area, si guadagnano una punizione al 7’. Dopo un primo tentativo con fallo su Manuzzato che costa al Seveso una seconda punizione contro, questa volta va al tiro Beltemacchi, la cui conclusione si infrange contro la barriera. Il Seveso non ci sta a tornare a casa senza nemmeno un punto e prova a mettere in difficoltà il Fagnano, che però respinge in modo efficace le incursioni avversarie. Il gioco si interrompe al 23’ per un fallo su Garri che rimane a terra dolorante ed esce dal campo zoppicando, lasciando momentaneamente la sua squadra in 10. Ormai a due terzi del secondo tempo, Mister Castellazzi prova il tutto per tutto attingendo alla panchina: c’è bisogno di freschezza nella formazione per sperare di raddrizzare la partita. Punizione per il Seveso al 36’: colpisce di sinistro Panin, che per poco manca la porta. Dopo pochi minuti il direttore di gara fischia un’altra punizione per gli ospiti. Questa volta ci prova Cicola ma il risultato non cambia: il tiro finisce sopra la traversa. Siamo quasi allo scadere quando Bertagnoli salva i pali con una parata fenomenale su un guizzo di testa dell’appena entrato Elezi. Il match si conclude con un altro intervento sicuro su un calcio d’angolo. Saffioti manda tutti negli spogliatoi. Finisce sul risultato di 1-0 uno scontro emozionante, purtroppo rovinato dai continui insulti fuori luogo lanciati dalle tribune.

I MIGLIORI IN CAMPO
Mastromarino (Fagnano) 8 –  
Non solo tira fuori dal cappello un assist delizioso, ma per tutti i 90 minuti è il pilastro da cui nasce la maggior parte delle azioni.
Elezi (Base 96 Seveso) 6 – Merito a questo ragazzo classe 2001 che crea l’unico tiro in porta pericoloso per la sua squadra.

I COMMENTI
Castellazzi (allenatore Base 96 Seveso): “Hanno fatto molto meglio loro e purtroppo la sconfitta è giusta. Hanno meritato i 3 punti, mentre noi abbiamo fatto solo un tiro in porta con un colpo di testa allo scadere. Questa giornata di campionato conferma che il campionato è davvero equilibrato, che si può vincere e perdere contro tutti e la classifica si accorcia sempre più. Ora per la prossima partita speriamo in una prestazione migliore. Il nostro obiettivo è cercare di fare più punti possibili, poi si vedrà”.

IL TABELLINO
FAGNANO – BASE 96 SEVESO 1-0 (1-0)
Fagnano
: Bertagnoli 6, Terzi 6.5, Savoldi 7, Mastromarino 8 (dal 45’ st Rondanini NC), Bacchion 6, Clerici 6, Manuzzato M. 7.5, Beltemacchi 6.5 (dal 39’ st Cicchetti 6), Manuzzato D. 7.5, Ingribelli 7 (dal 33’ st Abati), Garri 6.5 (dal 29’ st Plebani). A disposizione: Trubia, Abati, Gjoka, Putignano, Garzonio, Plebani, Cicchetti , Rondanini, Paredes Mejia. Allenatore: Raza.
Base 96 Seveso: Frontino 5.5, Ballabio 5 (dal 29’ Ceppi 5.5), De Laurentis 5.5 (dal 29’ st Elezi 6), Quitadamo 5.5, Cicola 5, Larese 5.5, Carraro 5.5 (dal 1’ st Giglio 5.5), Molteni 5.5, Tagliabue 5.5, Panin 5, Pozzi 5.5. A disposizione: Spada, Arienti, De Petri, Boniardi, Elezi, Meroni, Ceppi, Cossa, Giglio. Allenatore: Castellazzi.
Arbitro: Saffioti (Ferrais, Colombo)
Marcatori: pt: 36’ Manuzzato D. (F).
Note: Giornata soleggiata. Terreno in buone condizioni. Spettatori circa 130. Ammoniti: Beltemacchi (F), Quitadamo (S), Bacchion (F), Manuzzato M. (F), Manuzzato D. (F), Elezi (S). Calci d’angolo: 7-7. Recupero: 0’+4’

 Inviata Silvia Alabardi

————————————————————————————————————————————————————

MORAZZONE – Il Morazzone sbriga la pratica Muggiò, soffrendo più del dovuto, e riaggancia la vetta della classifica; al triplice fischio il risultato finale è di 3-2. Primo tempo a senso unico con i padroni di casa che passano immediatamente in vantaggio grazie al gol di Picetti in mischia. Al 20’ raddoppia Romeo, mentre l’eurogol di Ghizzi sembra chiudere già i conti al 35’. Nella ripresa, invece, scatto d’orgoglio del Muggiò che con la doppietta di Cesana in pochi minuti (67’ e 70’) spaventa il Morazzone. Nel finale qualche occasione da una parte e dell’altra, ma il risultato non cambia. Vittoria fondamentale per il Morazzone.

MorazzonePRIMO TEMPO – Morazzone in campo col classico 4-4-2 con Vezzoli e Bovo esterni in supporto al tandem d’attacco Ghizzi-Romeo. In mezzo al campo Patella e Pascale fanno da diga davanti alla difesa che si compone con Picetti e Bosetti al centro, Canazza e Colavito terzini; Martignoni tra i pali. La risposta del Muggiò è il 4-3-3, affidandosi al tridente Norrito-Ghidelli-Zambrano. In cabina di regia prende posto Cesana, affiancato da Gigante e Odone; in porta prende posto Pungente, protetto dai quattro di difesa: Sanfilippo, Pinto, Sessi e Ghezzi. Il Morazzone vuole approfittare del pareggio di ieri della Rhodense, e nemmeno il tempo di iniziare che i padroni di casa si portano in vantaggio: calcio d’angolo, batti e ribatti in mischia, e ci pensa Picetti a scaraventare in rete il pallone dell’1-0. Trovato il vantaggio il Morazzone incanala la partita sul binario preferito, quello della gestione, alternando una solida fase difensiva a fulminee ripartenze. E al 20’ è proprio un contropiede lampo che permette ai padroni di casa di raddoppiare: lancio lungo dalla difesa, spizzata di Ghizzi per lanciare in porta Vezzoli che approfitta dell’indecisione di Pungente per infilarlo con un delizioso tocco di mezza punta esterna. Il 2-0 non cambia il canovaccio tattico della partita, ma dà ulteriore consapevolezza al Morazzone. Al 33’ Pungente rischia di combinarla grossa perdendo un pallone banale sul pressing di Romeo e Ghizzi, ma riesce a rimediare. Incolpevole, invece, sul capolavoro di Ghizzi che vale il 3-0: stop di petto del capocannoniere dal limite dell’area e girata al volo di sinistro che s’insacca sotto la traversa. In chiusura di tempo anche Vezzoli prova ad aggiungersi al tabellino marcatori, ma il suo destro è facile preda di Pungente.

MuggiòSECONDO TEMPO – Il Muggiò prova una reazione d’orgoglio nei primi minuti della ripresa, ma non riesce mai a rendersi realmente pericoloso dalle parti di Martignoni. Al 14’ è invece il Morazzone a sfiorare il poker col solito Ghizzi, ma questa volta la conclusione è alta sulla traversa. Al 20’ è invece Patella a provarci, ma questa volta Pungente è attento e blocca in due tempi. Al 22’ il Muggiò riesce ad accorciare le distanze: dopo un batti e ribatti a seguito di un calcio piazzato, Cesana si ritrova il pallone tra i piedi e in girata dal limite dell’area riesce a trovare l’angolo vincente. Il Morazzone accusa il colpo e il Muggiò, sulle ali dell’entusiasmo, trova subito anche il secondo gol, ancora con Cesana che da due passi spinge in rete l’assist di Tentori. I padroni di casa provano a riordinare le idee, ma alla mezzora rischiano di subire anche il gol del pari con il colpo di testa di Odone che sfiora il palo. Al 42’ la punizione dal limite di Ghizzi sibila all’incrocio dei pali, ma è clamoroso l’errore dell’attaccante qualche istante dopo quando a porta spalancata (altro errore di Pungente) spara alto, sebbene da posizione defilata. Nonostante i cinque minuti di recupero il risultato non cambia e il Morazzone può gioire riconquistando la vetta della classifica insieme alla Rhodense.

I MIGLIORI IN CAMPO
Ghizzi (Morazzone) – voto 7
: assist e gol da cineteca; normale amministrazione per lui, sempre più leader del Morazzone. Mezzo voto in meno per il gol sbagliato nel finale che poteva costare caro.
Cesana (Muggiò) – voto 7: primo tempo anonimo, ma nella ripresa con la personale doppietta si carica il Muggiò sulle spalle sfiorando l’impresa.

I COMMENTI
Ivan Stincone (allenatore Morazzone)
: “Il primo tempo di oggi mi ha ricordato l’atteggiamento della partita di settimana scorsa contro la Rhodense, con la differenza che oggi siamo riusciti a trovare il gol con continuità. Nel secondo tempo non avevo il sentore che potesse succedere quello che è successo, ma dopo il loro gol in mischia ci siamo spenti per qualche minuto. Questi black-out mi fanno infuriare, ma riuscire a superarli è comunque fondamentale per crescere. Vincere oggi era fondamentale e l’abbiamo fatto recuperando quanto perso, direi immeritatamente, settimana scorsa. Se il Morazzone è quello dei primi sessanta minuti diremo la nostra fino alla fine contro chiunque; se il Morazzone è quello dell’ultima mezzora i risultati arriveranno solo in base alle sfortune altrui. Adesso testa a settimana prossima perché abbiamo una sfida molto importante anche a livello d’orgoglio: il match d’andata contro la Base 96 è stata l’unica partita che abbiamo veramente sbagliato in stagione e vogliamo rifarci”.
Francesco Natobuono (allenatore Muggiò): “Rimpianti? No, perché se entri in campo con l’atteggiamento che abbiamo avuto nel primo tempo è giusto finire una partita così. Nel primo tempo non siamo praticamente mai scesi in campo; quantomeno sono orgoglioso della reazione avuta nella ripresa dato che almeno non abbiamo sprecato una giornata. In questo campionato siamo partiti oltre le aspettative, ma i punti che abbiamo non ce li ha regalati nessuno; ora siamo in un momento delicato, ma la squadra c’è, il gruppo lavora bene durante la settimana e sono fiducioso che i risultati torneranno”.

IL TABELLINO
MORAZZONE – MUGGIÒ 3-2 (3-0)
Morazzone
: Martignoni 6, Canazza 6.5 (dal 19’ st Scuderi 5.5), Colavito 6, Pascale 6(dal 27’ st Libralon), Bosetti 6.5, Picetti 6.5, Bovo  6.5 (dal 26’ st Gerevini 6), Patella 6.5, Ghizzi 7, Vezzoli 6.5, Romeo 7 (dal 45’ st Giordano sv). A disposizione: Baialuna, Di Stefano, Costa, Pozzi N., Giordano, Boscolo. Allenatore: Stincone
Muggiò: Pungente 5, Sanfilippo 6 (dal 45’ st Brevi), Pinto 6, Cesana 7, Sessi 5.5, Ghezzi 5 (dal 26’ st Ricci 6), Gigante 5, Odone 6.5, Norrito 6.5, Ghidelli 5 (dal 9’ st Tentori 6.5), Zambrano 5 (dal 18’ st Vacri 6). A disposizione: Nasuti, Bonavoglia, Pozzi A., Alitto, Brevi. Allenatore: Andreotti
Arbitro: Adragna di Milano (Damato-Valdivia di Milano)
Marcatori: pt: 3’ Picetti (MO), 20’ Romeo (MO), 35’ Ghizzi (MO); st: 22’ Cesana (MU), 25’ Cesana (MU).
Note: sereno, campo in ottime condizioni. Spettatori: circa 100. Ammoniti: Gigante (MU), Sessi (MU). Calci d’angolo: 3-1. Recuperi: 1’+5’

Inviato Matteo Carraro

RISULTATI E CLASSIFICA

Le altre partite

Meda – Rhodense 0-0 (giocata sabato)
Meda:
Cassina, Castella, Orsi, Bonacino, Cortinovis, Fumagalli, Forni, Bianco, Pozzoli, Battaglino, Maugeri. A disposizione: Giraldi, Citterio, Parravicini, Ronzoni, Ballabio, Frigerio, Manca, Lanigra, Galliani. Allenatore: Cairoli
Rhodense:
Mantovani, Formato, Gazzea, Bonizzi, Degiorgio, Galbiati, Zanus, Castelnuovo, Gentile, Caruso, Battaglia. A disposizione: Englaro, Pastori, Tiriolo, Lodi, Prada, Guarino, Beretta, Vitali. Allenatore: Raspelli
Arbitro:
Andreoni di Milano

Guanzatese – Saronno 0-3 (0-2)
Guanzatese:
Fumagalli, Bonella, Bruschi, Paganini (st 10’ Imperiali), De Boni, Favero (st 13’ Puggioni), Coppola, Scaccarabozzi, Pappalardo (st 10’ Yeo), Colombo (st 12’ Lamanna), Cabrera (st 1’ Monaco). A disposizione: Nava, Lamanna, Girola, Santin, Dal Bello. Allenatore: Papis
Saronno:
Nucera, Puzziferri, Carluccio, Morandi (st 24’ Inzaghi), Confuorto, Stevanin, Szekeley (st 15’ Busnelli), Rossi, Strano (st 41’ Balconi), Scavo, Bocellari (st 34’ Di Benedetto). A disposizione Scolfaro, Canzi, Vannucci, Spitaleri. Allenatore: Imburgia
Arbitro:
De Pascalis di Milano
Marcatori:
pt 19’ Rossi (S), 27’ Scavo (S): st 7’ Favero aut. (S)
Il Saronno espugna il campo della Guanzatese e torna a casa con tre gol all’attivo e altrettanti punti in tasca. Sblocca Rossi al 19’ con una punizione all’incrocio dei pali, il raddoppio è invece opera di Scavo al 27’ dopo il palo su punizione colpito da Szekeley. Nella ripresa uno sfortunato autogol di Favero durante un tentativo di retropassaggio a Fumagalli fissa il punteggio sul definitivo 0-3.

Lentatese – Besnatese 2-0 (1-0)
Lentatese:
Tagliabue, Meroni T, Meroni W, Rampoldi, Fagone, Fontana, Malacarne (st 33’ Corti), Alla, Picone (st 43’ Raviotta), Termine (st 38’ Amaro), Innocenti. A disposizione: De Nicolo, Fossati, Pozzati, Banfi, Dell’Orto, Secchi. Allenatore: Martelli
Besnatese: De Stefano, Passafiume A, Cimino, Randon (st 1’ Dani), Martignoni, Comani, Corcione, Berardi (st 25’ Covacaiazzo), Angelucci, Bonfante, Passafiume F (st 29’ Russo). A disposizione: Novello, Benincasa, Lovati, Macchi, Giacchino, Del Cortivo. Allenatore: Rasini
Arbitro:
Faye di Brescia
Marcatori:
pt 30’ Malacarne (L); st 43’ Rampoldi (L)
Un gol per tempo consente alla Lentatese di superare la Besnatese. Apre le marcature alla mezz’ora del primo tempo Malacarne; nella ripresa, a due minuti dalla fine, ci pensa Rampoldi a mettere il sigillo definitivo sulla vittoria dei padroni di casa.

Solaro – Vergiatese 1-2 (1-1)
Solaro:
Porro, Messaoudi, Sponga, Bajoni, Greco, Quaglia, Prota (st 29’ Vottari), Mercorillo, Scherma (st 1’ Pizzato), Sulka, Miculi (st 36’ Emiliano). A disposizione: Ceveli, Baglio, Paolillo, Bara, Piccolo, Cattafi. Allenatore: Crucitti
Vergiatese:
Caputo, Randon, Azzolin, Shala, Trionfo, Cantoni, Becerri, Vitulli, Caccia (st 8’ Guarda), Kate (st 22’ Martinoia), Inguimbert (st 18’ Bertani). A disposizione: Pappa, Cattaneo, Lombardi, Dolce, Tatani, Baca. Allenatore: Gatti
Arbitro:
Rignanese di Legnano
Marcatori:
pt 11’ Sulka rig. (S), 21’ Shala rig. (V); st 49’ Guarda (V)
Vittoria all’ultimo respiro e in rimonta per la Vergiatese che sbanca il campo del Solaro, passato per primo in vantaggio dopo 11’ con il rigore di Sulka. Passano dieci minuti e un nuovo penalty, stavolta per gli ospiti, viene assegnato a Shala e da lui stesso trasformato. Nel secondo tempo ecco il sorpasso della Vergiatese con il tap-in sottoporta di Guarda dopo la parata di Porro sul tiro di Becerri.

Uboldese – Gavirate 2-1 (1-0)
Uboldese:
Menegon, Bartucci (st 25’ Maggioni), Soldi, Colombo, Razzari, Corrado, Tartaglione, Di Vito, Papillo (st 29’ Marangoni), Martucci, Muzzupappa. A disposizione: Giglio, Porchera, Berti, De Milato, Galli, Morelli, Valenzano. Allenatore: Maestroni
Gavirate:
Teseo, Jammeh (st 1’ D’Amico), Petruzzi, Bottone (st 38’ Qosaj), Di Noto, Esteri, Galli (st 15’ Mendez), Carretta, Testa (st 15’ Boldini), Miele, Cinotti (st 15’ Moro). A disposizione: Albe, Gargaglione, Pinorini, Candeliere. Allenatore: Crippa
Arbitro:
Sciolti di Bergamo
Marcatori:
pt 8’ Papillo (U); st 16’ Muzzupappa (U), 23’ Moro (G)
L’Uboldese passa di misura contro il Gavirate. Papillo triangola bene con Martucci all’8’ del primo tempo e fulmina Teseo con un diagonale, Muzzupappa raddoppia al quarto d’ora della ripresa con una punizione a giro. Moro accorcia al 23’ deviando il tiro di Di Noto e nel finale una bella parata di Menegon evita il pareggio che avrebbe avuto il sapore di beffa per l’Uboldese.

Cob91 – Olimpia 2-1 (1-1)
Cob91:
Riboldi, Novi, Genovese D, Leone (st 33’ De Vita), Genovese S, Andreotti, Personè, Pioggia, Turchi, Troiano (st 45’ Profeta), Stellari (st 28’ Davì). A disposizione: Gasparini, Sisto, Disca, Calì, Mastrapasqua, Angelucci. Allenatore: Provasi
Olimpia:
Rossi, Pasci (st 26’ Chiurato), Brivio, Fiore, Manera (st 30’ Piazza), Visconti, Arrigoni, Papasodaro, La Iacona, Ferrari, Niesi (st 40’ Monteverdi). A disposizione: Ambrosetti, Calizzi, Santillo, Confeggi, Scalamandrè, Di Dio. Allenatore: Rinaldi
Arbitro:
Camozzi di Crema
Marcatori:
pt 5’ Niesi (O), 20’ Stellari (C); st 10’ Pioggia (C)
L’Olimpia gioca una buona partita, ma esce sconfitta dalla trasferta contro la Cob91 dopo essere passata subito in vantaggio con Niesi, bravo ad approfittare di un ribaltamento di fronte che sorprende la difesa di casa. Al 20’ arriva il pareggio: Stellari, autore di una gran prestazione insieme a Novi e Troiano, si vede respingere la sua prima conclusione ma è il più lesto di tutti a spedire in rete la ribattuta. Al 10’ della ripresa Pioggia completa la rimonta mettendo dentro in tap-in la respinta di Rossi sul rigore da lui stesso calciato.

In redazione Indro Pajaro