Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Pro Patria

Asmini: “Battuta una grande squadra”. Piras: “Gol per la mia famiglia”

Tanto intensa la partita, quanto soft il dopo gara. Succede. Soprattutto quando il match ha già detto abbastanza. E non c’è poi molto da aggiungere. A fare compagnia ad Andrea Scandroglio (nuovamente in panca in luogo dello squalificato Bonazzi), il DG Salvatore Asmini che amplifica il perimetro del successo: “Dobbiamo guardare partita per partita. Oggi abbiamo battuto una grande squadra. A mio avviso, la migliore del campionato per organizzazione di gioco e per qualità dei singoli. Abbiamo un gruppo valido e ben costruito dove chi entra non fa rimpiangere chi esce. La mia più grande soddisfazione è di avere portato a Busto Sandro Turotti”. Apprensione per le condizioni di Santana: “Ha avuto un problema al polpaccio (lo stesso dell’infortunio di Bolzano, ndr). Dobbiamo cominciare a preparare la trasferta di Lecco senza pensare che sia una passeggiata. Ho seguito la gara vicino a Bonazzi e ho visto quale attenzione abbia. Davvero maniacale. Mercato? La squadra è questa”. Per Scandroglio è giunto il momento di lasciare la panchina al titolare: “E’ stata una bella esperienza, ricca di emozione. Oggi la partita era stata preparata così, con il 3-4-3. I ragazzi si sono messi al lavoro con grande disponibilità”.

PirasDall’altra parte della barricata, a Madonna silente prova ad ovviare il DS Mirco Poloni: “Siamo partiti bene nel primo quarto d’ora. Dovevamo essere in vantaggio. Poi è arrivato quel gol strano e subito il raddoppio. C’era un rigore per noi ma non dobbiamo attaccarci a quello. Abbiamo costruito la squadra per giocare a calcio e dopo l’inizio della gara pensavamo fosse la giornata giusta. Un po’ leziosi? E’ il nostro limite”.

Unione sarda in campo e in sala stampa. Uno (Marco Piras) parla, l’altro (Roberto Cappai) osserva di sottecchi: “Era una partita difficile. Penso che ce la siamo cavata bene, con una bella prestazione. Il mio gol? La palla ha preso un giro strano. Lo dedico alla mia famiglia che mi è sempre stata vicina”. Dedicato a te. Vibrazioni positive.        

Giovanni Castiglioni

- LA PARTITA

- LE PAGELLE

LA FOTOGALLERY