Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Prima Categoria girone A

12^ giornata – Il Cas vince il derby nel finale, big match alla Valceresio. Bene il Brebbia, Ispra ko

BUSTO ARSIZIO – Ennesimo derby a Busto Arsizio dove si affrontano Cas Sacconago e San Marco. Ventuno punti per i ragazzi di casa, quattordici per gli ospiti, ma è la classica partita dove la classifica conta poco. Super Berton doppietta letale che castiga una San Marco mai doma, capace di acciuffarla con un eurogol di Migliore, ma anche di vedersi strappare un punto che sarebbe stato legittimo al 91’. Cas batte San Marco 2 a 1.

CasPRIMO TEMPO – Inizia a ritmi alti il derby bustocco, con Berton che ha una chance d’oro dentro l’area, controllo e tiro ma il numero nove viene stoppato da Gallarati, essenziale in questo caso. Al 14’, dopo un paio di conclusioni dalla distanza di poco conto, il Cas è già costretto al primo cambio: Vacirca ha la peggio in un contrasto con Landonio ed è costretto a lasciare il campo., al suo posto c’è Castiglioni che si sistema al centro della difesa con Oldani e lascia scalare a destra Tirelli. Al 18’ Salmoiraghi prova ad inventare per Diouf, bella palla l’attaccante forse attende un rimbalzo di troppo poi tenta col destro ad incrociare manda oltre la traversa. Si gioca molto a centrocampo, è una gara viva fra due squadre compatte che difficilmente concedono spazi. Si supera Pitaro quando da corner dice no al colpo di testa di Oldani, sfruttando poi anche un rimpalloAl 39’, dopo venti minuti di zero occasioni, ce n’è una importantissima per la squadra di casa che vede Azimonti scippare palla al limite e rifornire Berton sul filo del fuorigioco, il centravanti cerca il palo lungo e di un niente non lo trova. La risposta della San Marco sta nel sinistro di Napolitano che però dopo una bella discesa sulla fascia prova la conclusione diretta trovando solo l’esterno della rete, avrebbe potuto metterla in mezzo. La gara non decolla, le squadre non sono affatto rinunciatarie ma non riescono a trovare il guizzo o la giocata giusta, in sostanza in questi primi 45 minuti sono state le difese a prevalere sugli attacchi.

San MarcoSECONDO TEMPO – Si riparte con una San Marco arrembante ma sono ancora i locali ad avere una palla da gol praticamente perfetta su cui però non si fa trovare pronto Cavaleri che dentro l’area piccola,  a porta sguarnita, dovrebbe solo appoggiare, ed invece in scivolata la stampa sulla traversa. Sul fronte opposto c’è un Diouf scatenato che macina km e strappa palloni, conquistando anche calci da fermo su cui però la San Marco non riesce a lasciare il segno. Ci prova Caccia al 15’ e al 17, ma in entrambe i casi il suo destro è debole ed impreciso. Altra buona palla per Nardone, il numero quattro tenta di testa da appena dentro l’area, ma non va a bersaglio. A bersaglio ci va al 20’ Berton che riceve da Nardone in profondità, bravo ad approfittare di una palla vagante, e a tu per tu non perdona. Devono reagire i biancoblù, lo fanno con il sinistro al volo di Lambertini, sfera deviata e solo corner. Ma la San Marco c’è eccome, i tifosi partono con i cori Migliore gli regala una perla in rovesciata dopo un ottimo controllo che vale l’1 a 1. Stavolta sono i ragazzi di Cau ad accusare il colpo e per poco non vanno addirittura sotto quando sull’azione seguente un’azione insistita in area, dove la difesa di biancorossa ci mette le pezze, alla fine vede Diouf in acrobazia mandare la sfera alta. Nonostante le squadre siano abbastanza spaccate adesso, nessuno ha voglia di accontentarsi e la squadra di casa lo dimostra per due volte nel giro di pochi minuti: l’ex Caccia prima trova la risposta pronta di Pitaro, Berton poi di testa ha un ottimo stacco ma una pessima mira. L’asse Gallarati – Diouf costruisce un’azione da manuale con un assist bellissimo del primo ed un lob del secondo che meriterebbe la rete ma anche stavolta palla sopra la traversa. I biancorossi cincischiano, la San Marco non va per il sottile e con grande lucidità continua a costruire bene. La manovra Migliore – Gallo – Migliore vede la conclusione di quest’ultima deviata in corner, dalla bandierina Salmoiraghi stacca più in alto di tutti ma la stampa sulla traversa. E poi quando meno te lo aspetti arriva il gol che riporta il Cas davanti: la San Marco gestisce male una palla in mezzo al campo, Turconi la recupera e rifornisce perfettamente Berton, l’attaccante è ancora prontissimo e beffa Pitaro con l’esterno sul secondo palo. C’è solo il tempo per un paio di minuti di recupero in cui non succede più nulla. Cas batte San Marco 2 a 1.

I MIGLIORI IN CAMPO
Berton 7.5 – Amici dello Sport:
aspettava questo momento da tempo, si è fatto trovare prontissimo in una gara difficile concedendo una doppietta di livello assoluto.
Migliore 7.5 – San Marco: la rovesciata vale il prezzo del biglietto, ci prova sempre con una costanza incredibile e tanta qualità.

I COMMENTI
Cau (allenatore Amici dello Sport):
Ci siamo tolti una bestia nera diciamolo subito perché loro sono una buonissima squadra che non molla mai e si è visto, dovevamo essere più cinici dopo l’ 1 a 0 e più lucidi anche nel finale perché po magari gestisci male una palle e la paghi. Berton fondamentale? Beh lo abbiamo preso per questo, il secondo gol è strepitoso, è l’unico attaccante che abbiamo con queste caratteristiche“.
Marchiorato (allenatore San Marco):Cosa devo dire, ancora una volta paghiamo dazio nei minuti finali, è incredibile, dopo una grandissima gara penso che il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, ho poco da rimproverare ai ragazzi, ma continuiamo a lavorare perché il nostro obiettivo di arrivare a 18 punti entro la fine dell’andata è lì che ci aspetta; ci ha puniti Berton, giocatore che lo scorso anno avevo a Morazzone, è pazzesco, è di un’altra categoria“.

IL TABELLINO
Amici dello Sport – San Marco 2-1 (0-0)
Amici dello Sport:
Ferni 6, Vacirca sv (dal 14’ pt Zaroli 5.5 – dal 27’ st Oprandi 6), Bolognini 6, Nardone 6.5, Tirelli 6.5, Oldani 6.5, Caccia 6.5, Azimonti 6 (dal 42’ st Castiglioni sv), Berton 7.5 (dal 48’ st Panarese), Turconi 6.5, Cavaleri 5.5. A disposizione: Melchiorre, Alessi, Oprandi, Castiglioni, Panarese, Zaroli, Iorfida. Allenatore: Cau
San Marco: Pitaro 7, Bugini 6.5, Landonio 6, Salmoiraghi 6.5 (dal 2’ st Vergari), Gallarati 7, Roncato 6.5, Lambertini 6, Possoni 6, Napolitano 6 (dal 31’ st Gallo 6), Migliore 7.5., Diouf 7. A disposizione: Polimeni, Corno, Affinito, Vergari, Andreolli, Gallo, Petenà, Caponio, Kuklev. Allenatore: Marchiorato.
Arbitro: Zanichelli di Legnano
Marcatori: st: 20’ e 45’ Berton (A), 25’ Migliore (S),
Note: Giornata nuvolosa, terreno pesante, spettatori 50 circa. Ammoniti: Tirelli (A), Bolognini (A), Bugini (S) Angoli: 3-5 Recupero: 0’+4’.

Inviata Mariella Lamonica

____________________________________________________________________________

ARCISATE –  Un ottimo Gorla Maggiore, che domina la partita giocando bene, esce beffardamente sconfitto dal match clou di giornata. Brava la Valceresio a trovare subito il vantaggio con Azzolin e a difendersi con ordine e attenzione per tutti i novanta minuti, concedendo poche conclusione agli ospiti. Nel finale dell’incontro il raddoppio dei padroni di casa porta la firma del rientrante Ponti sugli sviluppo di un calcio da fermo.

ValceresioPRIMO TEMPO – La Valceresio passa in vantaggio alla prima sortita offensiva, Di Carluccio avanza sulla fascia destra cross di interno a uscire dalla trequarti, uscita del giovanissimo estremo difensore ospite Massarutto, respinta che finisce sui piedi di Azzolin, bravo a spedire in porta con un sinistro al volo di prima intenzione. Il Gorla Maggiore colpito a freddo non si scompone e comincia a fare la partita, giocando con una difesa alta e una buona circolazione di palla. Ospiti che imprimono il ritmo al match,padroni di casa  che si difendono con dieci uomini dietro la linea della palla e si affidano alla ripartenze. Pochi gli spazi per le avanzate del Gorla Maggiore che arriva al tiro al 24’ con una conclusione dalla lunga distanza di Puricelli che Di Cara blocca senza problemi. Le ripartenze ospiti non trovano impreparato Massarutto bravo e coraggioso a uscire anche fuori area per giocare da difensore aggiunto. La più nitida occasione di pareggio per gli ospiti arriva su una ripartenza con Puricelli che serve in profondità Falsaperna che con bravura ed esperienza si libera di Di Carluccio prima e Soave poi, il suo destro piazzato dalla corta distanza trova la pronta  deviazione in area Di Cara. Ancora Gorla al tiro al 39’ conclusione da furoi area di Pietrobono, collo destro ben calciato, ma palla centrale, Di Cara blocca. Prima del duplice fischio c’è tempo per un destro a giro di Husci che finisce non lontano dall’incrocio dei pali.

GorlaSECONDO TEMPO –  La ripresa inizia senza novità tra i ventidue in campo. Come nel primo tempo è il Gorla a fare la partita stabilendosi nella metà campo dei padroni di casa. Il Gorla insiste nella ricerca del gol con il suo gioco palla a terra e la ricerca del fasce, la Valceresio si difende bene. Con il passare dei minuti sale il tasso agonistico e crescono gli spazi per le ripartenze dei padroni di casa. Portieri inoperosi. Al 25’ punzione dalla trequarti di Puricelli, tocco al volo di Morello palla fuori di poco. Cresce la pressione del Gorla. Azione personale di Ippolito fuori dall’area, palla che finisce sui sinistro di Puricelli, conclusione tesa e violenta di prima intenzione, sfera di poco alta sopra la traversa. Al 32’ contropiede della Valceresio, Cinieri mette un a palla filtrante per Picinotti che vince il rimpallo su Massarutto in uscita fuori area, palla che si alza con una parobola verso la porta, prima che valichi la riga, libera Bahamad. Al 40’ la Valceresio raddoppia: da una caparbia azione personale di Azzolin sulla sinistra scaturisce una punizione, della battuta  si incarica Cinieri, cross teso in mezzo, tocco al volo di Ponti e palla all’incrocio. Il finale è surriscaldato con la Valceresio che spreca la palla del 3-0 con Rigoni che spedisce alto da ottima posizione.

I MIGLIORI IN CAMPO
DI CARA 7  VALCERESIO
: “Sempre ben posizionato, nel primo tempo compie una parata decisiva su Ippolito”.
PURICELLI 7.5  GORLA MAGGIORE: “Chiude e imposta senza sprecare un pallone. Arriva anche alla conclusione. Giocatore completo”.

I COMMENTI
D’Onofrio (allenatore Valceresio):
“Tre punti importanti contro un’ottima squadra, noi bravi in fase difensiva. Dobbiamo migliorare le situazioni di possesso palla e le ripartenze”.
Contaldo (allenatore ): “Sono contento per quanto espresso in campo dalla mia squadra. Dobbiamo essere più cattivi sotto rete- Loro bravi a fare i gol”.

IL TABELLINO
Valceresio
-Gorla Maggiore  2-0 (1-0)
Valceresio
:Di Cara 7, Di Carluccio 6.5, Dell’Orto 6.5, Robustellini 6, Soave 6.5, Carini 6.5, Cinieri 6.5 ( 45’ st Baraozzi sv) Ndzie 6, Azzolin 6.5, Piccinotti 6 (39’ Rigoni SV), Bosio 6 (24’ st Ponti 6). A disposizione: Ambrosetti, Visconti, Giardino, Iori. Allenatore: D’Onofrio.
Gorla Maggiore
: Massarutto 6, Pietroboni 6.5, Husci 6.5, Di Simone 6.5 (5’ st Rimoldi 6), Caristina 6.5, Bahamad 7, Voltan 6.5 (34’ st Bene 6), Puricelli 7.5, Morelli 6.5 (25’ st Mahracha 6), Ippolito 7, Falsaperna 6.5. A disposizione: Flora, Bene, Ruggia, Bernasconi, Antonini. Allenatore: Contaldo.
Arbitro:
Sig. Jon Alia di Milano.
Marcatori: pt:: 4’ Azzolin (V); st: 40’ Ponti (V).
Note: Spettatori 100 circa. Angoli: 4-5. Recupero: 1+5.

Inviato Marco Gasparotto

FOTOGALLERY Valceresio-Gorla Maggiore 14 Valceresio-Gorla Maggiore 09 Valceresio-Gorla Maggiore 05

 

 

 

RISULTATI E CLASSIFICA

 

Le altre partite

Vanzaghellese-Ispra 1-0 (1-0)
Vanzaghellese
: Rogora, Cobianchi, Grassi, Lo Piccolo, Vago, Villa, Bellin (dal 27’ st Ascente), Mombrini, Izzo (dal 47’st Nisoli), Pisoni (dal 12’ st Daggiano), Spadaccino (dal 15’ st Stefanazzi). A disposizione: Mainini, Pisoni, Nisoli, Daggiano, Pastanella, De Paoli, Stefanazzi, Quaini, Ascente. Allenatore: Trubia
Ispra: Sabatino, Cerruti, Cerri (dal 8’ st Lombardo – dal 36’ st Montemezzo), Modde, Becerri, Gaballo, Marzetta, Dardha, Verde, Golisciano, Reggiori (dal 7’ st Sottocorna). A disposizione: Ottolini, Piras, Magistri, Lombardo, Sottocorna, Montemezzo, Cammarata. Allenatore: Pasetti
Arbitro: Marelli di Como
Marcatori: pt: 13’ Spadaccino (V)
Ci pensa Spadaccino a tenere in vetta la Vanzaghellese.
L’attaccante trova la rete già al 13’ quando riceve da Vago, salta due avversari e poi con il destro batte Sabatino. La squadra di casa potrebbe raddoppiare con Izzo prime e con Bellin poi ma non riesce a portarsi sul 2 a 0.
Nella ripresa qualche chance anche per l’Ispra con Golisciano su calcio piazzato, poi proprio gli ospiti tentano il pressing finale ma non riescono a concretizzare nulla, la Vanzaghellese resta in altissimo.

Antoniana – Cantello Belfortese 3-1 (1-0)
Antoniana
: Heinzl, Negri, Venturelli, Badji, Larocca, Ranieri, Venturelli, Santaniello, Ranieri, Corbetta, Macretti (dal 24’ st Macchi). A disposizione: Paroni, Maneggia, Fruttarol, Tirdea, Macchi, Rondanini. Allenatore: Montemezzani
CantelloBelfortese: Boschini, Motta (dal 1’ st Ossola), Adamo, Arena, Da Pos, Di Bari, Fontana, Italiano (dal 12’ st Arena), Candeloro (dal 26’ st Giacopinelli), Pantelis, Lazzarini. A disposizione: Diaz, Ossola, Mariano, Filippini, Calemme, Giacopinelli, Markaj, Bianchi, Arena. Allenatore: Saporiti
Arbitro: Colombo di Varese
Marcatori: pt: 26’ Ranieri A (A); st: 3’ Ranieri A (A), 39’ Corbetta (A), 41’ Ossola (C)
Non era ancora arrivata la prima vittoria dell’Antoniana in questo campionato, succede oggi contro un Cantello Belfortese in un periodo nero.
Il primo gol lo firma A. Ranieri che su assist di Santaniello, trova un pallonetto al volo che vale l’1 a 0. Per il raddoppio bisogna aspettare l’inizio del secondo tempo e la firma è ancora di A. Ranieri che questa volta sfrutta una ribattuta di Boschini dopo un tiro di Santaniello. La gara s’innervosisce, il Cantello non riesce ad accorciare e al 39’, dopo una bella azione corale, c’è anche il tris questa volta con Corbetta che finalizza con un bel diagonale. La reazione varesina è tardiva, Ossola di testa rende meno amare la sconfitta. Al triplice fischio è 3 a 1.

Folgore Legnano-Arsaghese 0-0 (0-0)
Folgore Legnano:
Bertuola, Panozzo, Castellotti, Re. Monti, Corizzo, Ciocia (dal 37’ st Colombo F.), Russo, Gazzardi, Moretta, Catalano. A disposizione: Colombo A., Cascelli, Cattaneo, Colombo F., Ristori, Chiodini, Gadda. Gagliardi, Favareto. Allenatore: Colombo
Arsaghese: 
Cardi, Conserva, Castoldi, Diedhiou (dal 22’ st Fontana), Mai, Nebuloni, Palese (dal 37’ st Caimano), Lo Bello, Gueye, Gandolfo (dal 45’ st Mantovan), Tamborini (dal 20’ st Guidali) A disposizione: Curia, Bernasconi, Carnaghi, Mantovan, Guidali, Brivio, Fontana, Caimano. Allenatore: Marisch
Arbitro: Bacarella di Gallarate
Finisce a reti bianche tra Folgore Legnano e Arsaghese.
Sono i padroni di casa a creare di più. Nel primo tempo Panozzo mette in mezzo per Castellotti, a botta sicura il numero tre spara fuori di poco. L’Arsaghese si salva anche quando Ciocia in mischia trova la respinta della retroguardia biancorossa a pochi passi dalla porta.
Nella ripresa ci prova Catalano con un colpo di testa che sfiora l’incrocio, poi lo stesso attaccante trova l’opposizione di piede di Cardi e Cardi a bravo a dire di no anche ad un tiro da fuori di Moretta. Sul finale chance per Fontana M. che di testa, dopo una punizione, non va in rete grazie all’ottimo riflesso di Pansera.

Aurora Cerro Cantalupo – Luino Maccagno 6-0 (3-0)
Aurora Cerro Cantalupo
: Pansera (st Borsani), Busatto, Simone, Vernocchi, Banfi (st Cossu), Bortignon, Moretta (st Thoilard), Mencarelli, Ruggeri, (st Gioeli) D’Ascanio, Tapinetto (st El Atrouchi). A disposizione: Borsani, Gilardengo, Thoilard, Cossu, Alves, Pasotti, Virilli, Castelli, Mpongui. Allenatore: Senziani
Luino Maccagno: 
Braccio, Ghelfi, Pizzuti, Bellini, Dozzio, Berisha, Notturno, Pezzi, Silipo, Tansini, Granai. A disposizione: Passera, Folisi, Caputo, Arioli. Allenatore: Caporali
Arbitro: Al Noman di Abbiategrasso
Marcatori: pt: 20’ 35’ Ruggeri (A), 22’ D’Ascanio (A); st: 2’ rig. Ruggeri (A), 15’ rig. D’Ascanio (A), 44’ El Atrouchi (A)
Gara a senso unico che finisce in goleada per l’Aurora di mister Senziani.
Sugli scudi il solito bomber Ruggeri, a segno con un’altra tripletta delle sue. Proprio lui la sblocca al 20’ con una punizione. Due minuti più tardi raddoppio di D’Ascanio che insacca nell’angolinobasso beffando Braccio. Al 35’ ancora Ruggeri in azione personale, bravo a saltare l’uomo e poi a trovare il piazzato.
Nella ripresa sempre Ruggeri trasforma un calcio di rigore guadagnato da Simone, mentre al 15 a ripetersi a D’Ascanio che a sua volta dal dischetto non sbaglia. Infine tapjn vincente di El Atrouchi che prima si vede respinta la conclusione, poi con la sfera che gli torna sui piedi, si beve il diretto avversario e va al tiro su nulla può il portiere del Luino Maccagno.

Tradate – SolbiateseInsubria 2-3 (0-1)
Tradate
: Drago, Basaglia, Adejumboi, Galluzzo, Akpolat, Casotto, Re, Verna, Traore, Dama, Guerrini. A disposizione: Giugliano, Moretti, Battiston, Rossato, Calderaro, Bossi, Panuccio, Crivellari, Galluzzo. Allenatore: Belvisi
SolbiateInsubria: 
Assoumou, Ferrenti, Cosenza, Castelli, Broggini, Carantoni, Bossi, Monticelli, Ana Petre, Ventura, Cerutti. A disposizione: Carullo, Bossi, Lo Presti, Cafaro, Mattiuz, Visentin, Volante, Libralon, Lo Giudice. Allenatore: Casu
Arbitro: Meneghel di Gallarate
Marcatori: pt: 20’ Lo Giudice (S); st: 16’ Traore (T), 21’ aut. Guerrini (T), 31’ Dama (T), 47’ Ferrenti (S)
La SolbiateseInsubria strappa tre punti d’oro in casa del Tradate tra l’altro in una situazione di difficoltà vista l’espulsione di Monticelli già nel primo tempo.
A passare per primi sono proprio gli ospiti con Lo Giudice al 20’.
I padroni di casa rimettono tutto in equilibrio al 16’ della ripresa, grazie al gol di Traorè ma cinque minuti più tardi si complicano nuovamente la vita con l’autogol sfortunato di Guerrini. I ragazzi di Belvisi non ci stanno e al 31’ con Dama riportano il punteggio nuovamente in parità, ma la SolbiateseInsubria non muore mai e al 47’, stremata, grazie a Ferrenti trova la pesantissima rete del 2 a 3 finale, mettendo in cassaforte altri tre punti pesantissimi.

Union Tre Valli-Brebbia 0-2

 

In redazione Mariella Lamonica