Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Eccellenza girone A, Varese Calcio

Niente Serie D per il Varese, la Varesina spera ancora

La Lnd ha reso note le ammissioni in Serie D che sono ora ufficiali e chiudono parzialmente il discorso. Parzialmente perchè, come si legge nel comunicato, potrebbero rendersi necessari altri ripescaggi per completare l’organico in seguito alle riammissioni per coprire i posti vacanti lasciati dai professionisti.
Cosa significa? Bari, Cesena e Avellino sono saltate in Serie B. Novara e Catania hanno preso due posti liberondoli in C dove sono state ‘promosse’ Cavese e Imolese. Per il posto dell’Avellino bisogna ancora attendere. Queste due hanno permesso a Montebelluna e Classe di approdare alla D con la Jesina che ha preso il posto di una delle formazioni che non hanno presentato iscrizione (Fidelis Andria, Mestre e Reggiana, rinuncia Bassano).
L’organico della Serie C non è però completo, all’appello dovrebbero mancare ancora 4 formazioni (c’è la Juventus B) con nessuna squadra che ha però i requisti per andare a riempire le caselle. Se ciò dovesse accadere altre 4 formazioni potrebbero, a cascata, fare il prossimo anno la Serie D, la graduatoria dice: Cannara, Anzio, Villafranca Veronese e Varesina. Il Varese (nono in graduatoria se salta il Lumezzane) e il Busto 81 decimo hanno speranze pressochè pari allo zero.

Questo il comunicato ufficiale delle Lnd

Nel corso della riunione del Consiglio Direttivo sono state anche deliberate le ammissioni in Serie D e nei campionati nazionali di calcio femminile. Per quanto riguarda la Serie D, a completamento dell’organico, sono state ripescate Montebelluna, Classe e Jesina, e sono stati accolti i ricorsi di Pomigliano, Città di Campobasso, Palmese, Nocerina, Igea Virtus Barcellona e Roccella. Il Consiglio Direttivo ha poi delegato il Presidente LND a procedere ad eventuali ulteriori ripescaggi che potrebbero rendersi necessari per il completamento dell’organico per effetto delle decisioni assunte dalla FIGC in relazione alle vacanze di posti nei campionati professionistici.

Michele Marocco