Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Altri Sport, Calcio, Personaggio

Mirko Barban: “Un’annata straordinaria con dei ragazzi magnifici. Aspettiamo il Pres. per festeggiare”

Nel campionato di Promozione, domenica, ha trionfato l’Union Villa Cassano che dunque è una nuova squadra del campionato di Eccellenza. Timoniere della barca casalese è Mirko Barban, allenatore che ha traghettato la squadra guardando, tutti, dall’alto dall’inizio alla fine. Dalla prima all’ultima partita.
Allora, avete finito di festeggiare?
“Assolutamente no! Stiamo aspettando il nostro presidente Luigi Ielmini che torna dalle vacanze il 25, dobbiamo festeggiare con lui. Nel frattempo giochiamo sabato in amichevole contro la Primavera del Varese alle 15.30 prima del rompete le righe“.
Ripercorrendo quest’annata, si può dire che è stata perfetta?
“Beh, sì. Siamo andati in testa alla prima giornata e ci siamo rimasti fino alla fine”.
Partivate da favoriti e avete rispettato il pronostico insomma…
“Sì, ma partivamo tra le favorite assieme ad altre due buonissime squadre come Cistellum ed Arconatese. Il Cistellum ha chiuso il girone d’andata con un punto meno di noi ed è arrivato a tre lunghezze, mentre l’Arconatese ci ha recuperato due punti, ma non sono stati sufficienti…”
Ci sono stati, però, dei momenti di difficoltà nella stagione?
“Sì, dopo la partita di Solaro. Forse avevamo troppa sicurezza nei nostri mezzi e c’è stato un po’ di sbandamento da parte dei ragazzi. Abbiamo perso contro il Mozzate e pareggiato con l’Insubria: essere ripresi a due giornate dal termine ha causato un po’ di nervosismo e di delusione nei ragazzi”.
Ma…?
“Ma i ragazzi sono stati magnifici nel rialzare la testa e ha vincere le ultime due partite e a portarsi a casa questo successo”.
Il gruppo, dunque, è stato il punto di forza del tuo Cassano.
“Sì, assolutamente. Non solo i titolari, ma anche coloro che hanno giocato di meno, ma si sono fatti sempre trovare pronti quando li ho chiamati in causa. Penso a Sciarini, Di Dio, Paracchini, Agrello coi suoi assist… sono stati tutti fantastici”.
E poi quell’attacco stellare: 79 gol in 30 gare sono tanti.
“Sì. Basti pensare che ne ha fatti 28 il solo Muzzupappa, capocannoniere del torneo. Poi Berton ne ha messi a segno 16, Mattia Colombo, nonostante i vari infortuni, ha dato il suo contributo importantissimo…”
E l’anno prossimo?
“Non lo so, intanto mi godo il momento. Poi deciderà la società, io sono a loro disposizione. Sono convinto, comunque, che questa squadra, con qualche ritocco, può disputare un buon campionato in Eccellenza. Le basi ci sono, vedremo”.
Ma intanto c’è ancora da festeggiare…

Federica Lancini