Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Pallacanestro

Crescere Varese, “Prima uomini, poi cestisti”. Il progetto ha bisogno di voi

L’obiettivo di ogni Settore Giovanile è quello di riuscire a formare talenti che possano arrivare alla prima squadra, certo una particolare attenzione anche al ragazzo, ma il risultato sportivo resta sempre in primo piano. Con il progetto ‘Crescere Varese‘ le cose vengono completamente ribaltate e la priorità diventa far crescere il ragazzo, farlo diventare uomo e, di pari passo, formarlo come cestista.
E’ questo quello che accadrà in Pallacanestro Varese che ha lanciato il progetto che ha come caratteristica principale l’autofinanziamento grazie a sponsor ma, soprattutto, grazie a Triboom, il sistema dicrowdfunding dedicato al mondo dello sport, attraverso il quale i tifosi potranno scendere in campo sostenendo concretamente il settore giovanile biancorosso.
Innovativa la proposta di “coaching” che sarà curata da Domenico Giordano, docente della Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching, per affiancare e aiutare nella loro crescita sportiva, personale e di studio gli atleti della squadra Under 18 allenata da Andrea Meneghin, Andrea Triacca e Alessandro Grati, il settore giovanile della Pallacanestro Varese tramite il progetto Crescere Varese metterà a disposizione dei ragazzi di tutte le formazioni che arrivano da fuori città un pulmino per arrivare comodamente agli allenamenti.
La mia storia fa capire quanto mi stia a cuore il settore giovaniledichiara Massimo Ferraiuolo, coordinatore del settore giovanile e del centro minibasket biancorosso –. Crescere Varese è un’iniziativa nella quale credo molto perché può diventare sicuramente un’occasione di crescita per la Pallacanestro Varese. Stiamo cercando di investire, di cercare risorse importanti per varare nuovi progetti perché questo possa diventare un motivo di orgoglio e di vanto per il club. Aiutare a far diventare grandi i ragazzi come giocatori e come uomini è sicuramente il nostro obiettivo e fin da oggi ringrazio tutte quelle persone che in ogni modo vorranno interessarsi e aiutarci”.

Ulisse Giacomino