Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Pro Patria

Prima giornata in ritiro per la Pro, in attesa del Torino

Alta Valtellina, terra di cibi genuini, aria buona, rossi robusti e da questo pomeriggio (per il secondo anno consecutivo), del ritiro biancoblu. Permanenza a Sondalo prevista sino a domenica 29 con doppia seduta quotidiana (9.30 e 17.00) e terno secco di amichevoli. La prima sarà anche la più intrigante grazie all’incrocio con il Torino di stanza a Bormio ormai dal 9 luglio. Appuntamento sabato alle 17 al Campo Sportivo Comunale (biglietti su www.bormio.eu). Altri due test previsti invece per mercoledì 25 e sabato 28 rispettivamente contro una Rappresentativa Valtellinese e contro il Sondalo. Sempre alle 17, sempre con ingresso gratuito e sempre a Sondalo nella struttura che ospita il sudore giornaliero dei 25 tigrotti convocati agli ordini di Javorcic.

pro patria sondalo locandinaLa stagione partirà ufficialmente domenica 5 agosto con il primo turno del girone a 3 della Coppa Italia di categoria. Le altre due giornate il 12 e il 19 con (ovviamente) un turno di riposo in alternanza. Nel weekend del 26 l’avvio del campionato. Nel frattempo, impazza la consueta sciarada estiva su gironi, ripescaggi, esclusioni e simili. I posti vacanti per comporre la Serie C a 60 squadre dovrebbero essere 6/7. Cioè quelli lasciati liberi dalla fusione Bassano/Vicenza, dalla mancata regolarizzazione dell’iscrizione di Mestre, Reggiana e Fidelis Andria e dalle 2/3 caselle che resteranno sfitte dopo i ripescaggi in Serie B. Triestina, Pistoiese, Lucchese, Matera e Cuneo hanno presentato ricorso contro la mancata iscrizione. Entro venerdì se ne saprà di più. Ma dovrebbero farcela. In pole per il completamento organici, le seconde squadre di Juventus e Milan (situazione tutta da valutare), Prato, Cavese, Imolese e Como. Presto però per azzardare pronostici. Tanto più che la lista delle pretendenti al ripescaggio in Serie B è piuttosto lunga: Novara, Pro Vercelli, Ternana, Catania, Siena. E forse altre ancora.

Chiaramente, i nodi di cui sopra faranno aggio sulla composizione dei raggruppamenti. I criteri (secondo quanto ventilato dallo stesso presidente Gravina) dovrebbero essere quelli applicati nelle ultime due stagioni. La Pro Patria dovrebbe quindi finire nel Girone A con le rappresentanti di Piemonte, Liguria, Toscana, Sardegna, parte di Lombardia ed Emilia Romagna. Sarà davvero così?                               

Giovanni Castiglioni