Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Prima Categoria girone A

3^ giornata – Gorla, SolbiateseInsubria, Cantello Belfortese, niente fuga. Goleada San Marco

GAZZADA SCHIANNO – Due giornate appena alle spalle ma la classifica dice già che SolbiateseInsubria – Gorla Maggiore è sfida da piani alti visto che insieme al Cantello Belfortese sono le uniche tre squadre a punteggio pieno. I novanta minuti di oggi potrebbero sancire un sorpasso o comunque lanciare un bel segnale al campionato. Sarà effettivamente così? No, restano appaiate SolbiateseInsubria – Gorla Maggiore perché al novantesimo, dopo un primo tempo avaro di emozioni ed una ripresa in cui succede di tutto, il risultato è 1 a 1.

GorlaPRIMO TEMPO – Ritmi blandi e temperature elevate nei primi minuti di gioco, dove si registrano, eccezion fatta per qualche conclusione dalla distanza, una vera occasione per parte. Da un lato l’ex Ana Petre scatta sul filo del fuorigioco ma a tu per tu, complice anche il rientro di Bahamed, ha la meglio Savastano, che è ancora più provvidenziale quando nella stessa azione, sulla respinta, dice nuovamente di no al centravanti di casa. Dall’altra parte risponde Falsaperna con un destro velenoso che fa la barba al palo. Al 24’ per poco con la combina grossa Bottani, quando su tiro da fuori di Ippolito si salva in due tempi a davvero poco dalla linea. Mentre il Gorla pensa a fare gioco, i padroni di casa puntano sul contropiede e fanno bene perché nella prima mezz’ora si presentano per ben tre volte davanti a Savastano, il numero uno gorlese risponde presente, però, anche nella terza azione offensiva. Al 28’ lascia già il campo Voltan, forse un acciacco per lui, prende il suo posto Rimoldi. Minuto 33’ si accende Ippolito: sventagliata dalla sinistra, il capitano va di destro al volo, manona salva tutto per Bottani che concede solo il calcio d’angolo. La SolbiateseInsubria conquista un paio di calci piazzati che non sfrutta a dovere, nemmeno quando Ventura di tuffo in testa fa gridare al gol, la sfera taglia l’area e non trova il bersaglio. Neanche un minuto di recupero e l’arbitro manda tutti negli spogliatoi. Il caldo non accenna a diminuire, influisce sicuramente sul rendimento dei ventidue in campo.

SolbiateInsubriaSECONDO TEMPO – Mister Contaldo non è molto soddisfatto dei suoi e lo dimostra con altri due cambi: fuori D’Aloia e Bahamad, dentro Hushi e Di Simone. I locali si ripresentano belli compatti, Gorla deve trovare il guizzo se vuole rompere gli indugi di una gara sostanzialmente equilibrata. Il guizzo arriva e lo firma, manco a dirlo, Ippolito: scodellata in area, piattone di sinistro che toglie la ragnatela dal sette. 0 a 1. I padroni di casa però pagano dazio doppiamente perché Bottani lamenta un fuorigioco, non le manda a dire all’arbitro e finisce sotto la doccia. Ma non è ancora tutto perché privi di secondo portiere, tocca a Bossi L. mettersi i guantoni. La doccia è davvero gelida. Ora i biancorossi la fanno girare, mentre mister Castiglioni, oggi squalificato, manda in campo Carantoni. Per la rete del raddoppio ci prova Hushi con un sinistro al volo, la palla sorvola la traversa ma dimostra coraggio l’esterno. Al 23’ serpentina di Ippolito, destro velenoso e palla sul palo mentre al 25’ succede quello che non ti aspetti: discesa sulla destra di Ferrenti, palla in mezzo bassa si avventa Ana Petre ed in spaccata punisce il Gola. 1 a 1. Tre minuti più tardi per poco un’azione fotocopia non ribalta la situazione, il cross di Ana Petre non è però così preciso. Gli uomini di Contaldo devono necessariamente riprendere a macinare gioco anche perché continuano a lasciarsi ingolosire dal fatto che in porta ci sia un “non portiere” ma faticano a rendersi effettivamente pericolosi. Hushi va con un tiro cross che miracolosamente, non si sa per quale legge balistica, riesce a passare alle spalle del portiere ma a non entrare. Tra colpi di testa mancati, palle sfiorate e tentativi poco decisi, i gorlesi ora sembrano mettercela proprio tutta per non voler vincere. Tentativo da fuori di Caristina, blocca senza problemi Bossi L. che si prende gli applausi ad ogni intervento. Anche il neoentrato Bene tenta il gol da fuori dopo un corner, palla centrale, l’estremo difensore blocca. E respinge anche poco dopo quando sempre Bene si ritrova vis a vis ma incredibilmente è provvidenziale la faccia del giocatore di casa. Scorrono i quattro minuti di recupero e non succede più nulla. Il Gorla si divora le mani per una chance davvero sciupata, in compenso la SolbiateseInsubria festeggia e si aggrappa intorno a Lorenzo Bossi che da non portiere ha salvato il risultato.

I MIGLIORI IN CAMPO
Bossi L. 7 – SolbiateseInsubria:
il giustiziere è Ana Petre ma Lorenzo Bossi quando si ritrova “casualmente” tra i pali salva il risultato. Cuore impavido.
Ippolito 6.5 – Gorla Maggiore: è lui che trova il Gorla e lui l’ultimo a mollare da vero capitano.

I COMMENTI
Castiglioni (allenatore SolbiateseInsubria):
Noi sappiamo che ogni domenica dobbiamo mettere in campo carattere, coraggio e cuore, insieme ai valori, ed onorare tutti gli sforzi che facciamo, anche oggi è stato così ed abbiamo conquistato un punto bello e importante“.
Contaldo (allenatore Gorla 
Maggiore): Il bicchiere è ovviamente mezzo vuoto, non mi spiego la partenza di oggi infatti nel primo tempo meritavano più loro, poi dopo qualche aggiustamento tattico abbiamo ripreso a macinare il nostro gioco e siamo passati meritatamente in vantaggio, ma se quando ti ritrovi in una situazione come quella che ci è capitano oggi con un non portiere in porta e l’uomo in più, e pensi a fare più il bello che il cattivo, succede che la paghi. Sono arrabbiatissimo, non vedo l’ora di martedì perché i miei ragazzi devono capire che nessuno ci regala niente, sarà una settimana dura“.

 

IL TABELLINO
SolbiateseInsubria – Gorla Maggiore 1-1 (0-0)
SolbiateseInsubria:
Bottani 5, Ferrenti 6.5, Cosenza 6.5, Castelli 6.5, Broggini 6.5, Lo Presti 6.5 (dal 47’ st Libralon sv), Bossi L. 7, Bellumore 6 (dal 22’ st Mattiun), Ana Petre 7 (dal 38’ st Monticelli sv), Ventura 6, Cerutti 5.5 (dal 14’ st Carantoni). A disposizione: Bossi A., Carantoni, Monticelli, Mattiun, Visentin, Volante, Libralon, Lo Giudice. Allenatore: Cosenza
Gorla Maggiore: Savastano 7, Pietroboni 6 (dal 38’ st Bene 6.5), Bernasconi 6.5, Bahamad 6 (dal 1’ st Di Simone), Caristina 6, Voltan 6 (dal 28’ pt Rimoldi 5.5), D’Aloia 5 (dal 1’ st Hushi 6), Puricelli 6, Falsaperna 5.5, Ippolito 6.5, Mahracha 6 (dal 23’ st Morelli). A disposizione: Ferrario, Di Simone, Hushi, Ruggia, Rimoldi, Strazzella, Bene, Morelli, Antonini. Allenatore: Contaldo.
Arbitro: Sabatino di Busto Arsizio
Marcatori: st: 8’ Ippolito (G), 25’ Ana Petre (S),
Note: Giornata serena, terreno in buone condizioni, spettatori 70 circa. Espulsi: Bottani (S), . Ammoniti: Voltan (G), D’Aloia (G), Angoli: 1-6. Recupero: 0’+4’.

Inviata Mariella Lamonica

 

CUGLIATE FABIASCO – L’Union Tre Valli continua il suo momento negativo e davanti al pubblico amico arriva la terza sconfitta stagionale ad opera di un coriaceo Cas Sacconago. Ospiti subito avanti all’8’ con l’inzuccata di Azimonti. I padroni di casa provano a reagire timidamente, ma l’unica occasione degna di nota è il palo colpito allo scadere del primo tempo da Touili. Nella ripresa partita dal ritmo basso con gli ospiti che si divorano un paio di occasioni per il raddoppio e l’Union che non riesce a trovare lo spunto decisivo per il pareggio. Vittoria sofferta per il Cas che però fa morale; ancora tanta strada da fare per l’Union Tre Valli.

CasPRIMO TEMPO – L’Union Tre Valli cerca la prima vittoria stagionale e per farlo mister Vincenzi si affida al 4-3-2-1 con Borella riferimento centrale supportato dall’estro di Binda e Frigeri. In cabina di regia prende posto Londino affiancato da Sorrentino e Touili; linea difensiva composta da Campan, Gilardi, De Maddalena e Pastorelli. La Sala tra i pali completa l’undici titolare. Il Cas cerca invece di riprendersi dopo la brutta battuta d’arresto di settimana scorsa affidandosi al 4-3-1-2 con Agrello dietro le due punte Lodedo e Turconi. Linea mediana composta da Caccia, Azimonti e Nardone, mentre dietro trovano spazio i terzini Panarese e Bolognini e i centrali Iorfida e Oldani, schierati a protezione di Ferni. Primi minuti di gioco di studio per le due squadre, ma alla prima occasione passa subito il Cas: al 6’ bella percussione sull’out sinistro di Caccia e cross preciso per l’inserimento di Azimonti che di testa infila La Sala approfittando della staticità della difesa di casa. L’Union Tre Valli prova una timida reazione al 14’ con l’imbucata di Pastorelli per Borella che la mette a rimorchio, ma Frigeri si addormenta e viene anticipato dalla difesa ospite che allontana la sfera. Al 16’ De Maddalena prova a fermare il cross di Agrello, ma La Sala è attento e blocca in due tempi. L’Union si fa davvero pericoloso al 20’ con il siluro da distanza ravvicinata di Borella deviato in angolo con un brivido da Iorfida. Al 25’ prova a farsi vedere Binda con un tiro dalla distanza, ma non trova lo specchio della porta.  Al 39’ ci prova ancora Binda dal limite dell’area: aggiusta la mira, ma perde di potenza, facile per Ferni. Al 42’ è Caccia a provarci da fuori, ma La Sala blocca in due tempi. La milgiore occasione del primo tempo per i padroni di casa arriva al 43’ con il bolide dalla distanza di Touili che s’infrange sul palo alla sinistra di Ferni. Allo scadere prova Borella, ma il suo sinistro sorvola abbondantemente la traversa. Dopo un minuto di recupero il direttore di gara manda le squadre negli spogliatoi. Ospiti cinici avanti con l’unica vera occasione da gol; padroni di casa troppo timidi in avvio, meglio sul finire di tempo, ma non è un periodo fortunato per gli uomini di Vincenzi.

Tre ValliSECONDO TEMPO – In avvio di ripresa i padroni di casa cominciano con un piglio più aggressivo: al 7’ sugli sviluppi di calcio d’angolo Borella la rimette in mezzo per l’inzuccata di De Maddalena che però colpisce male. Un minuto dopo Cau è costretto al primo cambio con Vacirca che rileva l’acciaccato caccia. Al 15’ brivido per la difesa dell’Union con Turconi che dribbla un paio di avversari e scarica un destro dal limite che termina non distante dal palo alla destra di La Sala. Al 23’ Vacirca si divora il 2-0 a porta vuota e sul ribaltamento di fronte Ferni si supera sul sinistro di Sorrentino. Un minuto dopo Tafuri cerca di sorprendere Ferni con un tiro di punta, ma l’estremo difensore ospite è attento. Al 30’ punizione dalla distanza di Nardone, La Sala non trattiene una conclusione non impossibile, ma Alessi si divora un gol a porta vuota sparando alto sulla traversa da due metri. Al 39’ Borella recupera un buon pallone sulla trequarti e lancia Tafuri, troppo precipitoso nel cercare la conclusione che si perde sul fondo. Union Tre Valli troppo timido nel finale che non riesce nemmeno a portare l’assalto conclusivo alla porta di Ferni.

I MIGLIORI IN CAMPO
Borella (Union Tre Valli) – voto 6.5
: partita di sacrificio la sua; tantissimo lavoro sporco per i suoi compagni che però non sfruttano mai le sue sponde.
Azimonti (Cas Sacconago) – voto 7: ha il grande merito di sbloccare subito una partita difficile. Poi fa il suo disputando una gara diligente ed ordinata: attento in fase difensiva e puntuale a supportare gli attacchi dei suoi.

I COMMENTI
Giuliano Vincenzi (allenatore Union Tre Valli): “Così non va. Esattamente come successo nelle scorse partite quando ci capita l’occasione buona non riusciamo a buttarla dentro. È frustrante e questo va a creare un clima di rassegnazione che non mi piace. Pretendo una reazione anche dai più giovani perché devono imparare a superare le difficoltà. Dovremo confrontarci con la squadra in maniera chiara per entrare in campo la prossima volta con la giusta cattiveria agonistica. Borella troppo isolato? Solitamente gioca in coppia con Tafuri e insieme riescono a cucire bene la squadra, ma oggi Tafuri doveva partire dalla panchina a causa di questioni interne allo spogliatoio ed effettivamente c’era troppa distanza tra i reparti. Siamo ancora a quota zero in classifica, ma la squadra ha un gran potenziale: manca la scintilla per accendere la miccia e sono sicuro che arriverà la partita giusta per sbloccarci”
Luciano Cau (allenatore Cas Sacconago): “Analizzando l’inizio di stagione devo dire che i ragazzi stanno attraversando un percorso di crescita davvero notevole. È un peccato essere inciampati settimana scorsa contro la Valceresio, ma è stata una partita che abbiamo approcciato male e che non abbiamo saputo gestire mentalmente. Anche alla luce di quel risultato oggi posso ritenermi soddisfatto perché ho visto quella reazione che volevo. Siamo stati bravi ad andare subito in vantaggio, ma sicuramente dobbiamo migliorare nella gestione della partita e soprattutto nel possesso palla. Oggi abbiamo cercato troppe volte il lancio lungo, mentre quello che chiedo è di arrivare davanti giocando da squadra palla a terra. Potevamo chiuderla e dovevamo farlo, anche perché altrimenti si rischia sempre di tenerla aperta fino alla fine, cosa che dobbiamo evitare. In ogni caso mettiamo in cascina tre punti, per cui va bene così”.

IL TABELLINO
UNION TRE VALLI – CAS SACCONAGO 0-1 (0-1)
Union Tre Valli
: La Sala 6, Campana 5.5, Pastorelli 6, Touili 6 (dal 19’ st Grosset 6), Gilardi 5, De Maddalena 6, Borella 6.5, Sorrentino 6, Binda 5.5 (dal 19’ st Tafuri 6), Londino 5 (dal 43’ st Accetta sv), Frigeri 5.5 (dal 29’ st Campello). A disposizione: Vecchietti, Sandoval, Roca, Belkhadir, Vallini. Allenatore: Vincenzi
Cas Sacconago: Ferni 6.5, Panarese 5.5, Bolognini 6.5 (dal 46’ st Macchi sv), Nardone 6, Iorfida 6.5 (dal 26’ Tirelli), Oldani 6, Caccia 6 (dal 9’ st Vacirca 5), Azimonti 7, Lodedo 5.5 (dal 22’ Alessi 6), Agrello 6, Turconi 6.5. A disposizione: Melchiorre, Castiglioni, Zaroli. Allenatore: Cau
Arbitro: Saffioti di Como
Marcatori: pt: 6’ Azimonti (C).
Note: sereno, campo in discrete condizioni. Spettatori: circa 80. Ammoniti: Panarese (C), Touili (U), Macchi (C). Calci d’angolo: 3-1. Recuperi: 1+4

Inviato Matteo Carraro

ARSAGO SEPRIO – Sfida intrigante quest’oggi tra Arsaghese e Valceresio, squadre incognita di questo campionato, dopo che Cantello Belfortese è stata letale per entrambe. A spuntarla sono gli ospiti con una prestazione superlativa ed un imponente 0-3 che lascia a bocca asciutta la squadra di Marsich, oggi senza idee.

Arsaghese-ValceresioPRIMO TEMPO –  Il primo tempo inizia ad alti ritmi per entrambe le squadre, vogliose di riscattarsi. Al 4’ gli ospiti si portano in avanti per primi, ma il contatto tra Piccinotti e il capitano arsaghese in area di rigore è giudicato veniale e il direttore di gara fa cenno di continuare. Al 13’ l’Arsaghese si riversa in avanti con un buono spunto di Palese che serve Gandolfo, ma il suo tiro è centrale. Al 16’ la squadra di D’Onofrio trova il gol in maniera fortunosa: sul tiro di Piccinotti il rimpallo favorisce Favaretto che disegna una parabola stramba da posizione ravvicinata e sorprende Cardi. Due minuti più tardi l’Arsaghese tracolla sotto la classe dell’attacco avversario: Piccinotti entra in area, dribbla Mai e dal fondo assiste Ponti che raddoppia. A questo punto la squadra di Marsich tenta la reazione, ma senza trovare l’occasione giusta. Al 21’ un’ottima iniziativa di Ponti porta al cross basso Di Carluccio, la sua palla innesca l’inserimento di Favaretto, il quale sfiora il palo con una girata improvvisata. Al 22’ Piccinotti si accentra e tira centrale, facile tra le mani di Cardi. I gialloneri avrebbero l’occasione per chiudere il match poco prima del termine della prima frazione di gioco, quando un bel triangolo tra Ponti e Piccinotti favorisce l’inserimento di Bosio, ma il suo tiro esce a lato.

Arsaghese-Valceresio 2SECONDO TEMPO – Il secondo tempo riprende sulla falsa riga del primo. Al 3’ Piccinotti ruba la palla a Bernasconi, ma la difesa biancorossa riesce a salvare. Al 6’ l’Arsaghese protesta per un mancato rigore; un minuto più tardi Gandolfo sfiora la magia da punizione. Al 10’ da corner Soave riesce a prevalere e fare sponda in mezzo per Piccinotti che impatta male. Al 13’ i padroni di casa creano l’occasione per riaprire il match con un tiro-cross del neo-entrato Brivio che scheggia la traversa. Da questo momento in poi l’Arsaghese rinuncia ad attaccare con continuità e si adegua al gioco quasi passivo degli avversari, che preservano il match. Al 25’ Ndzie spizza alto da calcio d’angolo, poi anche Soave incorna male. Al 39’ i giochi però si chiudono definitivamente: un corner basso sorprende tutti e premia l’inserimento lampo di Ndzie. L’Arsaghese subisce una pesante sconfitta in casa, ma senza mai smettere di lottare e di giocare un buon calcio. Grande prestazione invece per gli ospiti, che propongono un buon gioco con ottimi giocatori offensivi. Unica nota stonata è l’infortunio di Ponti, costretto ad uscire a fine primo tempo per un infortunio alla caviglia decisamente da non sottovalutare.

I MIGLIORI IN CAMPO
Tamborini (Arsaghese) – voto 6:
lotta, corre, pressa e recupera molti palloni nella propria metà campo. Lottatore prezioso.
Piccinotti (Valceresio) voto 7: propone grande qualità e passaggi illuminanti, giocatore importante per la manovra offensiva.

IL TABELLINO
Arsaghese – Valceresio 0-3 (0-2)
Arsaghese:
Cardi 5,5, Bernasconi 5,5 (dal 20’st Baratelli 5,5), Castoldi (dal 36’st Carù sv), Carnaghi 5,5 (dal st Caimano 6), Mai 6, Guidali 5,5 (dal st Brivio 5,5), Fontana 6, Lo Bello 6, Palese 6, Gandolfo 5,5, Tamborini 6 (dal 40’st Gueye sv). A disposizione: Franishta, Mantovan e Conserva. Allenatore: Marsich.
Valceresio: Ambrosetti 6, Di Carluccio 6, Azzolin 6, Iori 6 (dal 20’st Ndzie 6,5), Soave 6, Carini 6, Favaretto 6,5, Robustellini 6 (dal 35’st Visconti sv), Ponti 7 (dal st Cinieri 6), Piccinotti 7 (dal 40’st Rigoni sv), Bosio 6 (dal 36’st Dell’Orto sv). A disposizione: Dicara e Lorenzo. Allenatore: D’Onofrio.
Arbitro: Sommaruga di Como 5,5.
Marcatori: 16’pt Favaretto, 18’pt Ponti; 39’st Ndzie (V).
Note: giornata soleggiata, campo in buone condizioni. Spettatori 100 circa. Ammoniti: Mai (A) e Soave (V); Tiri (in porta): 7(2) – 9(4); calci d’angolo 5-6; fuorigioco 1-0. Recupero: 4+5.

Inviato Nicolò Bonetti

RISULTATI E CLASSIFICA

Le altre partite

Vanzaghellese – Luino Maccagno 1-0 (1-0)
Vanzaghellese:
 Rogora, Cobianchi, Pisoni (dal 28’ st Moro), Lo Piccolo, Pastanella, Vago, Bellin (dal 40’ st De Paoli), Colombo (dal 31’ st Mombrini), Stefanazzi (dal 23’ st Ascente), Pisoni, Spadaccino (dal 38’ st Quaini). A disposizione: Mainini, Moro, Nisoli, Daggiano, Mombrini, De Paoli, Izzo, Quaini, Ascente. Allenatore: Trubia
Luino Maccagno: 
Braccio, Folisi, Iozzino, Bellini, Tansini (dal 30’ st Granai), Ghelfi, Matranga, Dozzio, Marku (dal 18’ st Silipo), Pittella, Notturno (dal 1’st Pizzuti). A disposizione: Passera, Silipo, Granai, Caputo, Parietti, Pizzuti, Arioli, Bosetti. Allenatore: Caporali
Arbitro: Machmoum di Gallarate
Marcatori: pt: 33’ Bellin (V)
Alla Vanzaghellese basta Bellin che nel primo tempo con uno stacco imperioso su cross di Pisoni Simone batte Braccio.
Nella ripresa il 2 a 0 potrebbe arrivare sia con Stefanazzi che con Spadaccino, ma la Vanzaghellese non è abbastanza lucida e ringrazia Rogora che è reattivo sulla girata di Pittella evitando così l’1 a 1. Al triplice fischio è 1 a 0, quanto basta per mettere in cassaforte i tre punti di oggi.

Folgore Legnano – Tradate 0-0 (0-0)
Folgore Legnano: Bertuola, Ristori, Castellotti, Cattaneo, Monti, Corizzo, Ciocia (dal 33’ st Bertola), Gagliardi, Scandroglio (dal 25’ st Colombo Federico), Moretta (dal 21’ st Favareto), Catalano. A disposizione: Colombo Andrea, Gadda, Chiodini, Cascelli, Giglio, Colombo Federico, Favareto, Maggio, Bertola. Allenatore: Colombo.
Tradate: Drago, Basaglia, Johnson (dal 41’ st Crivellari), Galluzzo Marco, Galluzzo Davide (dal 33’ pt Akpolat), Casotto, Verna, Calderaro (dal 14’ st Re), Rossato (dal 27’ st Battiston), Dama, Traore. A disposizione: Giugliano, Crivellari, Re, Battiston, Akpolat, Guerrini, Bossi, Marazzi, Penuccio. Allenatore: Belvisi.
Arbitro: Grassi di Gallarate
Partita da zero a zero tra Folgore Legnano e Tradate.
Le difese prevalgono sugli attacchi, solo due le occasioni da registrare: Catalano al 33’ del primo tempo impegna Drago in una parata a terra, il Tradate trova una chance, invece, allo scadere ma è attento Bertuola che devia oltre la traversa.

Ispra – San Marco 2-6 (1-3)
Ispra: 
Ottolini, Cerri, Dardha, Modde, Volorio, Lombardo, Marzetta, Golisciano, Francocci, Reggiori, Verde. A disposizione: Mattioni, Cerutti, Bina, Zaniboni, Lamorte, Gaballo, Sottocorna, Magistri, Montemezzo. Allenatore: Colombo
San Marco: 
Polimeni (dal 35′ st Pitaro), Principato, Bellin, Gallarati, Primi, Roncati, Vergari (dal 22′ st Corno), Salmoiraghi (dal 25′ st Lambertini), Napolitano, Vendemiati (dal 32′ Affinito), Bugini (dal 7′ st Cortellaro). A disposizione: Pitaro, Corno, Affinito, Possoni, Zekaj, Diouf, Cortellaro, Lambertini, Stagnitti. Allenatore: Marchiorato
Arbitro: Taborelli di Abbiategrasso
Marcatori: pt: 18’ Primi (S), 25’ Golisciano (I), 30’ Vergari (S), 38’ Gallarati (S); st: 3’ Marzetta (I), 7’ rig. Vendemmiati (S), 20’ Vergari (S), 30’ Affinito (S).
È goleada San Marco in quel di Ispra.
Già nel primo tempo gli uomini di Marchiorato mettono in chiaro le cose con Primi che di testa da corner la sblocca. Pareggia i conti Golisciano con un tiro da fuori, ma a riportare in avanti la San Marco è il giovane Vergari che trova un eurogol di controbalzo con palla nel sette. Prima del duplice fischio allunga Gallarati di testa dopo uno schema su punizione. L’Ispra rimane anche in dieci per l’espulsione di Verde, doppio giallo per lui.
Nella ripresa accorcia le distanze Marzetta che approfitta di un errato disimpegno di Primi con un tiro da fuori. Ma i bustocchi si scatenano: Gallarati conquista un rigore che Vendemmiati trasforma, Vergari è nuovamente abile quando si gira bene in area e di sinistro castiga Ottolini sfruttando l’assist di Cortellaro e proprio Cortellaro, al 30’ della ripresa, serve anche Affinito che chiude i conti sul 6 a 2. Prima vittoria della San Marco.

Cantello Belfortese – Brebbia 2-2 (2-0)
Cantello Belfortese: Boschini, Di Bari, Adamo, Bianchi A., Da Pos, Ossola, Montoli, Italiano, Giacopinelli, Pantelis, Fontana. A disposizione: Diaz, Mariano, Filippini, Motta, Arena Y., Arena F., Calemme, Bianchi M., Lazzarini. Allenatore: Saporiti
Brebbia: Lucisano, Tasco, Squizzato, Ventura, Rosadini, Frattini, Cizzico, Cunati, Ruffo, Milano, Mirabella. A disposizione: Ambrosetti, Louraini, Pascaus, Cattini, Marchesotti, Quadrelli, Bouraya. Allenatore: Della Rossa.
Arbitro: Grignani di Saronno
Marcatori: pt: 10’ Fontana (C), 35’ Ossola (C); st: 32’ Quadrelli (B), 35’ Milano (B).
Partita dal duplice volto quella tra Cantello Belfortese e Brebbia.
Nel primo tempo i padroni di casa vanno a segno con Fontana, che trova un bel piazzato dal limite su cross basso di Pantelis. Il raddoppio lo firma Ossola di testa al 35’, complice anche una deviaizone della retroguardia avversaria.
Nella ripresa, però, i gialloblù dimostrano di non avere nulla da perdere ed alzano il pressing. Dal 32’ al 35’ riportano tutto in equilibrio. Prima Quadrelli con un tiro ad incrociare e poi Milano di testa dopo una punizione.
Allo scadere Pantelis ha la chance buona per riportare in vantaggio i suoi ma la sua staffilata al volo si stampa sull’incrocio dei pali. Finisce 2 a 2.

Antoniana – Aurora Cerro Cantalupo 1-3 (0-2)
Antoniana: Heinzl, Venturelli, Muggeri, Badji, Negri, Ranieri, Macchi, Santaniello, Rondanini, Macretti, Venturelli. A disposizione: Paroni, Fruttarol, Ghislotti, Maglio, Corbetta, Tirdea, Ranieri. Allenatore: Canestrale
Aurora Cerro Cantalupo:
Arbitro: Flora di Gallarate
Marcatori: D’Ascanio (Au), Tapinetto (Au), Vernocchi (Au), Ranieri (An)
Torna al successo l’Aurora Cantalupo di mister Senziani che fa la voce grossa in casa dell’Antoniana.
Ad inserirsi nel tabellino marcatori sono D’Ascanio, Tapinetto e Vernocchi, mentre per i padroni di casa, che ancora non riescono ad acciuffare la prima vittoria stagionale, il gol della bandiera è di Andrea Ranieri.

In redazione Mariella Lamonica