Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio, Prima Categoria girone A

5^ giornata – Il Fagnano tiene la vetta, insegue il Tradate. Pari del Gorla, cade la Valceresio

FAGNANO OLONA – In casa della capolista Fagnano arriva l’Ispra Calcio, squadra con l’attivo 4 punti maturati in tre match giocati. Qualche defezione da un lato e dall’altro, ma squadre comunque agguerrite e vogliose di far bene. Dopo oltre 95’ minuti di agonismo puro la spunta il Fagnano che grazie ad un colpo di testa del suo capitano Cancian mette in tasca la 5° vittoria consecutiva. Peccato per l’Ispra che non demerita affatto ma che non riesce nemmeno a pareggiare i conti.

FagnanoPRIMO TEMPO – Ritmi blandi in avvio di gara da entrambe le parti, Fagnano e Ispra non si sbilanciano troppo e provano a studiarsi. La prima chance la fanno registrare gli ospiti con il colpo di testa di Oldrini su assist di Palatrasio, si allunga Bertagnoli che con la manona manda in corner. Troppi errori in fase d’impostazione per i locali, i biancorossi provano ad approfittarne guadagnando qualche metro e sbucando dalle parti del numero uno di casa sia con un calcio da fermo, che Corrado si fa parare in tuffo, sia con l’asse Fagnani – Reggiori, ma quest’ultimo dall’altezza del dischetto al volo manda alto. Gli uomini di Raza sono un po’ confusionari soprattutto in mezzo al campo, i bianconeri cercano di pungere stavolta con Fagnani, il numero dieci si gira bene ma calcia troppo debole. Al 32’ altra combinazione in fase offensiva tra Corrado e Verde, il primo crossa in area, il secondo di tuffo in testa non trova lo specchio. C’è più Ispra in questo frangente, nonostante Bertagnoli non sia particolarmente impegnato, i ragazzi di Colombo tengono meglio il campo e soprattutto sulla corsia di destra con Corrado sembrano avere maggior brio. Diversi i palloni che l’esterno offre ai compagni, i biancorossi ci mettono le pezze come possono ma senza mai riuscire a ripartire come dovrebbero. Si va al riposo dopo un minuto di recupero. Devo riordinare le idee e cambiare marcia la squadra di casa se vuole incanalare la partita nella sua direzione, continuare invece a spingere e a cercare spazi fra le linee il compito dell’Ispra.

IspraSECONDO TEMPO – Pronti via ci prova subito Ranieri, che fa tutto da solo poi va alla conclusione dalla sinistra ma manda a lato. Al 2’ è sempre Ranieri ad avere sul destrao la chance del vantaggio: scatta sul filo del fuorigioco, stop di petto e piattone a tu per tu con Ottolini, provvidenziale il piattone dell’estremo difensore che manda in angolo. Cancian e compagni sembrano un po’ più vivi in questo inizio ripresa anche se Oldrini ed il reparto di difesa sono bravi a chiudere ogni spiraglio. Al 16’ sta per combinarla davvero grossa Badji che su un calcio d’angolo devia nella sua porta, lo salva il palo, sfera di nuovo sui suoi piedi ed allonatana senza sconti. De minuti più tardi Di Nola lancia Spadaccino che mette in mezzo per Ranieri ma dopo una carambola l’attaccante spara addosso al portiere. Ci vuole la zampata del capitano per sbloccare il risultato: punizione dalla destra di Di Nola, Cancian non si fa pregare ed inzucca dove Ottolini non può arrivare: 1 a 0. Immediata reazione dell’Ispra con il sinistro potente di Verde, Bertagnoli gli dice di no. Squadre più lunghe adesso e gara accesa, inizia anche la girandola dei cambi. Mister Colombo manda sul terreno di gioco Golisciano e Nangeroni optando ora per una squadra più offensiva. I bianconeri ci provano anche con qualche calcio da fermo, Fagnano si affida ai suoi interpreti vedi quando Ranieri tenta da metà campo un pallonetto su cui non si fa sorprendere il numero uno ospite. La stanchezza si fa sentire, qualcuno si accascia anche per crampi, arrivano 5’ di recupero, si sparacchia a destra e sinistra e si prova tenere, Ispra ci crede fino alla fine ma non riesce a bucare Bertagnoli e alla fine è 1 a 0.

I MIGLIORI IN CAMPO
Cancian 6.5 – Fagnano:
il capitano è il capitano e ci vuole la sua incornata perfetta per regalare al Fagnano la 5° vittoria consecutiva.
Oldrini 6.5 – Ispra: interventi perfetti e chiusure tempestive in ogni circostanza.

I COMMENTI
Raza (allenatore Fagnano): “Primo tempo sottotono, sicuramente meglio l’Ispra, nella ripresa siamo partiti con un piglio diverso e oltre il gol potevamo chiuderla due volte con Ranieri, non lo abbiamo fatto ma abbiamo retto fino alla fine. Quello di oggi era un importante esame di laurea, esame superato direi”.
Colombo (allenatore Ispra): “Nel primo tempo siamo andati bene ma dovevamo essere più cinici, se finisce 1 a 0 secondo me la partita cambia, sulla prestazione non posso dire nulla ma purtroppo torniamo a casa con zero punti”.

IL TABELLINO
Fagnano – Ispra 1-0 (0-0)
Fagnano:
Bertagnoli 6.5, Maso 6, Terzi 5.5, Badji 6, Cicchetti 6, Cancian 6.5, Mastromarino 5 (dal 13’ st Beltemacchi 6), Moretta 5.5, Ranieri 6, Di Nola 5.5 (dal 45’ st Ranieri S. sv), Spadaccino 6. A disposizione: Guerrini, Beltemacchi, Scali, Brun, Ranieri S., Manuzzato D., Bacchion.  Allenatore: Raza.
Ispra: Ottolini 6.5, Volorio 6.5 (dal 44’ st Nangeroni sv), Lamorte 6.5 (dal 22’ Dardha 6), Palatrasio 6, Oldrini 6.5, Smeraglia 6, Fagnani 6.5 (dal 30’ st Golisciano 6), Barile 6 (dal 44’ st Lombardo), Verde 6.5, Reggiori 6 (dal 30’ st Angoli), Corrado 6.5. A disposizione: Khingava, Cerutti, Dardha, Lombardo, Angoli, Golisciano, Nangeroni.  Allenatore: Colombo.
Arbitro: Sommaruga di Como
Marcatori: st: 19’ Cancian (F).
Note: Giornata serena, terreno in buone condizioni, spettatori 50 circa. Ammoniti: Beltemacchi (F), Corrado (I), Terzi (F) Angoli 3-7. Recupero: 1’+5’.

LA FOTOGALLERY

Inviata Mariella Lamonica

LEGNANO- È una bella partita quella tra la Folgore e il Casbeno. Partita vivace e senza esclusione di colpi. Vince e convince la Folgore . I padroni di casa creano tanto ma concludono poco, ci pensa quindi Qaku a portare i 3 punti a casa per la compagine legnanese. Casbeno che gioca discretamente  ma riparte in contropiede, forse il troppo nervosismo ha influito sulla prestazione della squadra.
Folgore LegnanoPRIMO TEMPO-  Al 2′ pericolo per la Folgore: imbucata di Fracasso per Malvestio, palla irraggiungibile per il numero 11 del Casbeno.  Reazione della Folgore al 7′: bravo Qaku ad incrociare sul secondo palo, è bravo Galizia a non farsi trovare impreparato. Al 14′ discreta punizione di Maggio, palla fuori ma ancora i padroni di casa che si rendono pericolosi. Al 20′ Rizzo davanti al portiere calcia a lato, enorme occasione non sfruttata per la Folgore. Al 22′ ribaltamento di fronte : Fracasso calcia male dal limite dell’area dopo un rinvio casuale della difesa del Casbeno. Passano solo pochi minuti e Tagliabue mezze un bellissimo cross, Rizzo riceve dal limite e calcia debole, buona trama di gioco dei padroni di casa. Al 30′ ancora Tagliabue a rendersi pericoloso: bel lancio di Rizzo, il numero 11 legnanese calcia fuori di pochissimo. Al 38′ ci prova Federico Colombo di punizione: Tiro centrale, si resta ancora in parità . Dopo due minuti ancora Tagliabue, il tiro però non è dei migliori e la palla esce di qualche metro alla sinistra di Galizia. Al 40′ buon tiro di Colombo, la palla però finisce dritta sull’esterno della rete.
CasbenoSECONDO TEMPO-  Prima occasione per la Folgore al 2′ della ripresa: Tagliabue calcia centrale .
Al 3′ la Folgore passa in vantaggio meritatamente: gran gol di Qaku,  che salta tutta la difesa avversaria e batte Galizia di punta. Al 10′ ancora Qaku pericoloso, palla che va a lambire il palo ed esce sul fondo. Al 14′ Galizia compie due miracoli su Tagliabue, che con due tiri ravvicinati non riesce a raddoppiare.  Al 25′ occasionissima per il Casbeno, Gaudio a botta sicura prende la traversa, probabilmente sta ancora tremando.  Espulso al 26′ Cattini per il Casbeno, fallo inutile a centrocampo e per doppia ammonizione è costretto ad abbandonare il terreno di gioco . Al 38′ ci prova Mirabella, tiro centrale , blocca Bertuola. Al 41′ bellissimo tiro di Carpentieri, palla che esce di pochissimo alla destra di Galizia.
I MIGLIORI IN CAMPO
Cattaneo (Folgore Legnano)- voto 7 :  il capitano quest’oggi diventa un muro, solo una volta si fa trovare impreparato e spende il cartellino giallo. Sicurezza e leadership, sicuramente uno dei migliori in campo per i suoi. Uscirà poi per infortunio.
Galizia (Casbeno) – voto 6,5 :  subisce gol ma compie molte parate, di cui due spettacolari su Tagliabue a botta sicura. Il portiere della formazione ospite si fa trovare spesso pronto e sicuro.
I COMMENTI 
Garantola (allenatore Folgore Legnano): ”  Abbiamo concretizzato poco, siamo giovani e serve giustamente esperienza. Abbiamo giocato una buona partita, sono soddisfatto e oggi sono tre punti d’oro. Dobbiamo ancora migliorare, ne mancavano un po’ ma siamo stati bravi”
IL TABELLINO 
Folgore Legnano- Casbeno 1-0(0-0)
Folgore Legnano:  Bertuola, Gadda, Maggio, Colombo Federico, Cattaneo( dal 24′ st. Ristori) Cozzi, Rizzo, Colombo, Qaku, Ciocia( dal 32′ st. Carpentieri), Tagliabue( dal 37′ st. Scandroglio). A disposizione: Colombo,  Morelli, Chiodini, Russo.  Allenatore : Garantola.
Casbeno: Galizia, Secco( dal 28′ st. Bianco) Cattini, Marinelli, Mazzotta, Galluzzo, Fracasso( dal 18′ st. Bianchi) Gaudio, Bottelli, Caon ( dal 45′ st. Tamborini),  Malvestio( dal 7′ st. Mirabella). A disposizione: Lasala, Del Popolo,  Tamborini. Allenatore: Piama
Arbitro: Maurello    di  Sesto San Giovanni
Marcatori: pt’ 3′ Qaku
Inviato Niccolò Crespi

TRADATE –  Il Cairate fa la partita, ma il Tradate vince, questa la sintesi più estrema dell’incontro. I grigiorossi di Curatolo, nonostante il maggiore possesso palla esercitato per quasi tutti i novanta minuti, escono sconfitti dal campo di Tradate per due reti a zero. Decide una doppietta di Re nel primo tempo. La prima rete del numero sette tradatese è viziata da una iniziale posizione di fuorigioco, la seconda marcatura sfrutta con cinismo un errore individuale dei grigiorossi in fase di impostazione.

TradatePRIMO TEMPO – Schieramenti tattici speculari, 4-3-3 per entrambe le formazioni. Sono gli ospiti del Cairate a fare l’incontro per tutta la prima frazione, ma i gol li segnano i padroni di casa, cinici nello sfruttare ingenuità di difensive ed errori individuali. La prima conclusione nello specchio della porta arriva al5’ e porta la firma di Pedotti che dopo una progressione sulla sinistra impegna Menescardi con un diagonale che l’estremo ospite respinge. Al 15’, con il Cairate padrone del campo, passano gli ospiti: Guerrini innesca Re scattato in sospetta posizione di fuorigioco, l’esterno offensivo prima subisce il rientro di Macchi e Conbianchi, poi è abile a lasciare sul posto entrambi i difensori e battere Piuri da pochi passi. Arbitro e duo difensivo da rivedere.  I grigiorossi si riportano in avanti e vanno alla conclusione su calcio da fermo con Mura, blocca facilmente Menescardi. Al 20’ errore individuale di Curatolo che in fase di costruzione perde palla davanti alla difesa su pressione di Re, il numero 7 tradatese entra in area e di collo destro trafigge l’estremo difensore ospite. Nel finale di tempo cresce la pressione del Cairate che collezione molti calcio d’angolo e dimostra maggiore qualità individuale e capacità di manovra. Al 33’ Marazzi di testa su palla d’angolo schiaccia fuori da ottima posizione. Al 40’ su angolo di Porcaro, Curatolo colpisce di testa a botta sicura, è reattivo Menescardi a respingere. Prima del duplice fischio finale nuova occasione per gli ospiti con De Luca che va via sulla sinistra in progressione, mette in mezzo per Porcaro che gira al volo con palla sopra la traversa.

CairateSECONDO TEMPO – La ripresa inizia con i medesimi ventidue del fischi di inizio in campo. Al minuto 8’ Curatolo inserisce Shabaj per Malatesta con Porcaro che si sposta al centro dell’attacco e De Luca largo a sinistra nel tridente offensivo. La ripresa è equilibrata, i padroni di casa nei primi dieci minuti collezionano una serie di calcio d’angolo senza che ne scaturiscano occasioni di rilievo. Con il passare dei minuti cresce la spinta degli ospiti che prendono in mano il pallino del gioco, ma la manovra è lenta e scontata e la difesa biancoblu controlla senza particolari apprensioni. Il secondo tempo registra poche emozioni, il possesso palla del Cairate non trova sbocchi offensivi. In un paio di situazioni De Luca vanifica buone iniziative personali per un eccesso di egoismo. Il numero nove grigiorosso, a testimoniare il momento non facile degli ospiti, viene espulso nei minuti finali, quando per proteste rimedia il secondo cartellino giallo. È questo uno dei pochi episodi degni di nota della seconda frazione di gioco che termina con le urla di gioia dei giocatori di casa.

I MIGLIORI IN CAMPO
Re 7  (Tradate)
: dribbling secco in occasione della prima rete, conquista palla e conclude con precisione in occasione della seconda rete. Decisivo.
Pedotto 6.5  (Cairate): spinge con generosità nel primo tempo,  nella ripresa, spostato a centrocampo, gioca con diligenza tattica.

I COMMENTI
Belvisi (allenatore Tradate)
: “abbiamo sfruttato al meglio le due occasioni che ci sono capitate, poi bravi a concedere poco a una squadra sempre temibile come il Cairate”.
Curatolo (allenatore Cairate): “merito agli avversari che hanno sfruttato le nostre disattenzioni. Dobbiamo crescere in personalità, siamo fragiliˮ.

IL TABELLINO
Tradate
-Cairate 2-0 (2-0)
Tradate
: Menescardi 6.5, Crosti 6, Gariboldi 6, Galluzzo 6, Paolillo 6, Aresi 6.5, Re 6.5,  Basaglia 6.5 (dal 25’ st Moretti 6), Cosentino 6.5 (dal 44’ st Bouraya sv), Verna 6, Guerrini 6 (dal 38’st Broggi sv). A disposizione: Coppetti, Grassi, Semenza, Casotto.. Allenatore: Belvisi.
Cairate
: Piuri 6, Macchi 6, Pedotti 6.5, Curatolo 6, Cobianchi 6, Diomande 6.5 (dal 24’ st Algeri 6.5), Malatesta 6 (dal 8’Shabaj 6) , Porcaro 6 (dal 35’ st Federico sv), De Luca 6, Mura 6, Marazzi 6. A disposizione: Prederi, Ghiringhelli, Cattagni, Lettieri . Allenatore: Curatolo.
Arbitro:
Sig. Edoardo Bertin di Como.
Marcatori:  pt: 15’ e 21’ Re (T)
Note: Spettatori 100 circa. Ammoniti: De Luca (C). Espulsi: De Luca (C) per doppia ammonizione. Angoli: 5-8. Recupero: 1+3

LA FOTOGALLERY

Inviato Marco Gasparotto

RISULTATI E CLASSIFICA

 

Le altre partite

Gorla Maggiore – Antoniana 3-3 (1-1)
Gorla Maggiore: Massara, Bernacchi (dal 1’ st Alessi), Coppola, Bonizzi, Di Simone (dal 40’ Favaretto), Mireku, Sangiorgi (dal 12’ Mazzon), Rimoldi, Falsaperna,, Felice (dal 31’ st Strazzella), Ippolito. A disposizione: Mattioli, Mazzon, Strazzella, Favaretto, Pagani, Foresti, Alessi. Allenatore: Baratelli.
Antoniana: Salvadori, Negri, Bertoloti (dal 14’ st Ballarati), Lo Piccolo, Di Bari, Pastanella, Macchi (dal 17’ st Saporiti) , El Harrouchi, Aa Petre, Gorletta (dal 40’ st Bongiorno), Monticelli. A disposizione: Paroni, Moro, Saporiti, Ballarati, Locci, Ferrario, Bongiorno. Allenatore: Airoldi.
Arbitro: Colombo di Legnano
Marcatori: pt: 12’ rig. Ana Petre (A), 23’ Falsaperna (G); st: 6’ Ana Petre (A), 10’ aut. Bertoloti (A), 37’ Alessi (G), 41’ Monticelli (A).
Sei gol tra Gorla Maggiore e Antoniana, tre per parte e posta in palio perfettamente divisa.
Nel primo tempo al 12’ Bernacchi commette fallo in area, per l’arbitro non ci sono dubbi ed è calcio di rigore: Ana Petre s’incarica della battuta e non sbaglia. 0 a 1. La risposta del Gorla non si fa attendere e al 23’, dopo un cross di Coppola, ecco il tapin vincente di Falsaperna.
Il resto succede tutto nella ripresa. Ancora Ana Petre riporta avanti i suoi quando dopo una punizione ha la palla sui piedi ed è spietato nel battere ancora Massara. Ma la gioia ospite dura poco perché al 10’ Bertoloti incappa in una deviazione sfortunata che vale l’autogol. I gorlesi spingono e al 37’ si portano sopra con Alessi, il più lesto dopo una respinta corta della retroguardia, nel ribadire in rete. Ma non è ancora tutto perché al 41’ ci pensa Monticelli a farsi trovare pronto dopo un corner e a far scorrere i titoli di coda sul risultato di 3 a 3.

Luino Maccagno – Amici dello Sport 0-1 (0-1)
Luino Maccagno: Crugnola, Cortez, Romano, Vallone, Iozzino, Bosetti, Pollio, Ghelfi, Vecchio, Morandi, Diana . A disposizione: Esposito, Castorino, Faraj, Cerinotti, Galbiati, Coulibaly, Silipo. Allenatore: Colombo.
Amici dello Sport: Ferni, Borsani, Bolognini (dal 1’ st Castiglioni), Dugnani (dal 20’ st Macchi – dal 23’ st Iorio), Panarese, Re (dal 15’ st Azimonti), Falvella (dal 10’ st Turconi), Nardone, Negri, Agrello, Cavaleri.  A disposizione: Melchiorre, Lodedo, Castiglioni, Iorio, Macchi, Azimonti, Turconi. Allenatore: Cau.
Arbitro: Barlocco di Legnano.
Marcatori: pt: 10’ aut Romano (L).
Basta un’autorete al Cas per portare a casa altri tre punti preziosi.
L’unico gol della gara arriva al 10’ del primo tempo quando Bolognini mette in mezzo per Negri, l’attaccante fa a sportellate con Romano che di testa colpisce male e manda alle spalle del suo stesso portiere. Nella prima frazione di gioco non succede altro, poche occasioni da ambo i lati.
Nella ripresa il Cas cerca di fare un  po’ più gioco ed avrebbe anche le occasioni per chiudere la gara con  Iorio prima, bella la sua progressione ma palla a lato, e Castiglioni poi, che trova invece l’opposizione del portiere. Non succede più nulla e al 90’ è 0 a 1.

San Marco – Valceresio 2-1 (0-1)
San Marco: Martignoni, Bellin, Primi, Caccia (dal 41’ st  Salmoiraghi), Principato, Roncato, Bugini (dal 16’ st Diouf), Gallarati, Antonello, Lambertini (dal 26’ st Possoni), Vendemmiati. A disposizione: Colombo, Possoni, Salmoiraghi, Andreolli, Caristina, Landonio, Diouf. Allenatore: Rasini.
Valceresio: Ambrosetti, Soave, Ndzie, Di Carluccio, Iori (dal 16’ st Bosio), Carini, Quiroz, (dal 23’ st Azzolin) Italiano, Nigro, Piccinotti (dal 16’ st Toniolo), Turri. A disposizione: Di Cara, Giardino, Visconti, Bosio, Azzolin, Toniolo, Favaretto. Allenatore: Roncoroni.
Arbitro: Sgarella di Abbiategrasso.
Marcatori: pt: 47’ Nigro (V); st: 20’ Antonello (S), 30’ Vendemmiati (S)
Strappa tre punti vitali la San Marco contro un ‘avversaria davvero ostica qual è la Valceresio.
Primo tempo di marca arcisatese ma nonostante ciò gli ospiti passano solo al 47’ quando Nigro è abile a sfruttare una respinta corta di Martignoni dopo una punizione di Italiano.
Nella ripresa i bustocchi si scuotono un po’ e arrivano al pareggio al 20’ con Antonello: azione tutta di prima, Vendemmiati va sul fondo e mette in mezzo per il compagno che di piattone al volo trafigge Ambrosetti. Passano 10’ ed Antonello restituisce il favore proprio a Vendemmiati: altra azione corale, quest’ultimo riceve in profondità e con un diagonale trafigge il numero uno della Valceresio. Carini & Co restano anche in dieci per l’espulsione di Soave (doppio giallo) e non trovano la forza di reagire. Il risultato non cambia più fino al 90’.

Vanzaghellese – Union Tre Valli 0-1 (0-1)
Vanzaghellese: Mainini, Grassi (dal 34’ st Mesiti), De Laurentis, Vago, Finato, Foglia, Bellin, Pisoni (dal 17’ st Candido), Ghelfi (dal 38’ st Mariani), Vacirca, Gandolfo. A disposizione: Pitaro, Diop, Mariani, Bettio, Mesiti, Volpi, Candido. Allenatore: Trubia.
Union Tre Valli: De Leo, Gandini, Roca, Campana, Bellini, Gilardi, Frigeri (dal 27’ st Sovini), Follis, Tafuri (dal 42’ st Bosetti), Lodino (dal 14’ st Del Rio), Binda. A disposizione: Lucisano, Sandonal, Bosetti, Picariello, Sovini, Del Rio. Allenatore: Vincenzi.
Arbitro: Saffioti di Como
Marcatori: pt: 39’ Tafuri (U)
A Vanzaghello passa il Tre Valli che con un gran gol di Tafuri si guadagna la vittoria su un campo difficilissimo.
Succede tutto al 39’ quando Ghelfi a tu per tu con De Leo si divora un gol fatto, ripartenza Tre Valli Tafuri arriva al tiro ma la difesa respinge, sulla stessa ribattuta ancora Tafuri di controbalzo trova l’angolino basso.
Nella ripresa i padroni di casa tentano di ribaltare le sorti del match: ancora Ghelfi di testa dopo un cross di Candido manda fuori di un soffio, mentre proprio allo scadere De Laurentis da punizione colpisce in pieno la traversa, traversa che chiude definitivamente i conti.

In redazione Mariella Lamonica