Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Bocce

Il varesino Giuseppe D’Alterio Campione d’Italia cat. A

Bella. Questa edizione dei Campionati Italiani senior maschile della raffa lo è stata pienamente. Che in parte abbia contribuito al suo successo in generale la sparizione di due categorie, leggasi A1 e D, pare innegabile. Nessun fraintendimento, non è che gli anni precedenti ci fosse qualcosa di meno e neppure qualcosa di troppo, ma vedere numeri “tradizionali” e tutti i giocatori di un certo livello riuniti insieme, riempie gli occhi e fa riaccendere la passione.

La finale dell’individuale di serie A ne è un po’ un emblema. Giuseppe D’Alterio, con i colori varesini dell’Alto Verbano, contro Gianluca Formicone, il “computer” dell’Aquila, ribadito durante la diretta streaming da chi nelle alte sfere glielo ha appioppato, questo soprannome. Due superbig, in poche parole, che rivedremo in azzurro assai presto.
La cronaca della prova con le quattro bocce in campo per giocatore, Giuseppe D’Alterio parte forte, gioca praticamente come se non ci fosse un domani. In accosto surclassa Formicone, non esattamente il primo venuto, mettendolo sotto pressione sin dall’inizio. Quel 10-1 pare il preludio di una inarrestabile cavalcata che lo vedrebbe per la settima volta campione tricolore. Anche un pizzico di fortuna è decisamente a suo favore. Ma Formicone è Formicone e la sua pelle sportiva si vende molto dopo quella degli orsi della sua regione. Reagisce l’abruzzese, d’orgoglio fondamentalmente, consapevole del momento di assoluta grazia del suo avversario. Del resto al loro livello, come normale, si conoscono tutti, e bene. Sul 10-4 per il campano, colpendo una boccia facile a distanza ridotta otterrebbe il quinto punto ma, incredibilmente, sbaglia. 11-4. Nel tiro successivo ne realizza però altri tre, rifacendosi in parte sotto, ma è l’ultima luce, quella più forte prima che la lampadina si spenga del tutto. D’Alterio dopo una leggera flessione si rimette a giocare come all’inizio, macinando accosti senza sbagliare bocciate. Gioca alla Formicone, insomma. E alla fine chiude. 12-7 e altro titolo nel suo palmares, alla grande.
Ora si va a Crema per i campionati Europei e i nostri alfieri partono come sempre con i favori del pronostico, in campo per la nostra Nazionale Giuseppe D’Alterio (Alto Verbano Varese) Gianluca Fomicone e Savoretti (Aquila) e Luca Viscusi (Caccialanza Milano). Diretta streaming domenica pomeriggio 2 ottobre a partire dalle ore 13.30.

Carluccio Martignoni