Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Pallacanestro Varese

Le pagelle: italiani di alto livello? Vincono quelli di Varese. Nettamente….

Davies 5.5: la partita inizia subito in salita per Brandon e coach Moretti lo cambia dopo due giri di pista, ma prosegue nello stesso modo con il lungo biancorosso che soffre i muscoli della coppia dell’Est reggiana e produce poco e maluccio sui due lati del campo
Wayns 6.5: la difesa Grissin Bon tiene le sue penetrazioni e Malik fa bene dall’arco, ma resta la sensazione che potrebbe costruire qualcosa di più
Varanauskas 6: pochi minuti, tutti di sacrificio difensivo
Wright 7.5: 
condottiero “infinito” di una gara giocata con testa, cuore e cervello, anche loro ”infiniti”. Il suo tabellino è sinfonico, ma non racconta della grande prova anche in difesa
Cavaliero 7: un paio di stoccate di grande classe cui unisce una gara sempre intelligente e attenta da giocatore anima del gruppo. Basta ripensare ai tuffi per recuperare i palloni vaganti o alle ultime giocate difensive anche se il match è ormai in ghiaccio
Campani 7: grande partita da ex per Luca che spacca in due la gara con le sue iniziative sulle due dimensioni: una doppia cifra corposa che sorprende i volumetrici Veremeenko e Golubovic
Kangur 7: avvio fantascientifico per KK (sette punti di fila) che poi, quando vede crescere i compagni lascia a loro la scena offensiva sibilando: <Divertitevi “raga”, adesso è il vostro turno>, lui rientra nei ranghi e mette insieme una gara comunque notevole
Ferrero 7:
contro i “grissini” festeggia, in un momento delicatissimo, la seconda tripla stagionale (2/28 per GCF, si potrà fare in meglio, molto meglio in futuro ndr) e mette insieme numeri importanti – 9 punti in 15 minuti -, energia a fiumi e apporto di grande sostanza: un fattore, più che determinante, in un match difficile
Kulsis 6:
coach Menetti imposta gran parte della partita su di lui togliendogli gli spazi di uscita sui blocchi, in più la marcatura di Aradori, un pit-bull fastidioso e cattivo è ardua da scrollare. Così Riccardino, poco presente in attacco, regala buone letture tattiche ai compagni, fa bene in difesa e a rimbalzo