Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Calcio

Eccellenza, finale di Coppa Italia – Boom boom Anzano: la Bustese vince il primo trofeo stagionale

SOLBIATE ARNO – Ci sono partite in cui le motivazioni e le emozioni oltrepassano qualsiasi questione tecnica o tattica e bastano da sole a preparare nei dettagli un match dove la posta in palio è altissima, dove vincere significa mettere in bacheca il trofeo di Coppa Italia d’Eccellenza, regione Lombardia.
Bustese (in maglia bianca) e Varesina (in maglia nera) si affrontano oggi per aggiudicarsi il primo riconoscimento stagionale.

PRIMO TEMPO – Con qualche minuto di ritardo rispetto all’orario prestabilito, il sig. Nicolini dà il via al match.
IMG_20141220_143709Al 6’ prima grossa occasione per la Bustese: riceve in area Anzano un cross basso di Calizzi, abile il numero undici a girarsi e tirare, ma è attento Debernardi che respinge.
Risponde la Varesina con Tino che raccoglie una respinta corta della retroguardia avversaria dopo un ottimo cross di Pizzini, di prima intenzione cerca il secondo palo, la sfera resta bassa e fa solo la barba al palo.
Pimpantissimo il numero undici biancoblu che dai venti metri si fa largo e trova lo spazio per il tiro, ancora Debernardi si distende e dice no.
Sale il ritmo della sfida soprattutto da parte dei ragazzi di Cavicchia, che in questa parte di gara sembrano tenere in mano senza troppa fatica il pallino del gioco.
Ancora Bustese a rendersi pericolosa, stavolta con Gibellini che dopo una sponda di Anzano, cerca di destro di impensierire il numero uno bianconero, ma la sua conclusione è troppo centrale.
Chance per Bianchi ghiottissima al 32’ quando in area dopo un’ottima finta di Pizzini si ritrova a tu per tu con Dall’Omo, ma il suo tiro viene mandando in angolo proprio grazia ad un intervento dell’estremo difensore della Bustese. Sul seguente corner la Varesina va in gol grazie ad una conclusione dal limite del suo capitano, ma il direttore di gara annulla rilevando un fallo in attacco piuttosto dubbio.
La gara si sblocca ufficialmente al 41’ grazie al migliore in campo biancoblu che di testa insacca una punizione dalla destra di Gervasoni. Cambia quindi il risultato a quattro minuti dal termine della prima frazione di gioco.
Proprio sul finire di questa parte di match la nebbia cala sul terreno di gioco dello stadio Chinetti peggiorando non poco le condizioni visive.
Rischiosissimo l’intervento a gamba tesa di Mercorillo, che già ammonito viene graziato dall’arbitro. Non viene graziato invece Folcia che rimedia un giallo per fallo ai danni di Caon, sulla seguente punizione prova a girare in porta di testa Pizzini, ma è troppo centrale il suo tentativo.
Si va così al riposo sul risultato di 1 a 0, gara sicuramente accesa ed ancora apertissima ad ogni risultato.

SECONDO TEMPO – Si ricomincia con un tiro telefonato del solito Caon che dai sedici metri non riesce a battere Dall’Omo. La Varesina sembra IMG_20141220_144552decisa ma poco lucida, è Busto a rendersi più pericolosa con Mercorillo prima dalla distanza, ma il suo destro termina a lato di poco, e con Calizzi poi, che dalla destra beffa il suo diretto avversario e mette in mezzo per Anzano, provvidenziale Albizzati a risolvere una mischia pericolosissima.
Spilli tenta di dare una scossa con forze fresche, e dopo Rampinini manda in campo anche Caon F.
Ma al 25’ arriva l’episodio che potrebbe già chiudere il match: Anzano lanciato a rete cerca di saltare Allodi, il numero quattro concede un fallo di mano che gli vale il giallo ed il penalty: dagli undici metri è sempre Anzano a trasformare e siglare il 2 a 0.
Alla mezz’ora altra tegola per i bianconeri che vedono mister Spilli costretto ad abbandonare il campo per proteste.
La partita sembra ormai in cassaforte per Folcia e compagni che gestiscono senza troppi patemi il doppio vantaggio, Varesina fatica a reagire e creare occasioni da gol, degno di nota solo il palo di Rampinini proprio al termine dei quattro minuti di recupero.
E al 94′ arriva il triplice fischio del sig. Nicolini che sancisce la vittoria della Bustese e fa esplodere di gioia i numeri sostenitori accorsi alla gara.
Al termine della finale è il Presidente della Lega Nazionale dilettanti Felice Belloli a premiare vincitori e vinti, a cui viene consegnata medaglia per ogni singolo atleta, nonche coppa di primi e secondi classificati.

I migliori in campo:
Anzano – Bustese: 
è sicuramente l’uomo in più per la Bustese, e lo dimostra fin da subito partendo col piede giusto, mostrando vivacità e notevole voglia di fare. L’incornata nel primo tempo ed il calcio di rigore nel secondo (da lui stesso procurato) gli permettono di siglare la doppietta personale e di condurre i suoi compagni ad alzare la Coppa Italia. Decisivo.
Caon C. – Varesina: il capitano ci prova in tutti i modi, lotta su ogni pallone e va anche a segno, ma la sua rete viene ingiustamente annullata. E’ l’ultimo a mollare. Cuore Varesina.

I commenti
Spilli, allenatore Varesina: “Sono amareggiato, è stata una partita condizionata dagli episodi e mi spiace dirlo ma oggi la terna arbitrale non era in giornata. Con questo non voglio assolutamente togliere meriti alla Bustese, a cui faccio i complimenti, però la mancata espulsione di Mercorillo e il gol a noi annullato pesano parecchio sul risultato finale. Non capisco nemmeno la mia espulsione, ho solo chiesto il giallo per Folcia, anche lui già ammonito, che onestamente mi sembrava esserci tutto. Al di là di questo non posso dire che abbiamo creato molto e dobbiamo assumerci le nostre responsabilità per non essere stati bravi a costruire e renderci pericolosi. Ribadisco i complimenti a mister Cavicchia, ad Anzano, e a tutti gli altri ragazzi, ai miei giocatori, soprattutto ai più giovani, spero solo che questa gara serva per il futuro”.

Bustese – Varesina 1 – 0 (2 – 0)
Bustese: Dall’Omo, Calizzi, Palmitessa (37’ st Lanzi), Rota, Scalcella, Folcia, Gervasoni, Panzetta, Gibellini (45’ st Rondanini), Mercorillo, Anzano (32’ st Romano). A disposizione: Heinzl, Maggio, Cela, Borsani. Allenatore: Cavicchia.
Varesina: Debernardi, Tino, Barni, Allodi (39’ st Manuzzato), Borin (21’ st Caon F.)., Albizzati, Costantin (11’ st Rampinini), Di Caro Max. (36’ st Costanzo), Pizzini, Caon C., Bianchi (31’ st Buzzi). A disposizione: Salvatori, Di Caro Matt.. Allenatore: Spilli.
Arbitro: Nicolini di Brescia (Dall di Crema, Piotti di Brescia).
Marcatori: pt: 41’ Anzano (B); st: 25’ Anzano rig. (B)
Note: terreno in buone condizioni, giornata grigia, spettatori 3500 circa. Ammoniti: Mercorillo (B), Folcia (B), Tino (V), Palmitessa (B), Caon C. (V), Albizzati (V)

Mariella Lamonica