Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Pallavolo, UYBA Volley

Troppi errori, Modena passa al Palayamamay in tre set

BUSTO ARSIZIO – In un Palayamamay quasi tutto esaurito, la Unendo Yamamay Busto Arsizio subisce uno 0-3 (19-25, 20-25, 24-26) dalla Liu Jo Modena e incassa la nona sconfitta stagionale, la quarta tra le mura amiche. Un risultato amaro che, unito alla concomitante vittoria di Montichiari a Vicenza, non aiuta di certo nella rincorsa verso un posto nei playoff.
La serata delle farfalle è contraddistinta da tanti, davvero troppi e anche banali errori (33) al cospetto di un avversario quadrato ma che tuttavia ha concesso alle biancorosse opportunità per rientrare in partita. Questo è accaduto soprattutto nel terzo set quando dal 14-18 la UYBA è risalita caparbiamente fino al 23-21 e ha lasciato assaporare per qualche momento l’illusione della vittoria del set ai tifosi del palazzetto. Poi, gli sbagli delle giocatrici di casa si sono uniti a quella svista arbitrale che è costata il 24-25; a chiudere ci ha pensato l’ex Diouf, autrice di 11 punti con un bassino 24%. Ben più efficace tra le bianconere è stata Di Iulio, premiata MVP del match (11 punti con 53% in attacco e buoni numeri anche in ricezione). Sul fronte UYBA a salvarsi è la solita Lowe con 16 punti e il 38% in attacco e Pisani, tornata sui suoi standard con 6 degli 8 muri di squadra stampati alle avversarie.
Al termine della sfida da segnalare il lancio in campo di tre bottigliette d’acqua da parte di qualche tifoso di casa; la rabbia per una sconfitta e/o per una decisione arbitrale dubbia non giustificano affatto quel gesto violento che potrebbe costare alla società bustocca una multa.

Coach Mencarelli schiera Hagglund in regia, Lowe opposto, Thibeault e Pisani centrali, in banda conferma ancora Papa e Rousseaux, che ha smaltito l’attacco influenzale, e Poma libero.
Dall’altra parte della rete, coach Beltrami risponde con Ferretti in regia, l’ex di turno Diouf come opposto, al centro Folie ed Heyrman, in posto quattro l’azzurra Di Iulio e l’ungherese Horvath e Arcangeli libero.

 

LA PARTITA

PRIMO SET – La gara è vivace fin dai primi scambi: ai punti di Heyrman, Diouf e Di Iulio (per lei 5 totali con il 62%), risponde soprattutto Papa, brava in attacco e anche al servizio; è suo infatti l’ace che vale il 3-2. Il +2 di Thibeault (5-3) dura un batter d’occhio perché un errore di Rousseaux e il punto di Di Iulio riportano le due squadre in parità sul 5-5. La UYBA riparte e macina un altro +2 del 12-10 con la pipe di Lowe e il muro di Pisani ribadisce il concetto. I due punti consecutivi di Horvath, tuttavia, danno il vantaggio modenese del 15-16 e da qui in avanti sono le ospiti a reggere bene sugli attacchi di Busto e a contrattaccare positivamente. Lowe dà il 17-17, ma da qui in avanti Modena piazza un break di 0-5 che taglia le gambe alle farfalle (17-22); a nulla valgono i due time out chiamati da coach Mencarelli perché la distanza ormai è troppo grande. L’ultimo sussulto è il muro di Pisani su Diouf per il 19-24, poi chiude Folie in primo tempo (19-25).

SECONDO SET – I due allenatori ripartono con gli stessi sestetti del set precedente e l’avvio delle padrone di casa è incoraggiante: prima il muro dell’1-0, poi l’ottimo break che vale il 6-3. Poi, gli animi si accendono per una decisione più che dubbia dell’arbitro che sventaglia anche un cartellino giallo. La UYBA dal 7-4 firmato Lowe (è lei comunque la più prolifica delle padrone di casa con 5 punti e il 45%) si trova raggiunta sul 7-7 dopo due errori consecutivi di Rousseaux che costano alla belga il richiamo in panchina da parte del coach; al suo posto Degradi che ha un buon impatto sulla gara e insieme a Pisani confeziona il 12-10 con cui le due squadre vanno al time out tecnico. Le biancorosse mantengono la testa avanti e raggiungono il massimo vantaggio sul +3 del 16-13 che costringe Beltrami a chiamare time out; ma, al ritorno in campo, le modenesi sono rinate e la UYBA si smarrisce: in un batter d’occhio, infatti, Modena arriva al 16-16 facendosi notare positivamente a muro (4 i muri totali, 2 di Diouf) e poi mette la freccia sulla murata stampata a Degradi (17-19). Busto non reagisce e capitola nel finale fino al 20-25 di Heyrman.

TERZO SET – Dopo un inizio equilibrato (6-6), Modena prova ad allungare con un break di 1-4 (7-10) approfittando anche di un errore di formazione commesso dalle biancorosse dopo l’ingresso di Rousseaux al posto di Degradi. Se al time out tecnico le ospiti vanno in vantaggio (10-12), al ritorno in campo la UYBA lima lo svantaggio e arriva al pareggio del 12-12 e poi del 14-14 con Lowe. La doppia in palleggio di Hagglund costa il -2, che diventa subito dopo -4 (14-18) per gli errori di fila di Papa e Lowe. Sul 16-18 Thibeault lascia il posto a Fondriest e una serie di sbagli consente a Modena di arrivare al 17-20. Le farfalle dimostrano in questo frangente un gran carattere e risalgono fino al 20-20 trascinate da Lowe, da un muro di Pisani e da Rousseux. Folie sbaglia (21-20), un altro muro di Pisani dà il 23-21, ma presto arriva il 23-23 su una murata presa da Rousseaux. Il finale di set si fa a dir poco incandescente e, quando l’arbitro dà il punto del 24-25 alle ospiti giudicando in favore di Modena un punto che invece sembrava favorevole alle padrone di casa, gli spalti ruggiscono. Il sipario si chiude sul diagonale di Diouf del 24-26.

 

Unendo Yamamay Busto Arsizio – Liu Jo Modena 0-3 (19-25, 20-25, 24-26)
Unendo Yamamay Busto Arsizio: Rousseaux 3, Degradi 1, Cialfi ne, Negretti, Fondriest, Hagglund 1, Thibeault 6, Papa 7, Lowe 16, Angelina ne, Yilmaz, Pisani 8, Poma (L). All. Mencarelli, 2° Musso. Battute errate: 6. Battute vincenti: 2. Muri: 8.
Liu-Jo Modena: Bertone ne, Carraro ne, Gamba, Rivera ne, Heyrman 7, Di Iulio 11, Folie 9, Galeotti ne, Arcangeli (L), Ferretti 2, Diouf 11, Starovic, Scuka ne, Horvath 8. All. Beltrami, 2° Barbolini. Battute errate: 10. Battute vincenti: 3. Muri: 8.
Arbitri: Canessa – Venturi
Spettatori: 3943

 

RISULTATI 16^ GIORNATA E CLASSIFICA

 
I COMMENTI
LE PAGELLE
LA FOTOGALLERY DEL PUBBLICO
LA FOTOGALLERY

Laura Paganini
(foto Daniele Mora)