Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Eccellenza girone A

Eccellenza 33^ giornata – Il Fanfulla torna in D. Busto 81 ko col Legnano, ma vola al terzo turno playoff

I VERDETTI – Il Cavenago Fanfulla batte con un rocambolesco 3-2 il Sancolmbano e festeggia la promozione in Serie D. Perde in casa contro il Legnano l’inseguitrice Busto 81 che, dunque, chiude a -6 dalla capolista ma, grazie ai 10 punti di vantaggio sulle terze Verbano e Fenegrò evita i playoff del girone passando direttamente al terzo turno. Riguardo alla zona bassa, già retrocessi Saronno e Accademia Gaggiano con Lomellina e Città di Vigevano ai playout.

OLGIATE OLONA – Ultimo atto anche in Eccellenza, poi sarà solo post season. Il Busto 81 attende il Legnano per mettersi in tasca i tre punti che lo spingerebbero direttamente al terzo turno playoff, mentre i lilla punteranno sull’onore per tenersi stretto il 5° posto che però non significherebbe playoff visto l’eccessivo distacco punti proprio dal Busto 81.
Il Busto la combina grossa, incappa in una giornata no, perde in casa col Legnano ma approfitta del pareggio tra Castellanzese e Fenegrò (2 a 2) qualificandosi direttamente al terzo turno dei playoff. Onore ai lilla che all’ultima sfida hanno tirato fuori l’orgoglio ed una una buona gara. La festa in grande stile è del Cavenago Fanfulla che sotto di 2 reti ribalta la situazione, vince 3-2 e vola in serie D.

busto 81PRIMO TEMPO – Dopo aver risolto un piccolo problema ad una rete e tra i cori dei sempre presenti tifosi legnanesi, prende avvio la sfida Busto 81, oggi in maglia nera, Legnano, nella classica divisa lilla. Il piglio più propositivo appare nelle prime battute da parte degli uomini di Tomasoni, nonostate i padroni di casa siano ben disposti in campo. Il mancato aggancio in area di Brusa, da solo davanti a Brescello, e la serpentina in area di Grasso, su cui poi esce bene il numero uno bustocco, sono le uniche due situazioni favorevoli del primo quarto d’ora. La risposta locale la crea Anzano che si gira benissimo al limite ma che poi trova solo l’esterno della rete, complice anche una deviazione. Sono i due numeri sette a velocizzare un po’ la manovra, per il resto è una gara che non decolla e che non fa registrare particolari chance né da una parte né dall’altra. Al 33’ però viene premiata l’iniziativa personale del legnanese Grasso che avanza fino al limite e poi mette palla in buca d’angolo. 0 a 1 ed esplosione di gioia dei tifosi lilla. Deve scuotersi la squadra di casa se vuole invertire le sorti di questo match, ed invece al 38’ ci vuole il riflesso provvidenziale di Brescello per dire di no al colpo a botta sicura di Brusa. Prova a guadagnare qualche metro la formazione in bianconero, ma fatica a rendersi effettivamente pericolosa. A 3’ dal termine della prima frazione è ancora il numero nove in maglia lilla a cercare gloria, ma il suo destro dalla distanza non scende abbastanza. Dopo un minuti di recupero arriva il duplice fischio. E’ un Busto ordinato ma poco cattivo quello che si è fatto vedere in questi primi 45 minuti al cospetto di un Legnano che ha fatto poche cose ma non semplicità ed efficacia. In virtù di un Cavenago Fanfulla che sta perdendo per 2 a 0 in casa con il San Colombano, ci sarebbe da ribaltare la situazione per poter tenere ancora vivo il sogno del titolo, seppur passando da uno spareggio.

legnanoSECONDO TEMPO – Si ricomincia senza cambi econ Berberi che guadagna subito una punizione invitante sul lato corto dell’area ma Scapinello non la sfrutta a dovere. Fiammata bustocca che crea scompiglio in area del Legnano, ma alla fine si salvano gli ospiti. Prova a spingere un po’ la squadra di casa, ma sono diversi gli errori in fase d’impostazione. Al 17’ però la doccia bustocca è gelata: dopo una palla gestita male per ben due volte da parte dei padroni di casa, la raccoglie Crea che lascia partire un tiro da fuori non irresistibile, la sfera rimbalza davanti a Brescello, già in tuffo, e lo beffa terminando la corsa alle sue spalle. 0 a 2. Ma la gara si accende adesso e al 20’ Scapinello trova la magia su calcio piazzato: 1 a 2, ora c’è da crederci per i bustocchi, nonostante le notizie che arrivano dal derby Cavenago – San Colombano non siano confortanti, visto che i lodigiani hanno completamente ribaltato la situazione da 0 a 2 a 3 a 2. Tricarico cerca più spinta, Legnano non si lascia intimorire troppo e al 33 ‘ traversa – riga il montante di prepotenza di uno scatenato Grasso. Partita finalmente viva con Anzano che riceve dal limite, si gira bene ma poi la sua conclusione è centrale. Ad aggravare una gara non semplice per il Busto ci pensa D’Ausilio che si fa espellere per un fallo di reazione davvero ingenuo. Legnano potrebbe chiudere i conti ma il sinistro di Romano si stampa sul piedone di Brescello. Ci riprova esattamente un minuto più tardi sempre l’attaccante neoentrato stavolta con l’altro piede: parabola perfetta ma il destro stavolta è palo pieno.  Quattro minuti di recupero, c’è da stringere i denti per il Legnano, c’è da dare tutto per il Busto perché il pareggio significherebbe staccare il pass per il 3° turno playoff. Invece non succede più nulla, prevale la stanchezza, e termina 1 a 2. La Castellanzese però blocca il Fenegrò e gli uomini di Tricarico saltano così anche il secondo turno playoff.

I Migliori
Moroni 6.5 – Busto 81: quando entra nella ripresa è uno dei pochi a dare verve e grinta alla squadra.
Grasso 7 – Legnano: non solo il gol, è sempre il pericolo numero uno in casa Legnano, esce dopo aver dato veramente tutto.

I commenti
Tricarico (allenatore Busto 81):Sono dispiaciuto per questo finale, ora abbiamo venti giorni di stacco in cui dobbiamo ricaricare le pile e guardare avanti, arrivano partite toste e se è vero che non è nell’indole di questa squadra essere aggressivi, dobbiamo comunque trovare un compromesso con il sacrificio perchè sarà molto importante anche sacrificarsi“.
Tomasoni (allenatore Legnano):Guardando questa partita mi chiedo se esistono davvero tutti questi punti di distacco fra noi e le prime della classe, la risposta è che siamo cresciuti molto ma dovevamo farlo prima. Di sicuro ad oggi abbiamo trovato la quadra. Futuro? Non so nulla se non che mercoledì romperemo le righe“.

FOTOGALLERY BUSTO81 LEGNANO 9 BUSTO81 LEGNANO 14 BUSTO81 LEGNANO 15

 

IL TABELLINO
Busto 81 – Legnano 1-2 (0-1)
Busto 81: Brescello 6, Soldi 6 (dal 27’ st Moroni 6.5), Napoli 6, Borghesi 5.5, Volpini 6, Nocciola 5.5, D’Ausilio 5, Scapinello 6, Berberi 5.5, Casorati 6 (dal 38’ Dell’Aera 6), Anzano 5.5. A disposizione: De Stefano, Maggiore, Blliku, Dell’Aera, Rosana, Moroni, Agosti, Allenatore: Tricarico.
Legnano: Anedda 6, Ortolani 6, Azzolin 6.5, Bianchi 6, Trenchev 6.5, De Angelis 6, Myrteza 6.5, Provasio 6, Grasso 7 (dal 33’ st Romano 6.5), Crea 6.5 (dal 44’ st Borghi sv) , Brusa 6 (dal 25’ st Marcolini 6.5). A disposizione: D’Ippolito, Borghi, Marcolini, Rinaldi, Villa, Magno, Romano. Allenatore: Tomasoni.
Arbitro: Gangi di Enna (Butt – Manzini)
Marcatori: pt: 33’ Grasso (L): st: 16’ Crea (L), 20’ Scapinello (B),
Note: Serata serena, terreno in sintetico, spettatori 200 circa. Espulsi: D’Ausilio (B), Ammoniti: Napoli (B), Ortolani (L), Borghesi (B), Scapinello (L), Crea (L) Angoli 1-4. Recupero: 1’+3’ .

 Inviata Mariella Lamonica 

 Le altre partite:

festa cavenago fanfullaCAVENAGO FANFULLA-SANCOLOMBANO 3-2 (0-2)
Cavenago Fanfulla: Ballerini, Romano (1´ st Arodi), Colombi (33´ st Oddone), Laribi (31´ st Palmieri), Zanoni, Patrini, Zingari, Brognoli (42´ st Nikolov), Mazzini (28´ st Cisse´), Battaglino, Fall. A disposizione: Cozzi, Caselli. All: Ciceri.
Sancolombano: Valsecchi, Ioance (26´ st Pernice), Pignatiello, Milani, Locatelli (4´ pt Dalma, 16´ st Gazzaneo), Dragoni (39´ st Cruz), Albertini, Geamanu, Squintani, Molinelli, Stroppa. A disposizione: Bossi, Benini, Fumasoli. All: Aquilante.
Arbitro: Deborah Bianchi di Prato (Giovanni Fantini di Busto Arsizio, Andrea Loda di Brescia)
Marcatori: 31´ pt Albertini su rig., 39´ pt Ioance, 6´ st Laribi, 13´ st Mazzini, 17´ st Brognoli.
Il Sancolombano spaventa un Cavenago Fanfulla che rimonta nella ripresa e festeggia poi la promozione in Serie D. I ragazzi di mister Aquilante fanno la loro partita e chiudono in vantaggio di due reti il primo tempo, poi nella ripresa, in 10 minuti i bianconeri ribaltano la situazione. Zingari in avvio è scatenato e al 5´ chiama Valsecchi alla respinta, al 22´ sfiora il palo e al 27´ serve a Fall un pallone d´oro sprecato dall´attaccante. Al 31´ passa su rigore il Bano: girata di Dalma fermata col braccio da Zanoni e Albertini non sbaglia dal dischetto. Mazzini e Fall pericolosi subito dopo ma è Ioance al 39´ a raddoppiare con botta dai 30 metri che sorprende Ballerini. Il primo tempo si chiude con il palo di Zingari al 49´. Nella ripresa fondamentale il gol al 6´ di Laribi, che insacca di testa dall´area piccola. Pareggio al 13´ con Mazzini che mette alle spalle di Valsecchi, con “giallo” di un probabile fischio del direttore di gara che sembrava dare un rigore per poi lasciar correre. Il 3-2 definitivo arriva al 17´ con Brognoli dopo bella penetrazione chiusa con rimpallo davanti a Valsecchi. Vittoria con merito dei bianconeri ma Sancolombano uscito a testa altissima dalla Dossenina.

CASTELLANZESE-FENEGRò 2-2 (1-2)
Castellanzese:
Caputo (24’ Pasiani), Zingaro (73’ Greco), Arrigonni (85’ Pedergnana), Porchera (60’ Ghilardi), Fiore, Tamai, Rota, Bigioni, Milazzo, Rondanini (73’ Battista), Urso. A disposizione: Tatani, Colombo. All. Palazzi.
Fenegrò:
Ciocarolli, De Vincenzi, Djibo (79’ Mercurillo), Candolini, Bello, Putignano (86’ Laraia), Nodari (79’ Cassina), Panzetta, Pizzini, Gestra, Nardi (90’ Torraca). A disposizione: Intorre, Arcuri, Curia. All. Broccanello.
Arbitro:
Guazzabocca di Seregno.
Marcatori:
pt’: 3’ Milazzo (C), 28’ Djibo (F), 29’ Nardi (F); st: 35’: Urso (C).
Il Fenegrò non riesce ad approfittare dello scivolone interno del Busto 81, sconfitto dal Legnano, per agganciare i playoff. Pareggiando a Castellanza, i comaschi restano indietro di 10 lunghezze dicendo addio ai sogni promozione. La partita la sbloccano subito i neroverdi col gol di Milazzo dopo appena tre minuti. Il Fenegrò la ribalta nel giro di appena due minuti: al 28’ la raddrizza Djibo e poi raddoppia al 29’ Nardi con un tiro fuori area su assist di Pizzini. La Castellanzese rovina i piani all’80’ col gol di Urso che batte il portiere in uscita servito da Milazzo.

VERBANO –SARONNO 8-0 (4-0)
Verbano: Spadavecchia, La Marca, Gecchele, Dal Santo, Scurati, Sorrentino, Oldrini, Malvestio, Licciardello, Caliman, Amelotti. A disposizione: Perna, Lo Vergine, Monteverdi. All. Maffezzoni.
Saronno: Crivelli, Zanzi, Bonfieni, Cakollari, Pagani, Onwdebe, Gedeon, Vieira, Alanga, Tramontano, Bucchi. A disposizione: Di Prospero, Regano, Alberti, Ferraro, Lagotana. All.
Arbitro: Bortolozzo di Varese.
Marcatori: pt: 27’ Oldrini (V), 35’ Licciardello (V), 40’ Amelotti(V), 43’ Malvestito (V); st: 5′ Sorrentino su rig. (V), 8′ Licciardello (V), 25′ La Marca (V), 32′ Oldrini (V).
Un Verbano senza più nulla da chiedere passeggia all’ultima giornata alla Bombonera contro un baby Saronno e chiude terzo a parimerito col Fenegrò pur non riuscendo nell’obiettivo playoff. Al 27’ Oldini su punizione aiutato da una deviazione segna la prima rete. Al 35’ Licciardello scatta sul filo del fuorigioco e batte il portiere in uscita.E’ un monologo rossonero: al 40’ Amelotti conclude una azione corale e realizza da pochi passi. Al 43’  Malvestito spizzica di testa e batte il portiere. Nella ripresa arriva un altro poker: al 5’ Sorrentino realizza il 5-0 su rigore, tre minuti più tardi  Licciardello piazza con un destro angolato. Al 25’ La Marca segna il 7 gol con un secco tiro all’angolino basso. Infine al 32’ Oldrini con un tiro dalla lunga distanza segna l’ultima rete della giornata.

CITTA’ DI VIGEVANO-UNION VILLA CASSANO 2-0 (2-0)
Città di Vigevano: Campironi, Bonvini (Cerri L. al 5′ st), Binda Pienti, Disarò, Truzzi, Favale, Sidonio (Khlifi al 26′ st), Ragusa (Aldrovandi al 1′ st), Martella, Cicala, Salomoni (Mancin al 1′ st). A disposizione: Colombo C., Lagonigro. All. Polizzotto.
Union Villa Cassano: Seitaj, Pacifico, Pisoni, Puka (Daggiano al 28′ st), Augliera, Shala (Zambrano Moran al 20′ st), Malaspina (Ghidoli al 28′ st), Sidki (Pozzobon al 1′ st), La Iacona (Comani al 1′ st), Ferrari, Ceci. A disposizione: Di Graci, Brebbia. All. Antonelli.
Arbitro: Rossoni di Sesto San Giovanni.
Marcatori: pt: 16’ e 35’ Ragusa (C).
Colpo di coda del Vigevano che raggiunge la Lomellina diretta concorrente ai playout a quota 30 punti. La classifica però sorride comunque agli avversari, in vantaggio a livello di scontri diretti (2-0 all’andata, 1-1 al ritorno). I playout si giocheranno in gare di andata e ritorno prima in casa del Vigevano, poi dei vicini di casa.

SESTESE-ACCADEMIA GAGGIANO 2-3 (0-1)
Sestese: Martignoni, Del Vitto, Lonardi, Nalesso, Folcia, Ventola, Blanda, Roncari, Mehmetaj, Mantegazza, Kate. A disposizione: Boari, Degradi, Bonizzoni, Pozzi, Corbani, Lo Russo. All. Roncari.
Accademia Gaggiano: Moro, Allegretti, Nappi, Cozzi, Daveniza, Mura, Checchi, Rebuschini, Principe, Ventura, Sunday. A disposizione: Perrone, Abbate, Bertocchi, Casiraghi, Conti, Fava, Maisto. All. Iannotti.
Arbitro: Chindamo di Como.
Marcatori: pt: 35’ Checchi (A); st: 10’ Sunday (A), 30’ Bertocchi (A), 41’ Mehmetaj (S), 45’ Mantegazza (S).
Il Gaggiano saluta la categoria con una vittoria in casa della Sestese, squadra che per poco non sfiora la rimonta negli istanti finali. Gli ospiti piazzano il 3-2, poi Mehmetaj e Mantegazza accorciano le distanze, ma l’aggancio non riesce.

CALVAIRATE-LOMELLINA 4-0 (2-0)
Calvairate:
Ciaralli, Paloschi, Paduano, Stefania (24’ st Cecere), Fronda, Barazzetta, Montanari (11’ st Sarina), Conte (1’ st Panepinto), Galtarossa, Visigalli (30’ st Corti), Lolli (7’ st Zappettini). A disposizione: Musci, Manzoni. All. Destro.
Lomellina:
Bonino, Sala (26’ st Crimaldi), Piedinovi, Marchesi (1’ st Caputo), Severino, Susbenso, Kolaj, Amello (11’ st Calvio), Rignanese, Santarosa, Patrucco (16’ st Casula). A disposizione: Basso, Ivaldi, Guido. All. Civeriati.
Marcatori:
pt: 1’ Lolli (C), 13’ Montanari (C); st: 10’ Galtarossa (C), 20’ Zappettini (C).
Partita a senso unico con il Calvairate che piazza due gol per tempo e al 25’ non approfitta di un rigore, bravo Bonino a parare.

ALCIONE-ARDOR LAZZATE 2-3 (0-1)
ALCIONE: Diop, Marinoni, D’Arbenzio, lo perfido, Confetti, Campolongo, Coppini, Rossi, Biagini, Orlandi, Senesi. A disposizione: Angeleri, Razzari, Mangiarotti, Pellegatta, Oliveto, Pelli, Italia. All. Pizzi.
ARDOR LAZZATE: Mauri, marchese, Grassi, Ferrari, Bernello, Cassina, Gerevini, Proserpio, Gibellini, Ligliore, Giglio. A disposizione: D’Antino, Ronzoni, Azzimonti, Pizzi, Passoni, Di Vito, Guaita. All. Campi.
Arbitro: Bignami di Cremona.
Marcatori: pt: 36′ Gerevini (Ar)

RISULTATI E CLASSIFICA