Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Prima Categoria girone A

Aurora Cantalupo a fari spenti per stupire. Senziani: “Siamo ancora in rodaggio”

È arrivata nel girone A in punta di piedi, dopo la vittoria del campionato di seconda categoria ma senza troppe luci della ribalta, ora dopo tre giornate e sette punti messi in tasca, nonchè i sedicesimi di coppa Lombardia in corso (nonostante la netta sconfitta di ieri sera a Sedriano 3 a 0), preferisce non godersi troppo il momento ma continuare a lavorare per  “Togliersi il prima possibile dalla mischia”: stiamo parlando dell’Aurora Cerro Cantalupo di mister Senziani.
Scusi mister ma quale mischia che siete appaiati a 7 punti con le prime della classe Gorla Maggiore, Cantello Belfortese e SolbiateseInsubria?” “La mischia di quelle che devono salvarsi, è ancora troppo presto per parlare di altro”, afferma il tecnico.
Piedi per terra e testa bassa insomma anche se la squadra di Cerro Maggiore per il momento qualche soddisfazione se l’è tolta.
Senziani cantelloIn primis la rimonta in casa del Tre Valli quando sotto 2 a 0, la squadra di Senziani è stata capace di ribaltare completamente il risultato. “Siamo partiti male quella domenica, un po’ è anche concepibile, poi però ci siamo rimessi in carreggiata e l’abbiamo ribaltata anche grazie al carattere di un gruppo fantastico, il nostro traino, motivo per cui abbiamo voluto cambiare poco dall’anno scorso a quest’anno, per non intaccare la nostra solidità”.
Dopo Tre Valli c’è stata la Folgore Legnano e qui non siete andati oltre lo 0 a 0.
La Folgore è una squadra strana, una squadra che non ha il gioco più spettacolare ma che sa quello che deve fare, rimane coperta, si difende bene, e poi ha degli attaccanti veloci, in particolare Catalano, sa bene come metterti in difficoltà, hanno anche avuto la chance del rigore, fortuna noi abbiamo un portiere (Pansera ndr) che è esperto in questa situazione, l’anno scorso su 11 rigori subiti ne ha parati ben 9…”.
Domenica invece siete tornati al successo sul campo dell’Antoniana.
La squadra di Busto è una squadra giovane, probabilmente deve ancora assemblarsi bene, ha cambiato molto, ci vuole un po’ di tempo, noi certamente abbiamo fatto il nostro ed abbiamo meritato i tre punti”.
Mister ritorna in prima categoria, tante volte è passato di qui, e più di una volta ha vinto il campionato, che annata sarà questa?
Come ho già detto il nostro obiettivo è salvarci e farlo il prima possibile, da neopromossa non puoi pensare ad altro almeno inizialmente, poi non dimentichiamoci che si tratta di un girone tosto, ci sono diverse formazioni costruite per vincere e che sanno perfettamente come muoversi”. Ad esempio? Chi vede più pronta?Io direi Gorla Maggiore, Valceresio e Tradate, loro sono le tre squadre che penso abbiano qualcosina in più delle altre, poi ci sono Cantello Belfortese, Cas e Vanzaghellese, ma non dimentichiamoci della SolbiateseInsubria, il valore aggiunto ce l’hanno in panchina, mister Castiglioni lo conosco benissimo ed è uno che sa preparare benissimo le sue squadre, il campionato però è ancora lungo c’è ancora tempo per capire chi effettivamente ha qualcosa in più per stare davanti”.
Quanto tempo ci vorrà secondo lei per delineare meglio la situazione?
Noi ad esempio abbiamo nelle prossime tre gare Vanzaghellese, Gorla Maggiore ed Ispra, direi un bel trittico, tre bei banchi di prova, credo quindi che le prossime tre giornate potranno, almeno a noi, darci qualche indicazione in più”.
Quindi mister, riassumendo, fra un mesetto la chiamo e mi dice se state ancora puntando alla salvezza o se avete cambiato idea, ci sta?
(Ride ndr) “Io nella mia carriera poche volte ho guidato una formula uno, anzi direi una volta sola con l’Uboldese con cui ho poi vinto il campionato in prima categoria, mentre in tutti gli altri casi mi sono “accontentato” di una 500, anche se poi abbiamo fatto benissimo, ad ogni modo formula uno o 500 cambia poco adesso, c’è da finire il rodaggio quindi…aspetto la sua chiamata”.

Mariella Lamonica