Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Pallacanestro Varese

Varese vince il derby con super Cain. Mancava solo il ‘Cata su’

DESIO - Calendario senza soste per Varese con un altro classico alle porte: il derby numero 141 contro Cantù. OJM che arriva lanciata dalle due super vittorie contro Venezia e Milano, brianzoli reduci dalla sconfitta sopra quota 100 con Cremona. Si affrontano due squadre dall’anima totalmente differente: spregiudicata e aggressiva Cantù, prima per punti segnati, ma ultima per punti subiti contro una Varese che fa della difesa il suo nerbo tanto che l’OJM è la seconda miglior difesa del campionato in trasferta. E’ una gara a due facce quella di Desio: spumeggiante e alti ritmi nei primi 20′, poi lenta e quasi inchiodata nell’ultimo quarto con l’OJM che suda sette camicie per vincere, meritatamente, il derby. Voce di riguardo il predominio a rimbalzo con Cain che giganteggia divenendo il centro boa dei secondi 20′ chiudendo l’area in difesa e facendo malissimo in attacco con il rimbalzo decisivo a -16″. Con una striscia aperta di 3 successi e un 2-0 negli scontri diretti con Cantù non diventa impossibile pensare a ciò che è in programma dalla metà di maggio in avanti…

LA DIRETTA

Primo quarto
Wells trova i primi liberi, poi Okoye punge dall’arco: 2-4 al 1′. E’ una OJM cinica e concentrata in attacco: Larson dà fluidità e prima Pelle va col gioco da 3 punti, poi Okoye ferisce ancora dall’arco per il 2-10 del 3′. Cantù torna subito a contatto con due bombe: prima Burns, poi Smith per l’8-10. Super stoppata di Pelle su tiro di Smith, Varese corre e trova Ferrero in angolo: tripla e 8-15 al 4′. Wells in posizione guardia fa male a Cantù, ma Smith replica subito: 12-17 al 5′. Okoye è carichissimo: terzo tiro dall’arco e terza tripla per il 12-20 del 6′. Pelle è presente sugli scarichi e non solo: recupera palla su Culpepper e vola in contropiede da solo a schiacciare il 15-24 del 7′. Varese è trascinata da un Okoye perfetto in ogni lato del campo e su due liberi di Vene arriva il massimo vantaggio: 17-30 al 9′.

Secondo quarto
Frazione che si apre con l’antisportivo sanzionato a Parrillo che ferma Avramovic nella sua metà campo: 1/2 del serbo che prova anche l’assalto al ferro, errore e ottimo rimbalzo di un Cain sempre presente che segna il 25-36 dell’11′. Parrillo realizza la seconda bomba della sua gara, Varese sempre brava nelle letture offensive trova Vene nel cuore dell’area: 28-38 al 12′. La gara  è una gragnuola di triple e quando Cournooh mette la nona bomba canturina il tabellone recita 36-41 al 14′. A metà quarto arriva l’aggancio dei padroni di casa: Pelle non arpiona un rimbalzo offensivo già suo e sullo sviluppo dell’azione Burns infila l’ennesima tripla: 41-41 al 15′. OJM che fatica in difesa contro il talento canturino e un Parrillo in stato di grazia, Wells colpisce da 3 dopo un’ottima circolazione di palla allo scadere dei 24″: 47-46 al 17′. Varese rimette la testa avanti sfruttando un antisportivo sanzionato a Cantù, poi Wells sfrutta un blocco in area di Cain e lo stesso lungo va poi a rimorchio a segnare: 47-53 al 19′.

Terzo quarto
Inizio super di Varese: tripla di Vene su un ottimo scarico prima, poi Tambone dietro il blocco di Pelle mette un altro canestro pesante per il 54-62 del 21′. Cantù, però, torna sotto in un attimo sfruttando ancora una volta l’arco: Avramovic è colpevole di aver dimenticato Culpepper e arriva il 61-62 del 22′. E’ una Varese che cerca Cain vicino a canestro e il lungo risponde caricando di falli la difesa canturina: 63-65 al 24′ con 1/2 in lunetta. Culpepper sgambetta e Okoye e si fa male mentre Tambone recupera il pallone ed esce dall’arco per segnare da 3: 63-68 al 25′. E’ un momento chiave del match e Varese chiude a doppia mandata l’area con un Cain monumentale e Avramovic realizza la tripla del 63-73 al 26′. Cantù non demorde e gioca la palla sotto per Thomas che riporta i suoi a -9: 66-75 al 28′. Culpepper suona l’acuto, poi Cain va a rimbalzo e, al volo, serve Vene che non può far altro che segnare: 69-78 in chiusura di periodo.

Quarto quarto
Primo minuto che passa senza che le due squadre costruiscano nulla: 69-78 al 31′. Ci pensa Wells a togliere il domopak dal canestro con un arresto e tiro sfruttando un blocco del solito e inossidabile Cain: 69-80 al 33′. Cantù non segna dal campo, ma fa strada dalla lunetta: 73-80 al 34′. Smith trova una tripla fuori ritmo per il 76-80 con Varese che fatica a costruire qualcosa di buono nell’azione successiva e coach Caja corre ai ripari chiamando time out al 35′. Tanta, troppa la fatica di Varese in attacco ferma a soli 2 punti in questo periodo con Cantù che arriva sul -1 con un libero di Cournooh: 79-80 al 36′. Wells dà ossigeno con una tripla dall’angolo e Ferrero poi da sotto realizza il 79-85 subito spezzato dalla tripla di Cournooh: 82-85 al 37′. Cantù impatta con la tripla del solito Smith: 85-85 al 38′. Wells commette fallo in attacco sulla penetrazione a -85″, ma sbaglia anche Smith sull’azione seguente con rimbalzo di Cain: 85-85 al 39′. Tambone con tanto coraggio prova la tripla a -20″, non va, ma il rimbalzo numero 18 di Cain significa due punti: 85-87 a -16″ e time out Cantù. Thomas trova il tiro centrale per vincere la gara abbastanza libero, ma il suo tiro è corto e Wells va in lunetta a -8″: 2/2 per il play è anche il derby di ritorno va a una Varese che espugna con merito il PalaDesio.

Tabellino
Red October Cantù – Openjobmetis Varese 85-89 (25-33, 51-56, 69-78)
Cantù: Smith 18 (2/5, 4/10), Culpepper 14 (0/2, 4/9), Pappalardo ne, Cournooh 8 (0/1, 2/4), Parrillo 11 (1/1, 3/7), Tassone ne, Crosariol 2 (1/1), Maspero ne, Raucci ne, Chappell 7 (1/4, 1/6), Burns 13 (1/5, 2/4), Thomas 12 (3/5, 0/2). Allenatore: Sodini.
Varese: Avramovic 6 (1/5, 1/4), Pelle 9 (4/4), Bergamaschi ne, Natali, Vene 12 (2/3, 2/5), Okoye 13 (1/6, 3/4), Seck ne, Tambone 12 (0/2, 4/8), Cain 13 (5/6), Ferrero 5 (1/2, 1/1), Wells 19 (4/8, 2/4), Larson (0/3, 0/1). Allenatore: Caja.
Arbitri: Rossi, Attard, Di Francesco.

Inviato Matteo Gallo

- LE PAGELLE

- LA SALA STAMPA

- RISULTATI E CLASSIFICHE

I TIFOSI ACCOLGONO LA SQUADRA ALLA SCHIRANNA

- LA FOTOGALLERY