Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio

Il Saronno torna in Eccellenza. La SolbiaSommese che dice “no” a Gallarate

Come anticipato, alla fine l’accordo tra la SolbiaSommese e il presidente della Gallaratese Caravatti non è più andato in porto. Orlando Balconi and Co. (Ciro Intermite e Giovanni Meneguz), dopo aver interrotto quello con la Solbiatese e avviato stretti rapporti con il calcio di Gallarate, alla fine hanno optato per Saronno. Mantenendo la matricola e dunque la categoria della Solbia (l’Eccellenza) rinascerà lo storico FBC Saronno attraverso una fusione con la squadra “Matteotti”. La domanda è già stata inoltrata e si aspetta l’ok definitivo da Roma.

Balconi spiega così la scelta: “Ci dispiace molto per Caravatti perché si è dato tanto da fare, ma a Gallarate saremmo stati soli, con pochi sponsor e per di più senza campi di allenamento. Un matrimonio si fa in due… Abbiamo preferito Saronno dove esiste già una dirigenza e noi daremo solo una mano non ricomprendo alcun incarico”. Il nuovo club si sta già muovendo per poter giocare al Comunale, stadio che però necessita di qualche intervento. Il “Matteotti”, dove gioca attualmente la squadra omonima in Terza Categoria, è comunque omologato per l’Eccellenza.

Ancora presto per parlare di presidente, direttore sportivo e allenatore. E i giocatori della SolbiaSommese? “Non sono vincolati a restare – dice Balconi -. Sono liberi di andare dove vogliono anche se spero che la nuova dirigenza decida di puntare su di loro”.
Nel frattempo anche la Robur Saronno annuncia novità tramite la pagina facebook: “La Saronno Robur Asd rende noto che nel mese di luglio il Presidente Mario Busnelli convocherà una CONFERENZA STAMPA per presentare in anteprima il programma e i progetti per la stagione sportiva e calcistica 2015/2016. Il silenzio di quest’ultimo periodo ci è servito per lavorare instancabilmente ed in modo sereno e serio alla costituzione di un nuovo gruppo di lavoro, dall’organigramma societario allo staff tecnico”.

Elisa Cascioli