Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Prima Categoria girone A

18^ giornata – Vincono Tradate, Gorla Maggiore e Arsaghese, Cairate ko in casa

TRADATE – Missione compiuta per il Tradate che tra le mura amiche supera la Folgore Legnano per 2-0 e ritrova i 3 punti dopo la sconfitta interna di domenica scorsa. Primo tempo controllato dal Tradate che non riesce però a trovare la via del gol; Folgore Legnano efficace in fase difensiva. Stesso copione nella ripresa, ma il muro ospite s’infrange al 26’ quando il neo-entrato Moretti scaraventa in porta il pallone perso clamorosamente da Bertuola, fino a quel momento uno dei migliori in campo. Allo scadere arriva anche il raddoppio firmato Knouzi.

Tradate-Folgore Legnano 2PRIMO TEMPO – Tradate in campo con l’offensivo 4-3-3 proposto da mister Belvisi che vuole dimenticare in fretta il brutto ko interno di domenica scorsa contro la Valceresio: Menescardi tra i pali è protetto dalla linea a quattro di difesa con Casotto e Crosti esterni che affiancano i centrali Galluzzo D. e Paolillo; Galluzzo M. diga di centrocampo con Verna e Basaglia mezzali chiamati ad ispirare il tridente offensivo composto da Re, Del Vecchio e Cosentino, con quest’ultimo che agisce da punta centrale. Modulo speculare per Garantola che cerca di risollevare la sua squadra dai bassifondi della classifica: Quaku è il centravanti, supportato sugli esterni da Tagliabue e Catalano; in cabina di regia prende posto Federico Colombo (’94) che viene affiancato da Ciocia e dal suo omonimo classe ’98. In difesa Moreli e Ristori sono i terzini che insieme alla coppia di centrali Cattaneo-Corizzo e al portiere Bertuola completano l’undici titolare. Avvio incerto della retroguardia di casa che perde qualche pallone di troppo nei pressi dell’area di rigore, ma la Folgore Legnano non riesce ad approfittarne. Col passare dei minuti il Tradate sale in cattedra e Del Vecchio colleziona tre buone occasioni in pochi minuti: al 14’ il suo colpo di testa è fuori di poco, mentre al 17’ e al 22’ è bravo Bertuola ad opporsi alle sue due conclusioni, non irresistibili va detto. Al 26’ è ancora Del Vecchio ad ispirare i suoi servendo con un preciso filtrante Re, ma il diagonale di destro dell’attaccante sibila a fil di palo. Alla mezzora si vedono finalmente gli ospiti con una conclusione dalla distanza fuori misura di Catalano. Al 32’ l’occasione più clamorosa: Re, lanciato a rete, supera l’uscente Bertuola e da posizione defilata coglie in pieno il palo; sulla ribattuta si avventa Casotto che colpisce a botta sicura, ma Gadda s’immola e riesce ad allontanare. Sul cambio di fronte Tagliabue spreca un buon contropiede preferendo il tiro, bloccato agevolmente da Menescardi, piuttosto che il servizio largo dove c’erano due compagni completamente soli.  Doppio cambio al 33’ per Belvisi con Gariboldi e Ristori che rilevano rispettivamente Crosti e Verna. Al 42’ altra occasione per il Tradate con la spizzata di testa di Galluzzo M. che non trova lo specchio della porta per questione di centimetri. È l’ultimo sussulto del primo tempo; il Tradate gioca meglio, ma la Folgore Legnano regge in fase difensiva.

Tradate-Folgore Legnano 3SECONDO TEMPO – In avvio di ripresa il Tradate continua il suo pressing offensivo, ma l’unica occasione che produce nel primo quarto d’ora è un colpo di testa fuori misura di Casotto al 5’. Dopo qualche fiammata iniziale il match cala notevolmente d’intensità e per registrare un’occasione da rete bisogna passare al 25’: Catalano si libera bene al limite dell’area e scarica un destro sporco che Menescardi controlla uscire a lato. Al 26’ il Tradate trova finalmente il gol con Moretti, entrato da meno di un minuto: errore clamoroso di Bertuola che, probabilmente abbagliato dal sole, si lascia sfuggire il pallone dopo un cross non irresistibile di Cosentino; sulla ribattuto il neo-entrato si fa trovare pronto e ribadisce in rete di giustezza. Al 37’ errore clamoroso di Re che sbaglia il retropassaggio e lancia a rete Catalano, ma è eccezionale l’intervento pulito di Paolillo che neutralizza l’offensiva avversaria. Il Tradate si abbassa e la Folgore Legnano prova l’assalto finale, ma i padroni di casa non hanno difficoltà a mantenere la porta inviolata. Allo scadere trova addirittura il raddoppio con Knouzi che lanciato a tu per tu contro il portiere non ha difficoltà ad infilare Bertuola per il 2-0 finale.

I MIGLIORI IN CAMPO
Moretti (Tradate) – voto 6.5
: entra e segna subito, sbloccando una partita che il Tradate sembrava non riuscire a portarsi a casa. Dopo il gol si abbassa insieme alla squadra e dà manforte in difesa.
Corizzo (Folgore Legnano) – voto 6.5: fino all’errore di Bertuala tutta la difesa ospite era stata impeccabile; il capitano è l’unico che tiene alta la guardia fino al 90’.

I COMMENTI
Carlo Belvisi (allenatore Tradate)
: “Era importante reagire dopo domenica scorsa, e la reazione c’è stata. Bella prestazione, forse meritavamo anche di più, ma l’importante era portare a casa i tre punti. Continuiamo per la nostra strada. Il doppio cambio nel primo tempo? Nessuna scelta tecnica, ma entrambi erano acciaccati”.
Stefano Garantola (allenatore Folgore Legnano): “Sconfitta meritata, non abbiamo fatto niente e quando giochi così meriti di perdere; non c’è altro da aggiungere, così non ci siamo. Cosa ci manca? Qualche giovane in più, ma soprattutto un’altra mentalità. Morelli? Distorsione alla caviglia”.

IL TABELLINO
TRADATE – FOLGORE LEGNANO 2-0 (0-0)
Tradate
: Menescardi 6, Casotto 6.5, Crosti 5.5 (dal 33’ pt Gariboldi 6), Galluzzo M. 6, Paolillo 6.5, Galluzzo D. 6, Re 6.5, Basaglia 6.5 (dal 25’ st Knouzi 6.5), Cosentino 6, Verna 5.5 (dal 33’ pt Broggi 6), Del Vecchio 6.5 (dal 25’ st Moretti 6.5). A disposizione: Nidoli, Knouzi, Moretti, Guerrini, Sementa. Allenatore: Belvisi
Folgore Legnano: Bertuola 5.5, Morelli sv (dal 15’ pt Gadda 6.5), Ristori 6, Colombo 6 (dal 38’ st Ferrario sv), Cattaneo 6, Corizzo 6.5, Ciocia 5.5 (dal 25’ st Chiodini), Colombo 5.5, Quaku 5, Tagliabue 5.5 (dal 24’ st Gallo 6), Catalano 6. A disposizione: Garghetti, Maggio, Giglio, Ferrario. Allenatore: Garantola
Arbitro: Marasco di Saronno
Marcatori: st: 26’ Moretti (T), 48’ Knouzi (T).
Note: soleggiato, campo in discrete condizioni. Spettatori: circa 50. Ammoniti: Basaglia (T). Angoli: 6-2. Recuperi: 2+3.

Inviato Matteo Carraro

ARSAGO SEPRIO – Il tanto atteso big match della seconda giornata di ritorno tra Arsaghese e CAS disattende le aspettative, con una partita bloccata dalle incertezze di entrambe le compagini e un episodio determinante che sblocca e determina l’incontro. A spuntarla è l’Arsaghese che porta a casa tre punti d’oro per la zona playoff con il risultato di 1-0. Amaro in bocca, invece, per gli ospiti che recriminano su alcuni episodi e non sfruttano le occasioni create, pur giocando meglio degli avversari.

Arsaghese-CasPRIMO TEMPO –  L’avvio di gara sembra essere promettente per la squadra casalinga con diversi scambi sulla fascia che portano spesso al cross Conserva, ma sfumano quando la palla giunge in area di rigore. Palese è il più attivo dei suoi e prova subito a spostare gli equilibri della gara, prima con un colpo di testa a lato al 3’ poi con un slalom in area che trova la pronta risposta di Ferni al 11’. Al 19’ l’Arsaghese reclama un calcio di rigore a seguito dell’atterramento di Carù in area, ma l’azione prosegue e Rossi non riesce ad inquadrare la porta da pochi passi. Il CAS risponde alle offensive rossonere solo al 23’ grazie ad una punizione di Alessi, allungata in calcio d’angolo. Proprio sul corner, la splendida coordinazione di Dugnani da fuori area dà vita ad un preciso tiro nell’angolino, cui Cardi si contrappone con una prodigiosa risposta. Ancor più clamorosa è l’occasione che capita sui piedi di Iorfida al 27’: il centrocampista stoppa un pallone in area di rigore, ma svirgola da due passi. Il primo tempo si conclude sostanzialmente con altre occasioni degli ospiti, soprattutto al 39’ quando Cavaleri innesca Negri, il quale sfiora di testa un pallone pericoloso.

Rigore ArsagheseSECONDO TEMPO –  La ripresa continua sulle orme di come era terminata la prima frazione di gioco. Il CAS continua a fare gioco e prova più volte il tiro a rete: al 7’ la punizione di Alessi è preda facile per Cardi, mentre un’altra clamorosa occasione capita sui piedi del neo-entrato Nardone che spara alta una palla che attraversa l’area di rigore al 14’. L’Arsaghese si ripropone in avanti solo al 20’ grazie a Caimano, abile a dribblare un paio di difensori e calciare potente dal limite, senza però preoccupare l’estremo difensore ospite. A sorpresa, però, la squadra di casa trova il vantaggio su calcio di rigore: Conserva si propone sulla fascia e offre una palla filtrante a Palese, il quale si inserisce in area e viene ingenuamente atterrato. Al 39’ la trasformazione dello stesso Palese porta in vantaggio l’Arsaghese. Gli ospiti, a questo punto, tentano di spingersi in avanti anche attraverso i nuovi ingressi dalla panchina, ma le occasioni più nitide sfumano e confermano il risultato. L’Arsaghese vince lo scontro diretto pur soffrendo molto le incursioni avversarie del CAS, che sicuramente perde un’occasione importante per restare in zona playoff e può rimproverarsi la poca concretezza sotto porta.

I MIGLIORI IN CAMPO
Palese (Arsaghese) – voto 7:
Decide il match su calcio di rigore e si propone in avanti con rapidità e freschezza, rendendosi pericolo tra le linee.
Alessi (CAS) voto 6: Il più proposito tra i suoi. Si rende pericoloso attraverso i calci piazzati e tenta più volte l’uno contro uno, senza trovare fortuna.

I COMMENTI
Marsich (allenatore Arsaghese):
“Teniamo buono il risultato, ma prestazioni che non devono ripetersi dal punto di vista del gioco e dell’affanno finale”.
Cau (allenatore Club Amici dello Sport): “Pensavo che il 3-5-2 fosse la formazione migliore per giocare bene e sono contento della prestazione della squadra. Ci manca sempre il tiro quando arriviamo sotto porta. Partita decisa da un episodio, peccato per i risultati degli scontri diretti che ci svantaggiano”.

IL TABELLINO
Arsaghese – Club Amici dello Sport 1-0 (0-0)
Arsaghese:
Cardi 6, Conserva 6,5, Castoldi 6, Sciarini 6, Mai 6,5, Nebuloni 5, Caimano 6,5 (dal 44’ st Pacchioni sv), Mantovan 6,5 (dal 35’ st Lo Bello 5,5), Carù 5,5 (dal 15’ st Guidali 5,5), Rossi 6 (dal 40’st Brivio sv), Palese 7. A disposizione: Franishta, Colombo, Tamborini. Allenatore: Marsich.
Club Amici dello Sport: Ferni 6, Panarese 6, Cavaleri 6, Dugnani 6, Iorfida 5,5, Re 5,5, Lodedo 5,5 (dal 34’ st Bolognini 5,5), Azimonti 5,5, Negri 5 (dal 36’ st Zaroli sv), Agrello 6 (dal 1’ st Nardone 6) , Alessi 6. A disposizione: Melchiorre, Mariani, Rizzo, Macchi. Allenatore: Cau.
Arbitro: Pavesi di Milano 5,5.
Marcatori: st: 33’ rig. Palese (A).
Note: giornata serena e campo in buone condizioni, spettatori 60 circa. Ammoniti: Mantovan (A), Cavaleri e Alessi (CAS); espulso: Nebuloni (A) per doppia ammonizione.Tiri (in porta): 9(4) – 11(5); calci d’angolo: 5-6; fuorigioco: 2-4; recupero: 1+4.

 

Inviato Nicolò Bonetti

RISULTATI E CLASSIFICA

Le altre partite

Antoniana-Valceresio 2-1  (2-1)
Antoniana
: Salvadori, Moro, Cuviello (dal 15’ st Saporiti), Lo Piccolo, Di Bari, Pastanella (dal 10’ st Negri), Macchi (dal 35’ st Niang), Ferrario (dal 30’ st Zaro), Anapetre, Pignataro, Monticelli. A disposizione: Paroni,  Corbetta, Bongiorno. Allenatore: Airoldi.
Valceresio: Dicara, Favaretto, Quiroz (dal 32’ st Nigro), Bosio, Soave (dal 40’ st Visconti), Carini, Di Carluccio, Italiano, Turri, Picinotti, Furlan (dal 25’ st Iori). A disposizione: Pugliese, Giardino, Rigoni, Ndizie. Allenatore: D’Onofrio.
Arbitro: Barcella di Gallarate.
Marcatori: pt: 13’ Carini (V), 18’ Ferrario (A), 23’ Macchi (A).
Parte bene la Valceresio che passa in vantaggio  al 13’ con Carini che al volo di destro deposita in rete una punizione di Italiano. Il pareggio dei padroni di casa arriva al 18’ con Ferrario che calcia di prima intenzione un diagonale dalle sinistra che batte Dicara. La rete del vantaggio dell’Antoniana al 23’, Macchi, servito da Anapetre, scatta sul filo del fuorigioco e con un pallonetto beffa Dicara in uscita. Nella ripresa assedio della Valceresio che si vede annullato un gol a Piccinotti.

Gorla Maggiore-Ispra 1-0  (0-0)
Gorla Maggiore:
Marrazzo, Favaretto, Husci, Saramin (dal 35’ st Manchara), Di Simone, Bernasconi, Strazzella, Mazzon, Felice, Ippolito (dal 25’ st Sangiorgi), Falsaperna. A disposizione: Savastano, Bernacchi, Paltani, Bene, Argetnit. Allenatore: Piana.
Ispra: Khingava, Oldrini, Dardha (dal 40’ st Magistri), Palatrasio, Molinari, Mazzotta, Ambrosoli, Lombardo (dal 25’ st Lamorte), Reggiori, Golisciano, Verde. A disposizione: Mattioni, Cerutti, Magistri, Lamorte, Sottcorna, Cazzulli. Allenatore: Colombo.                                                                                                                                                                                                                                                                   Arbitro: Legnazzi di Gallarate.
Marcatori: st: 4’ Ippolito (G).
Nella prima frazione partita equilibrata e gioco che staziona a centrocampo. A inizio ripresa il Gorla Maggiore trova il vantaggio con Ippolito che, innescato da un lancio di Saramin, scarta il diretto avversario e batte Khingava con un preciso diagonale. Al 20’ espulsione diretta di Strazzella per fallo di reazione. Nonostante il vantaggio numerico l’Ispra non riesce a scardinare l’attenta difesa dei padroni di casa.

Cairate-Vanzaghellese 0-1 (0-1)
Cairate
: Piuri, Algeri, Cattini, Curatolo A., Barbagallo, Ghiringhelli, Cobianchi (dal 1’ st Shabaj, dal 18’ st Mura), Curatolo F., Diedhiou, Mirabella (dal 23’ st Cattagni), Pedotti (dal 39’ st Federico). A disposizione: Prederi, D’Alessandro, Cattagni, Diomande. Allenatore: Curatolo
Vanzaghellese: Mainini, Grassi, Pisoni, Mombrini, Finato, Foglia, Bellin (dal 41’ st Ghelfi), Vago, Marazzi (dal 32’ st Vacirca), Armentano (dal 38’ st Rivolta), Gandolfo. A disposizione: Pitaro, De Laurentis, Bettio, De Fazio. Allenatore: Trubia.
Arbitro: Bertin di Como
Marcatori: pt: 1’ Bellin (V).
In una partita povera di emozioni e  di gioco, la Vanzaghellese trova la rete che decide l’incontro al primo minuto, su rilancio di Piuri palla che carambola su Bellin e finisce in rete. Per i padroni di casa nella ripresa ci prova Curatolo Antonio con un tiro da fuori area che pecca di precisione.

Luino Maccagno-Tre Valli 1-1 (0-0)
Luino
: Braccio, Vigano (dal 42’ st Silipo), Cortez A. (dal 30’ st Bosetti), Pollio, Castorino (dal 32’ st Galbiati), Iozzino (dal 40’ st Ghelfi), Tansini, Cortez C., Lucchini, Diana (dal 38’ st Ferrini), Morandi (dal 45’ st Belkhadir). A disposizione: Crugnola, Ghelfi, Ferrini, Silipo, Galbiati, Belkhadir. Allenatore: Albertoli
Union Tre Valli:
De Leo, Campana, Bosetti, Trizio, Bellini, Gilardi, Testa, Dozzio, Tafuri, Binda, Touili. A disposizione: Lucisano, Gandini, Delrio, Frigeri, Follis, Bouraya. Allenatore: Vincenzi.
Arbitro: Borella di Saronno.
Marcatori: st: 2’ Tafuri (U), 49’ rig. Cortez C. (L)
Primo tempo con gioco che ristagna a centrocampo e portieri disimpegnati. Nella ripresa passano subito gli ospiti con un’azione in contropiede conclusa dal vincente colpo di testa di Tafuri. Veemente reazione dei padroni di casa che trovano il pareggio in pieno recupero con un calcio di rigore trasformato da Carlos Cortez.

In redazione Marco Gasparotto