Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Pallavolo, UYBA Volley

UYBA sconfitta senza appello. Conegliano in finale

Le Farfalle abdicano al trono di campionesse d’Italia cedendo con un netto ko per 3-0 contro Conegliano. La stagione delle biancorosse, dunque, finisce con questa sconfitta, che è, tra l’altro, la prima in campionato e la seconda stagionale al Palayamamay. Complimenti a Conegliano, ma l’Unendo Yamamay, dopo il 3-0 interno di gara-1, non ha più giocato, è apparsa come bloccata e svuotata.

I due allenatori confermano il sestetto titolare delle precedenti due partite: Caracuta-Kozuch, Bauer-Arrighetti, Marcon-Brinker e Leonardi libero per l’Unendo Yamamay e Camera-Nikolova, Calloni-Barazza, Barcellini-Fiorin e Rossetto libero per l’Imoco Conegliano.
Inizio lento dell’Unendo Yamamay, pur sospinta da un palazzetto gremito e caldo: l’approccio sembra quello di lunedì al Pala Verde di Treviso e non è un buon segnale. A portarsi subito avanti con grinta e coraggio è, infatti, Conegliano che non ha paura e gioca bene. Al primo time out tecnico le Pantere venete sono già avanti (4-8) e le Farfalle faticano ad entrare in partita; sono troppe le imprecisioni in ricezione e pochi gli sbocchi in attacco (36% totale): Kozuch (17% su 6 palloni) sbaglia anche palloni facili come la pipe del 10-13, mentre Brinker consegna sulle mani di Barazza la palla del 10-16; se le centrali non sfondano (Bauer al 12% su 8 palloni), ci pensa ancora una volta Marcon (46% su 13 palloni) ad impensierire Conegliano e a provare a dare la scossa alle compagne (13-18). Il pubblico di casa torna a sperare in una rimonta sul turno di battuta di Brinker che mette a segno due ace consecutivi (17-22) e sul bel diagonale di Faucette che annulla la terza palla set di Conegliano (21-24). Ma, alla quarta, Nikolova non sbaglia (21-25) e porta avanti le ospiti.
Il cambio di marcia sperato non arriva nemmeno nel secondo set. Calloni e socie continuano imperterrite a giocare con intensità ed entusiasmo, mentre l’Unendo Yamamay è spenta, non c’è.  Sul 5-11 coach Parisi rivoluzione la squadra ed inserisce Faucette al posto di Kozuch, Grbac al posto di Caracuta e poco prima Lombardo per Brinker, ma il click sperato non scatta nella mente e nelle gambe delle biancorosse. Su un impietoso scarto di 10 punti si arriva al secondo time out tecnico (6-16) e il vantaggio per le venete si amplia (11-22): una compagine vola spinta da Nikolova, Calloni e Barcellini super, l’altra non gira. Inevitabile l’epilogo del set sul risultato di 13-25, con l’ultimo pallone sprecato da Arrighetti.
Il terzo set ha come protagonista ancora una volta Conegliano. Busto non trova sbocchi in attacco, non riesce a contenere Nikolova ed è costretta a rincorrere (5-8, 12-16). I pochi assalti delle Farfalle sono ben contrastati dalle gialloblu che non mollano la presa su un avversario ormai alle corde (15-21) e possono giustamente festeggiare la qualificazione alla prima finale della loro storia (18-25).

Unendo Yamamay Busto Arsizio – Imoco Conegliano 0-3 (21-25, 13-25, 18-25)
Unendo Yamamay Busto Arsizio: Faucette 3, Grbac 1, Brinker 8, Taborelli ne, Leonardi (L), Marcon 11, Bauer 6, Kozuch 6, Lombardo 1, Arrighetti 3, Caracuta, Bisconti. All. Parisi, vice Dagioni. Battute errate: 3, vincenti: 4. Muri: 3.
Imoco Volley Conegliano: Agostinetto ne, Maruotti ne, Fiorin 11, Daminato ne, Camera 1, Zanotto, Rossetto (L), Calloni 10, Nikolova 17, Crozzolin, Barcellini 14, Barazza 7. All. Gaspari, vice Flisi. Battute errate: 6, vincenti: 0. Muri: 15.
Arbitri: Castagna – Sobrero

IL POST PARTITA

Laura Paganini