Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Pallacanestro

Torino, tramonta l’ipotesi Pozzecco? La Fiat vira su una leggenda NBA

Sembrava tutto fatto, stando ai rumors mancavano solo alcuni dettagli e l’ufficialità. Si era sparsa anche la voce (poi smentita) di un incontro tra i Forni e Gianmarco Pozzecco, che pareva dover essere il preludio al matrimonio tra la società piemontese e l’ex allenatore di Capo d’Orlando, Varese e Fortitudo Bologna. Tutto saltato, stando alle ultime indiscrezioni, e forse potrebbe aver influito lo scarso gradimento che ha riscontrato il Poz tra i tifosi della formazione gialloblù.

A Torino – lo insegnano i casi succeduti negli anni della gestione Forni, ultimo in ordine cronologico quello delle dimissioni di Luca Banchi a stagione in corso e con risultati tutto sommato lusinghieri fino a quel momento – nulla è banale quando si parla di pallacanestro. Ed è così che da Gianmarco Pozzecco – coach che può già vantare qualche stagione di esperienza, ma che in A ha allenato solamente per sei mesi – si è passati ad una autentica leggenda della panchina.

La Fiat sembrerebbe infatti ad un passo dall’ufficializzazione di Larry Brown – nome per la verità già emerso in una prima fase, ma all’apparenza scartato – come nuovo allenatore della squadra gialloblù. Il coach porterebbe con sé Dante Calabria – dieci stagioni in Italia da giocatore tra Livorno, Trieste, Treviso, Cantù, Milano, Fortitudo Bologna, Soresina e Sant’Antimo – come assistente.

Sarebbe una firma sensazionale per tutto il movimento cestistico italiano, considerando che si tratta di un allenatore che può vantare ben 1526 partite vinte tra regular season e Playoffs nella lunga carriera in ABA e NBA, tre premi di allenatore dell’anno in ABA e uno in NBA, tre finali NBA disputate e un titolo conquistato sconfiggendo i Lakers di Kobe Bryant e Shaquille O’Neal.

I suoi maggiori successi in NBA li ha raggiunti a conti fatti nell’ultimo decennio della sua infinita carriera, quando ha dapprima raggiunto nel 2001 le Finals alla guida dei Philadelphia 76ers di Allen Iverson (la serie terminò 4-1 per i Lakers di Kobe e Shaq dopo che Phila aveva ottenuto un successo esterno in gara 1) e successivamente ha disputato due finali consecutive (nel 2004 e nel 2005) con i leggendari Detroit Pistons di Chauncey Billups, Rip Hamilton, Tayshaun Prince, Rasheed Wallace e Ben Wallace.

Nel 2004 – contro i Lakers di Kobe e Shaq – Brown vinse il titolo, nel 2005 si dovette invece arrendere dopo sette intensissime gare ai San Antonio Spurs del solito trio Parker-Ginobili-Duncan, in una serie famosa soprattutto per la tripla della vittoria segnata da Robert Horry – colpevolmente lasciato libero da Rasheed Wallace – nel finale di gara 5 a Detroit. I Pistons pareggiarono ugualmente la serie vincendo a San Antonio, ma in gara 7 uno straordinario Ginobili (23 punti con 8/13 al tiro) diede a Popovich il suo secondo titolo.

Dopo la NBA (ultima stagione la 2009/2010 alla guida dei Bobcats) per Brown c’è stato un ritorno in NCAA per allenare i Southern Methodist Mustangs: a livello universitario il coach aveva ottenuto il titolo nel 1988 con Kansas ed è l’unico allenatore nella storia ad aver vinto in carriera sia un titolo NCAA sia un titolo NBA. La nuova parentesi collegiale si è interrotta nell’estate 2016, anche a causa di uno scandalo che ha coinvolto un membro dello staff e che ha impedito – causa squalifica – a SMU di prendere parte al torneo.

Se Brown dovesse effettivamente diventare il nuovo allenatore di Torino, per lui sarebbe una interessantissima sfida – l’ennesima della sua carriera – in primo luogo perché si troverebbe ad affrontare un basket differente rispetto a quello con cui ha sempre avuto a che fare in carriera. Per la Fiat, invece, sarebbe l’attesissimo segnale che, questa volta, la società piemontese fa sul serio.

Filippo Antonelli